Home » Nazionali »Politiche » Ambientalisti davanti al Palazzo: “Più coraggio per salvare il clima”:

Ambientalisti davanti al Palazzo: “Più coraggio per salvare il clima”

marzo 5, 2014 Nazionali, Politiche

Il neo Presidente del Consiglio Matteo Renzi e la sua squadra di ministri, a pochi giorni dall’insediamento, trovano già in piazza tutte le principali associazioni ambientaliste italiane, davanti al Palazzo, per chiedere che l’Italia assuma un ruolo decisivo anche in Europa sulla lotta al cambiamento climatico.

Da Greenpeace a Legambiente, da Kyoto Club al WWF, da ANEV al Comitato Si alle Energie Rinnovabili No al Nucleare: c’erano tutti, davanti a Montecitorio, venerdì scorso, alla manifestazione indetta dal Coordinamento FREE (Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica) – fondato, tra gli altri, da ANEV, l’Associazione Nazionale Energia del Vento – cherappresenta 150mila occupati di questo mondo e oltre 30 associazioni del settore delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica”, spiega il presidente, Simone Togni.

Abbiamo rivolto a Matteo Renzi una lettera-appello”, prosegue Togni, “in cui gli chiediamo di condurre l’Italia ad assumere un ruolo non più di retroguardia, com’è stato finora, ma realmente incisivo non solo nella lotta al cambiamento climatico, ma soprattutto nel mettere in campo una politica industriale fondata sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica che porti al Paese sviluppo e nuova occupazione”.

Il prossimo 20-21 marzo, infatti, il Consiglio Europeo si riunirà per decidere sugli obiettivi europei al 2030 in materia di clima ed energia; il 3 e il 4 marzo (ieri e l’altro ieri, NdR) sarà la volta dei Ministri per l’Ambiente e di quelli con competenze in materia di Energia, per discutere il futuro dell’Unione nella sfida ai cambiamenti climatici. “Saranno, questi”, si legge nella lettera al nuovo esecutivo che tutte le associazioni hanno sottoscritto, “passaggi decisivi per scegliere la strada europea e comunitaria al contenimento di gas serra”.

A Renzi si chiede di puntare più in alto e contribuire a definire una politica comunitaria ambiziosa in materia di contrasto ai cambiamenti climatici così come di sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica.

L’Italia – si legge – con il precedente esecutivo, ha già espresso il suo impegno (insieme a Germania, Francia, Danimarca e altri quattro stati) in favore della definizione di tre target ambiziosi e vincolanti su CO2 e sviluppo delle fonti rinnovabili: riduzione del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990; produzione di almeno il 30% del consumo finale complessivo di energia da fonti rinnovabili; incremento dell’efficienza energetica del 40%. Gentile Presidente, le chiediamo di confermare l’indirizzo sin qui espresso dall’Italia e di fare ancora di più“, scrivono le associazioni. E ancora: “Chiediamo al neo Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e al capo dell’Esecutivo, di cambiare la marcia dell’Italia nelle policies ambientali fino a farne un cavallo di battaglia. “Da domani, conclude Togni, “continueremo a segnalare al governo che l’Italia deve iniziare a giocare un ruolo di primo piano nella partita energetica europea, e non smetteremo di chiedere conto al governo del mancato rispetto, da parte delle principali aziende italiane, degli obblighi di abbattimento di CO2, vincolanti per il resto d’Europa”.

“Siamo a un passaggio decisivo”, aggiunge Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente: “Non è affatto positivo che il neo Ministro dell’Ambiente non si sia mai occupato di ambiente fino a una settimana prima di diventare ministro, e che ci sia un ministro dello Sviluppo Economico espressione di Confindustria, che è radicalmente contraria agli obiettivi vincolanti fissati dall’UE, e che a differenza di altri soggetti imprenditoriali, europei e italiani, non esprime una posizione innovativa in merito”. “Perché”, sottolinea Zanchini, “ricordo anche che c’è un pezzo delle stesse aziende italiane che chiede scelte chiare, che si è messo in movimento”. E ancora: “Bisogna dire chiaramente se si vuole investire in efficienza energetica e rinnovabili: per un Paese come l’Italia che importa fonti fossili che impiega per riscaldare le abitazioni e alimentare l’industria, ridurre queste importazioni corrisponderebbe all’interesse del Paese”.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende