Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Bonifiche e silenzio-assenso: le modifiche al diritto ambientale nel calderone del decreto “omnibus”:

Bonifiche e silenzio-assenso: le modifiche al diritto ambientale nel calderone del decreto “omnibus” Top Contributors

Il decreto legge 24 giugno 2014, n. 91 è il primo (o meglio il secondo) decreto omnibus, del governo Renzi come dimostra inequivocabilmente il poderoso titolo: “Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea”. E se non fosse intervenuto il Quirinale, il testo sarebbe stato ancor più ampio, inglobando anche i 54 articoli del decreto 90 “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari” come inizialmente aveva deciso il Consiglio dei Ministri nella riunione del 13 giugno.

La parte relativa alle questioni ambientali è in realtà la seconda, e concerne temi molto distanti tra loro. Ad una prima lettura, è lecito chiedersi se le condizioni di necessità ed urgenza sussistano per ognuna delle questioni trattate: non è specificato infatti quali siano le ragioni urgenti e necessarie per gli interventi in materia di bonifiche o per il recupero semplificato dei rifiuti. E ancora, quali potrebbero essere le ragioni urgenti alla base del ricorso ad un decreto legge per le modifiche in tema di V.I.A o di SISTRI… Ma poiché gli argomenti da analizzare sarebbero davvero troppi, cercheremo di focalizzare l’attenzione sulla parte relativa alla nuova procedura di bonifica, che riveste un’importanza centrale nelle attività di tutela e gestione del territorio, sia per il gran numero di siti da bonificare (l’Italia presenta purtroppo tantissimi suoli da bonificare, con percentuali e tipologia di inquinanti davvero molto variabili) sia perché le bonifiche, così come il trasporto dei rifiuti, hanno da sempre rappresentato i settori potenzialmente a maggior rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata. Ampi, infatti, i margini di guadagno e la possibilità di far “scomparire” i rifiuti o di modificarne, almeno su carta, le caratteristiche di pericolo (il famoso “giro-bolla”).

Anche per questi motivi l’attenzione, non solo da parte delle associazioni ambientaliste, su questi temi è sempre molto alta. Il decreto introduce la novità del silenzio assenso, un’eccezione nel diritto dell’ambiente, che potrebbe sicuramente servire a snellire le lungaggini burocratiche connesse con l’approvazione dei piani, ma che, d’altro canto, potrebbe aumentare il rischio di illeciti connessi alla mancanza di controlli adeguati. Ma cosa dice la norma? L’art. 13 del decreto 91 introduce nel codice dell’ambiente l’art. 242 bis, stabilendo che “l’operatore interessato a effettuare a proprie spese interventi di bonifica del suolo con riduzione della contaminazione… può presentare all’amministrazione di cui agli articoli 242 o 252 uno specifico progetto completo degli interventi programmati sulla base dei dati dello stato di contaminazione del sito”.

Prima domanda: chi è il soggetto indicato come operatore? La maggior parte dei reati ambientali sono di tipo generico, potendo essere commessi da chiunque. Ma nella formulazione attuale dell’art. 242 bis del d. lgs. 152/06 la figura centrale della bonifica diventa un soggetto qualificato chiamato operatore. Chi è costui? Il soggetto che ha inquinato, oppure un terzo estraneo alla vicenda? In base al comma 6 del nuovo articolo 242 bis “conseguiti i valori di concentrazione soglia di contaminazione del suolo, il sito può essere utilizzato in conformità alla destinazione d’uso prevista secondo gli strumenti urbanistici vigenti, salva la valutazione di eventuali rischi sanitari per i fruitori del sito derivanti dai contaminanti volatili presenti nelle acque di falda”.

Quindi, al termine delle operazioni di bonifica, a chi andrebbe la titolarità del sito da bonificare, se spesso alle condanne per queste tipologie di reato segue la confisca? In tali ipotesi il soggetto terzo che ha sostenuto i costi dell’operazione quale beneficio avrebbe? È chiaro che un conto è l’utilizzo in conformità alla destinazione d’uso, altro è avere la titolarità di un sito, anche in considerazione dei costi, spesso ingenti, di ogni singola bonifica. E tuttavia il ricorso a procedure semplificate per le bonifiche, nelle quali anche il silenzio, spesso immotivatamente prolungato da parte delle Pubbliche amministrazioni, è uno dei nodi da sciogliere sulle questioni ambientali, ma forse sarebbe opportuno un ripensamento dell’intero corpo normativo ambientale, che a 8 anni dalla sua prima formulazione richiede urgentemente un ripensamento dell’intero sistema. Il silenzio assenso potrebbe aiutare a risolvere quanto meno il problema dei lunghi tempi d’attesa: ma deve essere accompagnato da controlli rapidi ed efficaci sul territorio, per evitare nuovi scempi del nostro Paese.

Mariagrazia Chianura* e Antonio Sileo**

*Avvocato

** Ricercatore IEFE-Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende