Home » Idee »Nazionali »Politiche » Amo l’Italia, ma ora basta! Prosegue la marcia virtuale degli imprenditori esasperati:

Amo l’Italia, ma ora basta! Prosegue la marcia virtuale degli imprenditori esasperati

marzo 3, 2014 Idee, Nazionali, Politiche

Di virtuale c’è solo la marcia, il grido d’allarme contro le tante cose che impediscono di fare impresa in Italia è invece forte e reale. Una crisi nera che fa fallire per troppo credito. “Amo l’Italia, ma basta!” è lo slogan (ideato dall’agenzia Armando Testa) della manifestazione degli imprenditori che da Torino, nel giorno di San Valentino, hanno iniziato la battaglia per la risalita. E’ stata lanciata una marcia virtuale dei 40 mila con un sito, “Ripresa Impresa“, nel quale si invitano gli imprenditori italiani a lasciare un contributo video di 30 secondi per raccontare tutto ciò che impedisce loro di fare business. Tutti i presidenti delle Unioni Industriali hanno raccontato le situazioni dei loro territori e spiegato che cosa servirebbe per cambiare rotta. Le proposte sono quelle di sempre: taglio drastico dei costi produttivi, taglio del cuneo fiscale, stabilizzazione delle risorse per i salari di produttività, maggiore liquidità, rilancio degli investimenti in ricerca, imposta di credito allargate e investimenti per beni strumentali. Mai nessuna risposta.

Tra i partecipanti molti anche gli addetti ai lavori della green economy. Certezza delle regole e negli obiettivi futuri, le loro priorità. “Le rinnovabili stanno diventando sempre più competitive con le fonti tradizionali di energia: in Italia produrre la propria energia con un pannello fotovoltaico costa ormai meno che prelevarla dalla rete. Per investire ancora nel settore, quindi, c’è molto meno bisogno di incentivi, come è stato necessario fare negli anni passati. Occorre invece ridare alle imprese sicurezza nelle norme“, afferma Agostino Re Rebaudengo, presidente di Asja Ambiente Italia e di Assorinnovabili. “Le imprese green hanno infatti bisogno di sapere che i loro investimenti passati avranno un rendimento prevedibile, qualsiasi esso sia, sul quale costruire le proprie valutazioni. Invece, in questi giorni, con la definitiva approvazione del Destinazione Italia, migliaia di investimenti in piccoli impianti effettuati negli anni passati sono stati colpiti da una norma che ha tagliato la remunerazione dell’energia prodotta. Contemporaneamente un’altra norma ha bloccato per molti impianti la possibilità di compiere opere di ammodernamento e manutenzione”.

Altrettanto fondamentale è dare certezza sugli obiettivi futuri. “Gli investimenti nel settore energetico hanno una durata generalmente molto lunga, che va dai 20 ai 50 anni: avere una strategia energetica chiara di lungo periodo darebbe un segnale importante di indirizzo per le attività delle imprese del settore“, continua Rebaudengo. La fiducia non manca, ma le cautele sono d’obbligo. “Vista l’eredità lasciata dal precedente Governo in fatto di norme contro le rinnovabili, non possiamo che sperare che il nuovo Governo cambi passo. Dopo aver ascoltato le prime dichiarazioni, che hanno messo in risalto la volontà di sfoltire la burocrazia nel nostro Paese, siamo fiduciosi. Pensiamo che il desiderio di incidere sulle politiche dell’Unione Europea del nuovo Governo possa farlo associare alla maggioranza degli Stati Membri nel definire tre obiettivi ambiziosi per il 2030: sulle rinnovabili, sulla riduzione delle emissioni e sull’efficienza energetica. Tutti i maggiori esperti internazionali riconoscono che il futuro è rinnovabile, ma alcune imprese e alcuni politici italiani, nonostante i passi importanti compiuti negli ultimi anni, ancora stentano a crederci. Su questo ci aspettiamo che i Ministri siano chiari fin da subito. Ci auguriamo quindi che Galletti prosegua sulla stessa linea e che anche il Ministro Guidi collabori con una politica industriale sostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale“.

La campagna pubblicitaria (“Amo l’Italia, ma è un amore non corrisposto”), ideata da Marco Testa, ha sullo sfondo una rosa rossa che appassisce. Le conclusioni sono del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi. “Sono convinto che non ci sia ripresa senza impresa”, afferma tra gli applausi all’Unione Industriale di Torino. “Dateci un Paese normale e vi faremo vedere di che cosa siamo capaci. Occorre rilanciare gli investimenti con un sostegno all’innovazione e alla ricerca, e investimenti nei beni strumentali. Sostegno alla produttività per detassare il salario produttività; riallineare i costi della bolletta energetica alla media dei Paesi europei; serve una forte immissione di liquidità con una Pubblica Amministrazione che paghi i propri debiti. Ma non basta, dobbiamo chiedere l’avvio di un percorso di riforme istituzionali per avere un sistema-Paese moderno ed efficiente. Bisogna liberare il Paese da regole opprimenti della burocrazia”.

Alla riunione straordinaria del 14 febbraio scorso, sono intervenuti tutti i Presidenti delle associazioni confindustriali del Piemonte, una delle regioni più colpite: Licia Mattioli Presidente dell’Unione Industriale di Torino; Marco Giovannini di Alessandria; Paola Malabaila di Asti; Marilena Bolli di Biella; Franco Biraghi di Cuneo; Fabrizio Gea di Ivrea; Fabio Ravanelli di Novara; Giorgio Cottura di Vercelli e Valsesia; Roberto Colombo di VCO; il Presidente di Confindustria Piemonte Gianfranco Carbonato, Alberto Baban neo Presidente nazionale di Piccola Industria e Giorgio Squinzi, il Presidente nazionale di Confindustria. “L’impresa è in trincea”, chiarisce la Mattioli. “In un Paese che ha perso il 25 per cento della produzione industriale e il 9 per cento di Pil, che per Torino si traduce in 7 miliardi di prodotto interno lordo persi dal 2008, si parla di crisi nera”. “Una regione manifatturiera colpita duramente dalla crisi, più ancora di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna”, aggiunge il presidente di Confindustria Piemonte Gianfranco Carbonato. “Abbiamo perso oltre 11 punti di Pil, oltre 12 miliardi, con 632 milioni di ore di cassa integrazione fatte e un tasso di disoccupazione più che raddoppiato, al 10 per cento”. Carbonato parla a nome delle 5.914 imprese del sistema confindustriale, “ma vogliamo rappresentare l’interesse dei nostri 273mila dipendenti”, precisa.

Parla invece di ritardi nei pagamenti la presidente degli industriali di Asti. “Qui il problema è che si fallisce per troppi crediti e non per debiti”. Da Ivrea Fabrizio Gea racconta di una complicata convivenza tra la difficoltà quotidiana di imprese e lavoratori e “la mancanza di visione di chi governa e l’incapacità anche di piccoli cambiamenti”. Pesa la mancanza di certezza del diritto, sottolinea tra gli applausi Franco Biraghi, a capo degli industriali di Cuneo. “Qui sindaci, amministratori e imprenditori rischiano il penale per svolgere il proprio lavoro. Se potessimo mettere le ruote sotto i nostri stabilimenti li porteremmo via”. Da Novara, provincia che meglio di altre ha retto l’urto, il presidente Ravanelli parla di Irap, di gettito aumentato dell’11 per cento in fase di crisi. “Una vera e propria spremitura!”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende