Home » Nazionali »Politiche » Calamità naturali: un’assicurazione obbligatoria per rendere gli edifici più sicuri ed efficienti:

Calamità naturali: un’assicurazione obbligatoria per rendere gli edifici più sicuri ed efficienti

dicembre 2, 2013 Nazionali, Politiche

Rendere sicuri gli edifici di fronte alle calamità naturali, di pari passo con il loro efficientamento energetico. È l’obiettivo del disegno di legge “Istituzione di un’assicurazione obbligatoria contro i rischi derivanti da calamità naturali, nonché di un Fondo per la sicurezza e l’efficienza energetica degli edifici”. Il ddl nasce da una proposta messa a punto da ENEA, insieme a Federproprietà, Ordine degli Ingegneri, UCIT, UNEDI e URIA.

«Gli eventi catastrofici che frequentemente colpiscono il nostro Paese – spiega Paolo Clemente, responsabile del Laboratorio ENEA “Prevenzione rischi naturali e mitigazione effetti” – pongono in evidenza la necessità di una più efficace politica di prevenzione di fronte alle calamità naturali. Gran parte del patrimonio edilizio italiano ha un’età superiore ai 50 anni, valore usualmente assunto come durata della vita nominale di un edificio, pertanto è ragionevole pensare che abbia bisogno di importanti interventi di recupero sia architettonico sia strutturale e ciò vale anche per le strutture che non presentano evidenti effetti di degrado. Non dimentichiamo poi che oltre il 60% delle abitazioni in Italia non risponde a criteri di sicurezza sismica, essendo stato costruito ben prima dell’entrata in vigore della prima normativa di moderna concezione, che risale al 1975».

Il punto di partenza della proposta è l’istituzione di un’assicurazione obbligatoria sugli edifici privati che darebbe il via ad un processo virtuoso: «Proprietari e assicurazioni – si legge nella proposta – sarebbero stimolati e costretti a verificare l’effettiva affidabilità delle costruzioni, per differenziare i costi di assicurazione tra i vari immobili in funzione del rischio effettivo». Secondo i promotori, infatti, «sarebbe interesse dei cittadini avere un immobile strutturalmente sicuro ed energeticamente efficiente, risparmiando sul premio di assicurazione, e le stesse assicurazioni sarebbero interessate a verificarne le caratteristiche. Si avvierebbe, così, un processo virtuoso di valutazione della sicurezza degli immobili, indispensabile per l’oculata programmazione della spesa, degli interventi e delle priorità».

L’assicurazione solleverebbe inoltre lo Stato dalle spese di ricostruzione a seguito di eventi calamitosi. Ma a quanto ammonterebbe il premio annuale? «Il premio assicurativo medio – ha spiegato Paolo Clemente – ammonterebbe a circa 100 euro l’anno, calcolando un patrimonio edilizio italiano di circa 32 milioni di unità immobiliari e una spesa media di 3 miliardi di euro all’anno per riparare danni dovuti ad eventi naturali». In parallelo all’assicurazione, il disegno di legge prevede la creazione di un fondo permanente per il miglioramento della sicurezza strutturale e dell’efficienza energetica (FSE) che andrebbe a finanziare interventi preventivi sugli edifici. Il fondo sarebbe alimentato al 50 per cento con i premi dell’assicurazione. «Se raddoppiassimo quella cifra – ha continuato Paolo Clemete – avremmo altri 3 miliardi all’anno da poter spendere per la messa in sicurezza delle abitazioni». In pratica il premio assicurativo medio annuale per finanziare a pieno il fondo sarebbe di 200 euro.

«Nessuno di noi vorrebbe pagare una “nuova tassa”. Si tratterebbe però di un contributo che andrebbe a sostituire quelli “occulti” che già paghiamo per riparare i danni da eventi catastrofici (è il caso, ad esempio,  delle accise sulla benzina)». Tuttavia, se confrontiamo il costo medio ipotizzato per il premio con l’attuale costo delle assicurazioni auto, risulta essere una cifra modesta a fronte dei benefici che ne conseguirebbero. «L’obiettivo – ha ricordato il responsabile del responsabile del Laboratorio ENEA – è quello di avere in alcuni decenni un miglioramento notevole del livello di sicurezza del patrimonio edilizio. In questo modo, a conti fatti, l’assicurazione verrebbe a costare pochissimo fino a diventare non più necessaria nel caso si raggiungesse un livello di sicurezza tale da scongiurare disastri come quello dell’Emilia o dell’Irpinia».

In base alla proposta di legge, gli interventi di messa in sicurezza degli edifici si coniugherebbero con l’efficientamento energetico. «Il patrimonio edilizio italiano – ricorda Clemente – sperpera un’enorme quantità di energia, per cui va messa a punto un’efficace strategia per il miglioramento dell’efficienza energetica». In base a quanto si legge nella proposta «le opere per l’adeguamento della sicurezza richiedono anche importanti interventi di recupero e di ripristino degli edifici e pertanto è conveniente associare ad esse opere di rifacimento dell’impiantistica secondo gli standard costruttivi più avanzati, nella prospettiva di un miglioramento della sicurezza generale dell’immobile, unitamente alla realizzazione di interventi impiantistici finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica». La proposta avrebbe risvolti positivi anche in termini di green economy: «Un tale processo non potrà che rilanciare il settore edile, attualmente in grave crisi, senza danneggiare l’ambiente, puntando più ad una corretta manutenzione dell’esistente che alla costruzione di nuovi edifici». I promotori prevedono infatti la realizzazione, nei primi vent’anni di gestione del fondo, di oltre 200.000 interventi con un ritorno in termini di occupazione valutato in 400.000 unità.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende