Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Assovetro chiede maggior rigore sull’inquinamento acustico:

Assovetro chiede maggior rigore sull’inquinamento acustico

luglio 16, 2010 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

una finestra sul cielo, Courtesy of Flickr.comL’inquinamento acustico è, per chiunque abiti in città, una fastidiosa esperienza quotidiana. Il tema torna tuttavia raramente d’attualità. Di solito quando è in discussione qualche nuova normativa.

In questo caso agli onori della cronaca sono giunte le perplessità di Assovetro, l’Associazione degli Industriali del Vetro aderente a Confindustria, che ha espresso i propri dubbi circa i criteri di classificazione acustica degli edifici avanzati dal Ministero dell’Ambiente, nella bozza di decreto nota come “norme taglia-decibel“.  

Le nuove norme, che prevedono la suddivisione degli edifici in classi, rischierebbero, infatti, secondo l’Associazione, di non fornire, all’acquirente di un immobile, informazioni chiare, complete e comprensibili circa le reali prestazioni antirumore. Assovetro fa notare infatti come “sia fuorviante attribuire una classificazione acustica ad un edificio, facendo una semplice media aritmetica fra i cinque elementi maggiormente responsabili del comfort acustico dell’appartamento (isolamento della facciata, isolamento verticale fra le varie unità immobiliari, isolamento dei pavimenti dai rumori del calpestio, rumore degli impianti a funzionamento continuo e a funzionamento discontinuo). Dare a tutti gli elementi lo stesso peso potrebbe, infatti, far inserire un edificio con un ottimo isolamento degli impianti e dei pavimenti ed un pessimo isolamento delle facciate in una classe ‘molto buona’, quando in realtà non offre alcun comfort contro i rumori da traffico“.

La proposta è dunque di abbinare ”una rigorosa classificazione acustica a ciascuno dei cinque elementi, che consenta all’utente di valutare in modo trasparente e diretto la corrispondenza dell’isolamento ai requisiti richiesti, evitando il ricorso a medie, che potrebbero andare a detrimento della chiarezza e, forse, anche della rispondenza del reale grado di isolamento alle aspettative dell’utente”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende