Home » Internazionali »Politiche » Barack Obama e l’ambiente: quanto è pesato nella campagna 2012?:

Barack Obama e l’ambiente: quanto è pesato nella campagna 2012?

novembre 9, 2012 Internazionali, Politiche

Barack Obama ce l’ha fatta, ha vinto di nuovo, ma questa volta con molta meno energia e, in verità anche con molto meno ambiente di quanto di possa immaginare.

Il tema del cambiamento climatico, che nel 2008 fu uno dei cavalli di battaglia di Obama, è stato praticamente assente dal confronto, eppure i sondaggi indicavano – già prima dell’uragano Sandy – che negli “swing states” la maggioranza degli elettori era favorevole alla riduzione delle emissioni di CO2 e agli incentivi per l’energia eolica.

Come hanno rimarcato gli osservatori più accorti (in Italia Zorzoli su Staffetta Quotidiana, ad esempio), il Presidente non ha mai replicato a Mitt Romney, che aveva platealmente irriso Obama per avere «promesso di incominciare a rallentare l’aumento dell’altezza degli oceani e di risanare il pianeta, mentre io prometto di aiutare voi e la vostra famiglia».

Dopo le devastazioni dell‘uragano, gli endorsement sono arrivati dal sindaco di New York Michael Bloomberg,  «le condizioni meteorologiche estreme che abbiamo sperimentato a New York e in altre parti del mondo … dovrebbero bastare per costringere i leader eletti ad azioni immediate contro il cambiamento climatico». E dal governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo: «Chi dice che non è in atto un drammatico cambiamento nel clima, nega la realtà»

Obama alla fine si è salvato in corner, con un accenno nel suo apprezzato victory speech, ma ha sostanzialmente trascurato, a questo giro, la tematica del cambiamento climatico. Non si ritrovano, infatti tracce della tematica né all’interno dei maggiori discorsi programmatici tenuti, né all’interno del capitolo “energia” del sito dedicato alla sua campagna elettorale.

Questa svolta a 180° rispetto alla precedente campagna elettorale si può dunque spiegare solamente con la minore preminenza della tematica green rispetto alla creazione di posti di lavoro e allo stato dell’economia in generale – ipotesi confermata dal Ministro Clini nel corso di Ecomondo, ma anche dalla rilevazione Rasmussen del gennaio 2012). Ed è proprio quest’ultima motivazione ad aver spinto Obama, già a partire dal 2009, ad adottare un profilo basso relativamente al tema green. Questo atteggiamento ha condotto alla mancata approvazione, nel 2010, dell’American Clean Energy and Security Act – che, tra le altre cose, avrebbe dovuto introdurre il sistema di scambio dei permessi di emissione – da parte del Senato (allora Democratico), per riconosciuta assenza di numeri. Se non ci fosse stato l’endorsement di Bloomberg, sul quale diversi hanno sollevato qualche sospetto riguardo all’autenticità delle motivazioni, il tema del cambiamento climatico molto probabilmente sarebbe rimasto nell’ombra. Resta perciò molta incertezza su quali possano essere i passi successivi di Obama in materia lotta al cambiamento del clima, considerando anche l’opposizione assai forte dei Repubblicani, che detengono la maggioranza alla Camera.

Dove, invece, le promesse del 2008 hanno trovato maggiore spazio è nell’intervento a favore delle energie rinnovabili e nella creazione di green jobs. Come previsto, sono stati effettuati massicci interventi a favore del settore eolico e fotovoltaico e dell’efficienza energetica (calcolati in circa 75 miliardi di dollari tra il 2009 e il 2011). Il numero di posti di lavoro creati nel settore, 3,1 milioni complessivamente secondo l’Ufficio Nazionale di Statistica,  è stato inferiore  ai 5 milioni promessi, ma ha visto, tra il 2003 e il 2010 una crescita annua di circa il 3,2%, con un aumento netto a cavallo tra il 2008 e il 2009, periodo del primo stimolo finanziario del governo Obama e proprio nel momento in cui il tasso di occupazione generale iniziava a scendere in maniera preoccupante (secondo un report della Brookings Institution). La produzione di energia da rinnovabili ha avuto un incremento sostanziale, di circa il 25% complessivo, ma del 117% se consideriamo i soli settori eolico e fotovoltaico, quelli più direttamente sostenuti dall’amministrazione. La quota complessiva proveniente da rinnovabili (incluso idroelettrico e biomasse), invece è salita leggermente dal 7% al 9%, in marcia verso quel 25% promesso entro il 2025. Da questo punto di vista, tuttavia, molto dipenderà da ulteriori investimenti e risorse, stante il collegamento diretto tra lo stanziamento dell’amministrazione e l’incremento della produzione da fonti alternative. Per quanto riguarda, invece, la creazione di green jobs, il processo sembra invece costituire una tendenza destinata a produrre effetti duraturi nel corso del tempo.

Un aspetto del tutto imprevisto, e che sostanzialmente ha visto Obama “entrare” in un campo tipicamente appannaggio dei Repubblicani (ricorderete lo slogan Drill, baby, drill lanciato alla Convention di Saint Paul) è quello della sicurezza energetica e dello sfruttamento delle risorse fossili. Da questo punto di vista, i risultati sono stati, di certo, al di là di delle attese, con un aumento notevolissimo della produzione interna di petrolio (circa 500mila barili/giorno per anno negli ultimi 5 anni) e soprattutto di gas, elemento che ha prodotto prezzi particolarmente bassi e prepara la possibilità, per gli USA, di diventare paese esportatore. Anche se non è certo un caso che l’agenzia Usa per l’energia (EIA) abbia rinviato a fine anno la pubblicazione di un atteso report, dai cui risultati dovrebbe dipendere la decisione di Washington di dare via libera all’export di gas su vasta scala.

Le conseguenze di questo sfruttamento, che è destinato ad aumentare nei prossimi anni, potrebbero essere epocali. Infatti, questo potrebbe causare, da un lato, un minore interesse geopolitico nelle risorse del Medio Oriente, che verrebbero sostituite da quelle nazionali, insieme alla produzione canadese e brasiliana. Dall’altro, i prezzi delle risorse (in particolare per il gas naturale) a livelli nettamente inferiori rispetto a quelli europei possono avvantaggiare la competitività delle produzioni USA rispetto a quelle dei concorrenti asiatici ed europei, privi di simili benefici. Crediamo che la nuova presidenza Obama – come avrebbe fatto anche quella di Mitt Romney – sfrutterà questa arma strategica non da poco, per affrontare sia i problemi interni sia quelli internazionali.

Ludovico Ferraguto e Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende