Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Biodiversità e moratoria sui pozzi in alto mare nell’ultima sessione plenaria:

Biodiversità e moratoria sui pozzi in alto mare nell’ultima sessione plenaria

Le votazioni nell'aula di Bruxelles, Courtesy of European Parliament La sessione plenaria del Parlamento Europeo del 6-7 ottobre, a Bruxelles, ha portato all’attenzione degli eurodeputati due temi estremamente delicati e importanti per la tutela dell’ambiente naturale: la strategia per la biodiversità, in vista della Conferenza di Nagoya del 18-19 ottobre, e la moratoria sulle trivellazioni petrolifere in alto mare, sulla scia di quanto accaduto di recente nel Golfo del Messico.

Mercoledì 6 i membri del Parlamento Europeo si sono confrontati con la Commissione e il Consiglio per discutere la strategia di prevenzione e intervento contro la perdita di biodiversità, contenuta nella proposta di risoluzione sull’applicazione della normativa UE in materia (già approvata lo scorso 21 settembre) e nel nuovo testo sulla Conferenza di Nagoya, approvato nella giornata di giovedì 7.  Obiettivo, quello di inviare in Giappone un’ampia delegazione, ben preparata e coordinata, ma soprattutto forte di una posizione chiara e coerente “a monte”.

La risoluzione lamenta infatti, nei preamboli, ”profonda inquietudine per la mancata attribuzione del carattere di urgenza, nell’ambito dell’agenda politica internazionale, alle iniziative volte ad arrestare la perdita di biodiversità“. Ma invoca anche il coraggio, da parte dell’Unione, di assumere un ruolo di guida nell’ambito della cosiddetta COP10, attraverso una “voce comune” che consenta di superare le differenze di posizione dei singoli stati membri. Una posizione forte che riconosce come “esistano numerose sinergie tra protezione del clima, conseguimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio e arresto della perdita della biodiversità“. Problemi gravi e interconnessi, ma affrontabili con gli strumenti già oggi disponibili, purchè ci sia la volontà politica e la disponibilità a investire risorse – argomento a cui è dedicato il capitolo “Finanziamento”, in cui si esortano gli stati membri “a comunicare pubblicamente i loro impegni finanziari per l’attuazione degli obiettivi della Convenzione sulla Diversità Biologica ben prima della COP 10“.

A questo proposito va rilevato, sul fronte italiano, che il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, già all’indomani  delle votazioni di Bruxelles, ha annunciato che la ‘Strategia nazionale per la biodiversita’, predisposta dal ministero, è stata approvata dalla Conferenza permanente Stato-Regioni, diventando così operativa, e sarà presentata, a livello internazionale, proprio a Nagoya. Di particolare interesse il fatto che la strategia italiana sia stata articolata intorno a tre tematiche cardine: biodiversità e servizi ecosistemici, biodiversità e cambiamenti climatici, biodiversità e politiche economiche, che ricalcano quanto espresso dalla risoluzione europea nei punti conclusivi, in particolare nel capitolo “Approccio coordinato”, in cui si insiste ”sull’importanza della sostenibilità dei prodotti commercializzati negli accordi commerciali internazionali”, sottolineando “la necessità di integrare interessi non commerciali, compresi i metodi di produzione e il rispetto della biodiversità, in tutti i futuri accordi WTO“, ma soprattutto si incoraggia la Commissione e gli Stati membri “a includere l’elemento ambientale nelle loro relazioni con i paesi terzi e a proseguire l’iniziativa Diplomazia Verde“.

Più complessa la votazione della risoluzione che richiedeva una moratoria su tutte le nuove trivellazioni in alto mare nelle acque comunitarie, in attesa che la Commissione riveda la legislazione in materia di sicurezza e responsabilità. Il testo finale (“Azione dell’UE in materia di esplorazione ed estrazione del petrolio in Europa“)  è stato comunque approvato nella seduta del Parlamento.

Degno di nota l’emendamento orale richiesto dalla democristiana olandese Corien Wortmann-Kool, che ha invitato “la Commissione a riesaminare la capacità d’immediata risposta dell’UE a incidenti che interessano impianti offshore e a mettere a punto un piano d’azione europeo in cooperazione con gli Stati membri“, prestando particolare attenzione “alla zona artica, per la sua fragilità e importanza nella mitigazione del cambiamento climatico” e facendo notare come anche “l’area mediterranea, quella baltica e del Mare del Nord” debbano essere prese in adeguata considerazione.

Anche in questo caso, di particolare interesse, sono poi gli ultimi punti del testo approvato, in cui il PE ”invita la Commissione a introdurre un quadro rigoroso e vincolante per la notifica da parte delle società in materia di pratiche ambientali, sociali e di governance e a esaminare le misure per rafforzare l’impegno degli investitori istituzionali con le società per quanto riguarda i rischi di investimento connessi a carenti pratiche ambientali”.

Alla Commissione è dunque chiesto di svolgere un ruolo attivo nel “garantire che le attività condotte da paesi terzi e i progetti di prospezione petrolifera rispettino al massimo rigorosi standard ambientali e a prevedere meccanismi specifici per risarcire eventuali danni provocati da operazioni petrolifere offshore di paesi terzi che confinano con l’UE”.

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende