Home » Internazionali »Politiche » Bioeconomia: una risposta da 45 miliardi di euro alla crisi europea:

Bioeconomia: una risposta da 45 miliardi di euro alla crisi europea

febbraio 28, 2012 Internazionali, Politiche

Le previsioni non lasciano spazio a dubbi: di qui al 2050, la popolazione mondiale sfiorerà i 9 miliardi di abitanti, con ripercussioni pesanti sulle risorse naturali, l’ambiente e i cambiamenti climatici. E se questo aumento vertiginoso non riguarderà direttamente i paesi dell’Ue, le conseguenze, complice la globalizzazione, ci toccheranno da vicino. Per questo, l’Europa non potendo stare a guardare, ha deciso di rafforzare la scelta della sostenibilità come strada obbligata e fruttuosa.

Quella che fino ad oggi era apparsa spesso come “un’opzione” di sviluppo, oggi risulta infatti una componente irrinunciabile per una crescita a misura d’uomo e di pianeta. Partendo da queste considerazioni, la Commissione Europea ha presentato, ieri a Roma (in anteprima per l’Italia), la strategia contenuta nel documentoL’innovazione per una crescita sostenibile: una bioeconomia per l’Europa, che punta su un’economia fondata, appunto, su risorse biologiche e rinnovabili.

La strategia, spiega la Commissione, «prevede un piano d’azione basato su un approccio interdisciplinare, intersettoriale e coerente al problema. L’obiettivo è creare una società più innovatrice e un’economia a emissioni ridotte, conciliando l’esigenza di un’agricoltura e una pesca sostenibili e della sicurezza alimentare con l’uso sostenibile delle risorse biologiche rinnovabili per fini industriali, tutelando allo stesso tempo la biodiversità e l’ambiente».

Il termine “bioeconomia” si riferisce infatti «a un’economia che si fonda su risorse biologiche provenienti della terra e dal mare, nonché dai rifiuti, che fungono da combustibili per la produzione industriale ed energetica e di alimenti e mangimi. La bioeconomia comprende anche l’uso di processi di produzione fondati su bioprodotti per un comparto industriale sostenibile». un esempio su tutti, i rifiuti organici, che «rappresentano un potenziale notevole in alternativa ai concimi chimici o per la conversione in bio-energia, e possono coprire il 2% dell’obiettivo stabilito dall’Ue per le energie rinnovabili».

Tanti sono dunque i settori toccati dalla nuova strategia: agricoltura, silvicoltura, pesca, produzione alimentare, produzione di pasta di carta e carta, nonché comparti dell’industria chimica, biotecnologica ed energetica. «L’Europa deve passare a un’economia ‘post-petrolio’. Un maggiore utilizzo di fonti rinnovabili non è più solo una scelta ma una necessità. Dobbiamo promuovere il passaggio a una società fondata su basi biologiche invece che fossili, utilizzando i motori della ricerca e dell’innovazione. Si tratta di una mossa positiva per l’ambiente, la sicurezza energetica e alimentare e per la competitività futura dell’Europa», sintetizza Máire Geoghegan-Quinn, commissario per la Ricerca, l’innovazione e la scienza. Che ha definito la strategia insieme ai colleghi Antonio Tajani (Industria), Dacian Cioloş (Agricoltura), Maria Damanaki (Pesca) e Janez Potočnik (Ambiente).

La sostenibilità, infatti, non può riguardare solo la ricerca, ma è un concetto più ampio: «La strategia intende creare sinergie e complementarità con altri settori, strumenti e fonti di finanziamento per le politiche che condividono gli stessi obiettivi, quali i fondi di coesione, le politiche comuni della pesca e dell’agricoltura (PCP e PAC), la politica marittima integrata, le politiche ambientali, industriali, occupazionali, energetiche e sanitarie».

Le sfide da affrontare, sottolinea Antonio Di Giulio, del direttorato generale Ricerca e Innovazione della Commissione, riguardano i nostri stili di vita e i modi in cui consumiamo e produciamo. «La sfida più importante è la messa in sicurezza della nostra offerta alimentare. Dovremo avere una catena funzionante, ma anche sprecare di meno. Sarà poi necessario ridurre la nostra dipendenza dalle fonti fossili e tagliare le emissioni, intervenire nella lotta ai cambiamenti climatici e aumentare la competitività dell’economia europea».

Più concretamente, la strategia poggia su tre pilastri fondamentali. Il primo, prevede un aumento degli investimenti in ricerca, innovazione e competenze per la bioeconomia, utilizzando sia risorse Ue e dei singoli stati, sia investimenti privati. Il secondo asse punta invece sullo sviluppo dei mercati e della competitività nei settori della bioeconomia. Gli interventi in agenda sono tanti, dall’intensificazione sostenibile della produzione primaria, alla conversione dei flussi di rifiuti in prodotti con valore aggiunto. Infine – terzi pilastro – sarà necessario anche un più stretto coordinamento delle politiche e un maggior impegno delle parti interessate, attraverso la creazione di una piattaforma e di un osservatorio ad hoc.

Le prospettive sono interessanti. «Oggi – spiega Di Giulio – la bioeconomia europea vanta un fatturato di circa 2.000 miliardi di euro e impiega oltre 22 milioni di persone, che rappresentano il 9% dell’occupazione complessiva dell’Ue». Nell’ambito del programma di ricerca Orizzonte 2020, sono stati proposti investimenti per 4,7 miliardi di euro solo per il settore “Sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima nonché bioeconomia”, a cui se ne aggiungeranno altri in ambiti diversi. La Commissione calcola che per ogni euro investito, la ricaduta in valore aggiunto nei settori del comparto bioeconomico sarà pari a dieci euro entro il 2025. Solamente i finanziamenti diretti potrebbero quindi generare, si legge nella Strategia, «circa 130.000 posti di lavoro e 45 miliardi di euro di valore aggiunto nei settori della  bioeconomia», a cui va sommata «un’ulteriore crescita proveniente da altri investimenti pubblici e privati».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bologna a tutto “green”: dal G7 Ambiente all’Expo 2019 del florovivaismo e orticoltura

gennaio 25, 2017

Bologna a tutto “green”: dal G7 Ambiente all’Expo 2019 del florovivaismo e orticoltura

Lunedì 23 gennaio, nel giorno stesso in cui, in Prefettura, il sindaco Virginio Merola incontrava il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per la prima riunione preparatoria del G7 Ambiente (che la città ospiterà l’11 e 12 giugno prossimi), da Bologna arriva la notizia di un’altra importante aggiudicazione: il comitato organizzatore dell’International Horticultural Exposition, l’Expo tematico dedicato [...]

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

gennaio 24, 2017

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

La società di consulting e advisory Deloitte ha presentato la Global Mobile Consumers Survey 2016, una ricerca che coinvolge 31 Paesi tra i principali al mondo e delinea le tendenze relative alle abitudini e ai comportamenti degli utenti connessi tramite Smartphone e Tablet. Dai dati della survey emerge che, almeno una volta al mese, quasi [...]

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende