Home » Nazionali »Politiche » Ambientalisti davanti al Palazzo: “Più coraggio per salvare il clima”:

Ambientalisti davanti al Palazzo: “Più coraggio per salvare il clima”

marzo 5, 2014 Nazionali, Politiche

Il neo Presidente del Consiglio Matteo Renzi e la sua squadra di ministri, a pochi giorni dall’insediamento, trovano già in piazza tutte le principali associazioni ambientaliste italiane, davanti al Palazzo, per chiedere che l’Italia assuma un ruolo decisivo anche in Europa sulla lotta al cambiamento climatico.

Da Greenpeace a Legambiente, da Kyoto Club al WWF, da ANEV al Comitato Si alle Energie Rinnovabili No al Nucleare: c’erano tutti, davanti a Montecitorio, venerdì scorso, alla manifestazione indetta dal Coordinamento FREE (Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica) – fondato, tra gli altri, da ANEV, l’Associazione Nazionale Energia del Vento – cherappresenta 150mila occupati di questo mondo e oltre 30 associazioni del settore delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica”, spiega il presidente, Simone Togni.

Abbiamo rivolto a Matteo Renzi una lettera-appello”, prosegue Togni, “in cui gli chiediamo di condurre l’Italia ad assumere un ruolo non più di retroguardia, com’è stato finora, ma realmente incisivo non solo nella lotta al cambiamento climatico, ma soprattutto nel mettere in campo una politica industriale fondata sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica che porti al Paese sviluppo e nuova occupazione”.

Il prossimo 20-21 marzo, infatti, il Consiglio Europeo si riunirà per decidere sugli obiettivi europei al 2030 in materia di clima ed energia; il 3 e il 4 marzo (ieri e l’altro ieri, NdR) sarà la volta dei Ministri per l’Ambiente e di quelli con competenze in materia di Energia, per discutere il futuro dell’Unione nella sfida ai cambiamenti climatici. “Saranno, questi”, si legge nella lettera al nuovo esecutivo che tutte le associazioni hanno sottoscritto, “passaggi decisivi per scegliere la strada europea e comunitaria al contenimento di gas serra”.

A Renzi si chiede di puntare più in alto e contribuire a definire una politica comunitaria ambiziosa in materia di contrasto ai cambiamenti climatici così come di sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica.

L’Italia – si legge – con il precedente esecutivo, ha già espresso il suo impegno (insieme a Germania, Francia, Danimarca e altri quattro stati) in favore della definizione di tre target ambiziosi e vincolanti su CO2 e sviluppo delle fonti rinnovabili: riduzione del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990; produzione di almeno il 30% del consumo finale complessivo di energia da fonti rinnovabili; incremento dell’efficienza energetica del 40%. Gentile Presidente, le chiediamo di confermare l’indirizzo sin qui espresso dall’Italia e di fare ancora di più“, scrivono le associazioni. E ancora: “Chiediamo al neo Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e al capo dell’Esecutivo, di cambiare la marcia dell’Italia nelle policies ambientali fino a farne un cavallo di battaglia. “Da domani, conclude Togni, “continueremo a segnalare al governo che l’Italia deve iniziare a giocare un ruolo di primo piano nella partita energetica europea, e non smetteremo di chiedere conto al governo del mancato rispetto, da parte delle principali aziende italiane, degli obblighi di abbattimento di CO2, vincolanti per il resto d’Europa”.

“Siamo a un passaggio decisivo”, aggiunge Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente: “Non è affatto positivo che il neo Ministro dell’Ambiente non si sia mai occupato di ambiente fino a una settimana prima di diventare ministro, e che ci sia un ministro dello Sviluppo Economico espressione di Confindustria, che è radicalmente contraria agli obiettivi vincolanti fissati dall’UE, e che a differenza di altri soggetti imprenditoriali, europei e italiani, non esprime una posizione innovativa in merito”. “Perché”, sottolinea Zanchini, “ricordo anche che c’è un pezzo delle stesse aziende italiane che chiede scelte chiare, che si è messo in movimento”. E ancora: “Bisogna dire chiaramente se si vuole investire in efficienza energetica e rinnovabili: per un Paese come l’Italia che importa fonti fossili che impiega per riscaldare le abitazioni e alimentare l’industria, ridurre queste importazioni corrisponderebbe all’interesse del Paese”.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende