Home » Nazionali »Politiche » Calamità naturali: un’assicurazione obbligatoria per rendere gli edifici più sicuri ed efficienti:

Calamità naturali: un’assicurazione obbligatoria per rendere gli edifici più sicuri ed efficienti

dicembre 2, 2013 Nazionali, Politiche

Rendere sicuri gli edifici di fronte alle calamità naturali, di pari passo con il loro efficientamento energetico. È l’obiettivo del disegno di legge “Istituzione di un’assicurazione obbligatoria contro i rischi derivanti da calamità naturali, nonché di un Fondo per la sicurezza e l’efficienza energetica degli edifici”. Il ddl nasce da una proposta messa a punto da ENEA, insieme a Federproprietà, Ordine degli Ingegneri, UCIT, UNEDI e URIA.

«Gli eventi catastrofici che frequentemente colpiscono il nostro Paese – spiega Paolo Clemente, responsabile del Laboratorio ENEA “Prevenzione rischi naturali e mitigazione effetti” – pongono in evidenza la necessità di una più efficace politica di prevenzione di fronte alle calamità naturali. Gran parte del patrimonio edilizio italiano ha un’età superiore ai 50 anni, valore usualmente assunto come durata della vita nominale di un edificio, pertanto è ragionevole pensare che abbia bisogno di importanti interventi di recupero sia architettonico sia strutturale e ciò vale anche per le strutture che non presentano evidenti effetti di degrado. Non dimentichiamo poi che oltre il 60% delle abitazioni in Italia non risponde a criteri di sicurezza sismica, essendo stato costruito ben prima dell’entrata in vigore della prima normativa di moderna concezione, che risale al 1975».

Il punto di partenza della proposta è l’istituzione di un’assicurazione obbligatoria sugli edifici privati che darebbe il via ad un processo virtuoso: «Proprietari e assicurazioni – si legge nella proposta – sarebbero stimolati e costretti a verificare l’effettiva affidabilità delle costruzioni, per differenziare i costi di assicurazione tra i vari immobili in funzione del rischio effettivo». Secondo i promotori, infatti, «sarebbe interesse dei cittadini avere un immobile strutturalmente sicuro ed energeticamente efficiente, risparmiando sul premio di assicurazione, e le stesse assicurazioni sarebbero interessate a verificarne le caratteristiche. Si avvierebbe, così, un processo virtuoso di valutazione della sicurezza degli immobili, indispensabile per l’oculata programmazione della spesa, degli interventi e delle priorità».

L’assicurazione solleverebbe inoltre lo Stato dalle spese di ricostruzione a seguito di eventi calamitosi. Ma a quanto ammonterebbe il premio annuale? «Il premio assicurativo medio – ha spiegato Paolo Clemente – ammonterebbe a circa 100 euro l’anno, calcolando un patrimonio edilizio italiano di circa 32 milioni di unità immobiliari e una spesa media di 3 miliardi di euro all’anno per riparare danni dovuti ad eventi naturali». In parallelo all’assicurazione, il disegno di legge prevede la creazione di un fondo permanente per il miglioramento della sicurezza strutturale e dell’efficienza energetica (FSE) che andrebbe a finanziare interventi preventivi sugli edifici. Il fondo sarebbe alimentato al 50 per cento con i premi dell’assicurazione. «Se raddoppiassimo quella cifra – ha continuato Paolo Clemete – avremmo altri 3 miliardi all’anno da poter spendere per la messa in sicurezza delle abitazioni». In pratica il premio assicurativo medio annuale per finanziare a pieno il fondo sarebbe di 200 euro.

«Nessuno di noi vorrebbe pagare una “nuova tassa”. Si tratterebbe però di un contributo che andrebbe a sostituire quelli “occulti” che già paghiamo per riparare i danni da eventi catastrofici (è il caso, ad esempio,  delle accise sulla benzina)». Tuttavia, se confrontiamo il costo medio ipotizzato per il premio con l’attuale costo delle assicurazioni auto, risulta essere una cifra modesta a fronte dei benefici che ne conseguirebbero. «L’obiettivo – ha ricordato il responsabile del responsabile del Laboratorio ENEA – è quello di avere in alcuni decenni un miglioramento notevole del livello di sicurezza del patrimonio edilizio. In questo modo, a conti fatti, l’assicurazione verrebbe a costare pochissimo fino a diventare non più necessaria nel caso si raggiungesse un livello di sicurezza tale da scongiurare disastri come quello dell’Emilia o dell’Irpinia».

In base alla proposta di legge, gli interventi di messa in sicurezza degli edifici si coniugherebbero con l’efficientamento energetico. «Il patrimonio edilizio italiano – ricorda Clemente – sperpera un’enorme quantità di energia, per cui va messa a punto un’efficace strategia per il miglioramento dell’efficienza energetica». In base a quanto si legge nella proposta «le opere per l’adeguamento della sicurezza richiedono anche importanti interventi di recupero e di ripristino degli edifici e pertanto è conveniente associare ad esse opere di rifacimento dell’impiantistica secondo gli standard costruttivi più avanzati, nella prospettiva di un miglioramento della sicurezza generale dell’immobile, unitamente alla realizzazione di interventi impiantistici finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica». La proposta avrebbe risvolti positivi anche in termini di green economy: «Un tale processo non potrà che rilanciare il settore edile, attualmente in grave crisi, senza danneggiare l’ambiente, puntando più ad una corretta manutenzione dell’esistente che alla costruzione di nuovi edifici». I promotori prevedono infatti la realizzazione, nei primi vent’anni di gestione del fondo, di oltre 200.000 interventi con un ritorno in termini di occupazione valutato in 400.000 unità.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende