Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Bonifiche e silenzio-assenso: le modifiche al diritto ambientale nel calderone del decreto “omnibus”:

Bonifiche e silenzio-assenso: le modifiche al diritto ambientale nel calderone del decreto “omnibus” Top Contributors

Il decreto legge 24 giugno 2014, n. 91 è il primo (o meglio il secondo) decreto omnibus, del governo Renzi come dimostra inequivocabilmente il poderoso titolo: “Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea”. E se non fosse intervenuto il Quirinale, il testo sarebbe stato ancor più ampio, inglobando anche i 54 articoli del decreto 90 “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari” come inizialmente aveva deciso il Consiglio dei Ministri nella riunione del 13 giugno.

La parte relativa alle questioni ambientali è in realtà la seconda, e concerne temi molto distanti tra loro. Ad una prima lettura, è lecito chiedersi se le condizioni di necessità ed urgenza sussistano per ognuna delle questioni trattate: non è specificato infatti quali siano le ragioni urgenti e necessarie per gli interventi in materia di bonifiche o per il recupero semplificato dei rifiuti. E ancora, quali potrebbero essere le ragioni urgenti alla base del ricorso ad un decreto legge per le modifiche in tema di V.I.A o di SISTRI… Ma poiché gli argomenti da analizzare sarebbero davvero troppi, cercheremo di focalizzare l’attenzione sulla parte relativa alla nuova procedura di bonifica, che riveste un’importanza centrale nelle attività di tutela e gestione del territorio, sia per il gran numero di siti da bonificare (l’Italia presenta purtroppo tantissimi suoli da bonificare, con percentuali e tipologia di inquinanti davvero molto variabili) sia perché le bonifiche, così come il trasporto dei rifiuti, hanno da sempre rappresentato i settori potenzialmente a maggior rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata. Ampi, infatti, i margini di guadagno e la possibilità di far “scomparire” i rifiuti o di modificarne, almeno su carta, le caratteristiche di pericolo (il famoso “giro-bolla”).

Anche per questi motivi l’attenzione, non solo da parte delle associazioni ambientaliste, su questi temi è sempre molto alta. Il decreto introduce la novità del silenzio assenso, un’eccezione nel diritto dell’ambiente, che potrebbe sicuramente servire a snellire le lungaggini burocratiche connesse con l’approvazione dei piani, ma che, d’altro canto, potrebbe aumentare il rischio di illeciti connessi alla mancanza di controlli adeguati. Ma cosa dice la norma? L’art. 13 del decreto 91 introduce nel codice dell’ambiente l’art. 242 bis, stabilendo che “l’operatore interessato a effettuare a proprie spese interventi di bonifica del suolo con riduzione della contaminazione… può presentare all’amministrazione di cui agli articoli 242 o 252 uno specifico progetto completo degli interventi programmati sulla base dei dati dello stato di contaminazione del sito”.

Prima domanda: chi è il soggetto indicato come operatore? La maggior parte dei reati ambientali sono di tipo generico, potendo essere commessi da chiunque. Ma nella formulazione attuale dell’art. 242 bis del d. lgs. 152/06 la figura centrale della bonifica diventa un soggetto qualificato chiamato operatore. Chi è costui? Il soggetto che ha inquinato, oppure un terzo estraneo alla vicenda? In base al comma 6 del nuovo articolo 242 bis “conseguiti i valori di concentrazione soglia di contaminazione del suolo, il sito può essere utilizzato in conformità alla destinazione d’uso prevista secondo gli strumenti urbanistici vigenti, salva la valutazione di eventuali rischi sanitari per i fruitori del sito derivanti dai contaminanti volatili presenti nelle acque di falda”.

Quindi, al termine delle operazioni di bonifica, a chi andrebbe la titolarità del sito da bonificare, se spesso alle condanne per queste tipologie di reato segue la confisca? In tali ipotesi il soggetto terzo che ha sostenuto i costi dell’operazione quale beneficio avrebbe? È chiaro che un conto è l’utilizzo in conformità alla destinazione d’uso, altro è avere la titolarità di un sito, anche in considerazione dei costi, spesso ingenti, di ogni singola bonifica. E tuttavia il ricorso a procedure semplificate per le bonifiche, nelle quali anche il silenzio, spesso immotivatamente prolungato da parte delle Pubbliche amministrazioni, è uno dei nodi da sciogliere sulle questioni ambientali, ma forse sarebbe opportuno un ripensamento dell’intero corpo normativo ambientale, che a 8 anni dalla sua prima formulazione richiede urgentemente un ripensamento dell’intero sistema. Il silenzio assenso potrebbe aiutare a risolvere quanto meno il problema dei lunghi tempi d’attesa: ma deve essere accompagnato da controlli rapidi ed efficaci sul territorio, per evitare nuovi scempi del nostro Paese.

Mariagrazia Chianura* e Antonio Sileo**

*Avvocato

** Ricercatore IEFE-Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende