Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Bonifiche e silenzio-assenso: le modifiche al diritto ambientale nel calderone del decreto “omnibus”:

Bonifiche e silenzio-assenso: le modifiche al diritto ambientale nel calderone del decreto “omnibus” Top Contributors

Il decreto legge 24 giugno 2014, n. 91 è il primo (o meglio il secondo) decreto omnibus, del governo Renzi come dimostra inequivocabilmente il poderoso titolo: “Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea”. E se non fosse intervenuto il Quirinale, il testo sarebbe stato ancor più ampio, inglobando anche i 54 articoli del decreto 90 “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari” come inizialmente aveva deciso il Consiglio dei Ministri nella riunione del 13 giugno.

La parte relativa alle questioni ambientali è in realtà la seconda, e concerne temi molto distanti tra loro. Ad una prima lettura, è lecito chiedersi se le condizioni di necessità ed urgenza sussistano per ognuna delle questioni trattate: non è specificato infatti quali siano le ragioni urgenti e necessarie per gli interventi in materia di bonifiche o per il recupero semplificato dei rifiuti. E ancora, quali potrebbero essere le ragioni urgenti alla base del ricorso ad un decreto legge per le modifiche in tema di V.I.A o di SISTRI… Ma poiché gli argomenti da analizzare sarebbero davvero troppi, cercheremo di focalizzare l’attenzione sulla parte relativa alla nuova procedura di bonifica, che riveste un’importanza centrale nelle attività di tutela e gestione del territorio, sia per il gran numero di siti da bonificare (l’Italia presenta purtroppo tantissimi suoli da bonificare, con percentuali e tipologia di inquinanti davvero molto variabili) sia perché le bonifiche, così come il trasporto dei rifiuti, hanno da sempre rappresentato i settori potenzialmente a maggior rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata. Ampi, infatti, i margini di guadagno e la possibilità di far “scomparire” i rifiuti o di modificarne, almeno su carta, le caratteristiche di pericolo (il famoso “giro-bolla”).

Anche per questi motivi l’attenzione, non solo da parte delle associazioni ambientaliste, su questi temi è sempre molto alta. Il decreto introduce la novità del silenzio assenso, un’eccezione nel diritto dell’ambiente, che potrebbe sicuramente servire a snellire le lungaggini burocratiche connesse con l’approvazione dei piani, ma che, d’altro canto, potrebbe aumentare il rischio di illeciti connessi alla mancanza di controlli adeguati. Ma cosa dice la norma? L’art. 13 del decreto 91 introduce nel codice dell’ambiente l’art. 242 bis, stabilendo che “l’operatore interessato a effettuare a proprie spese interventi di bonifica del suolo con riduzione della contaminazione… può presentare all’amministrazione di cui agli articoli 242 o 252 uno specifico progetto completo degli interventi programmati sulla base dei dati dello stato di contaminazione del sito”.

Prima domanda: chi è il soggetto indicato come operatore? La maggior parte dei reati ambientali sono di tipo generico, potendo essere commessi da chiunque. Ma nella formulazione attuale dell’art. 242 bis del d. lgs. 152/06 la figura centrale della bonifica diventa un soggetto qualificato chiamato operatore. Chi è costui? Il soggetto che ha inquinato, oppure un terzo estraneo alla vicenda? In base al comma 6 del nuovo articolo 242 bis “conseguiti i valori di concentrazione soglia di contaminazione del suolo, il sito può essere utilizzato in conformità alla destinazione d’uso prevista secondo gli strumenti urbanistici vigenti, salva la valutazione di eventuali rischi sanitari per i fruitori del sito derivanti dai contaminanti volatili presenti nelle acque di falda”.

Quindi, al termine delle operazioni di bonifica, a chi andrebbe la titolarità del sito da bonificare, se spesso alle condanne per queste tipologie di reato segue la confisca? In tali ipotesi il soggetto terzo che ha sostenuto i costi dell’operazione quale beneficio avrebbe? È chiaro che un conto è l’utilizzo in conformità alla destinazione d’uso, altro è avere la titolarità di un sito, anche in considerazione dei costi, spesso ingenti, di ogni singola bonifica. E tuttavia il ricorso a procedure semplificate per le bonifiche, nelle quali anche il silenzio, spesso immotivatamente prolungato da parte delle Pubbliche amministrazioni, è uno dei nodi da sciogliere sulle questioni ambientali, ma forse sarebbe opportuno un ripensamento dell’intero corpo normativo ambientale, che a 8 anni dalla sua prima formulazione richiede urgentemente un ripensamento dell’intero sistema. Il silenzio assenso potrebbe aiutare a risolvere quanto meno il problema dei lunghi tempi d’attesa: ma deve essere accompagnato da controlli rapidi ed efficaci sul territorio, per evitare nuovi scempi del nostro Paese.

Mariagrazia Chianura* e Antonio Sileo**

*Avvocato

** Ricercatore IEFE-Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende