Home » Nazionali »Politiche » Calamità naturali: un’assicurazione obbligatoria per rendere gli edifici più sicuri ed efficienti:

Calamità naturali: un’assicurazione obbligatoria per rendere gli edifici più sicuri ed efficienti

dicembre 2, 2013 Nazionali, Politiche

Rendere sicuri gli edifici di fronte alle calamità naturali, di pari passo con il loro efficientamento energetico. È l’obiettivo del disegno di legge “Istituzione di un’assicurazione obbligatoria contro i rischi derivanti da calamità naturali, nonché di un Fondo per la sicurezza e l’efficienza energetica degli edifici”. Il ddl nasce da una proposta messa a punto da ENEA, insieme a Federproprietà, Ordine degli Ingegneri, UCIT, UNEDI e URIA.

«Gli eventi catastrofici che frequentemente colpiscono il nostro Paese – spiega Paolo Clemente, responsabile del Laboratorio ENEA “Prevenzione rischi naturali e mitigazione effetti” – pongono in evidenza la necessità di una più efficace politica di prevenzione di fronte alle calamità naturali. Gran parte del patrimonio edilizio italiano ha un’età superiore ai 50 anni, valore usualmente assunto come durata della vita nominale di un edificio, pertanto è ragionevole pensare che abbia bisogno di importanti interventi di recupero sia architettonico sia strutturale e ciò vale anche per le strutture che non presentano evidenti effetti di degrado. Non dimentichiamo poi che oltre il 60% delle abitazioni in Italia non risponde a criteri di sicurezza sismica, essendo stato costruito ben prima dell’entrata in vigore della prima normativa di moderna concezione, che risale al 1975».

Il punto di partenza della proposta è l’istituzione di un’assicurazione obbligatoria sugli edifici privati che darebbe il via ad un processo virtuoso: «Proprietari e assicurazioni – si legge nella proposta – sarebbero stimolati e costretti a verificare l’effettiva affidabilità delle costruzioni, per differenziare i costi di assicurazione tra i vari immobili in funzione del rischio effettivo». Secondo i promotori, infatti, «sarebbe interesse dei cittadini avere un immobile strutturalmente sicuro ed energeticamente efficiente, risparmiando sul premio di assicurazione, e le stesse assicurazioni sarebbero interessate a verificarne le caratteristiche. Si avvierebbe, così, un processo virtuoso di valutazione della sicurezza degli immobili, indispensabile per l’oculata programmazione della spesa, degli interventi e delle priorità».

L’assicurazione solleverebbe inoltre lo Stato dalle spese di ricostruzione a seguito di eventi calamitosi. Ma a quanto ammonterebbe il premio annuale? «Il premio assicurativo medio – ha spiegato Paolo Clemente – ammonterebbe a circa 100 euro l’anno, calcolando un patrimonio edilizio italiano di circa 32 milioni di unità immobiliari e una spesa media di 3 miliardi di euro all’anno per riparare danni dovuti ad eventi naturali». In parallelo all’assicurazione, il disegno di legge prevede la creazione di un fondo permanente per il miglioramento della sicurezza strutturale e dell’efficienza energetica (FSE) che andrebbe a finanziare interventi preventivi sugli edifici. Il fondo sarebbe alimentato al 50 per cento con i premi dell’assicurazione. «Se raddoppiassimo quella cifra – ha continuato Paolo Clemete – avremmo altri 3 miliardi all’anno da poter spendere per la messa in sicurezza delle abitazioni». In pratica il premio assicurativo medio annuale per finanziare a pieno il fondo sarebbe di 200 euro.

«Nessuno di noi vorrebbe pagare una “nuova tassa”. Si tratterebbe però di un contributo che andrebbe a sostituire quelli “occulti” che già paghiamo per riparare i danni da eventi catastrofici (è il caso, ad esempio,  delle accise sulla benzina)». Tuttavia, se confrontiamo il costo medio ipotizzato per il premio con l’attuale costo delle assicurazioni auto, risulta essere una cifra modesta a fronte dei benefici che ne conseguirebbero. «L’obiettivo – ha ricordato il responsabile del responsabile del Laboratorio ENEA – è quello di avere in alcuni decenni un miglioramento notevole del livello di sicurezza del patrimonio edilizio. In questo modo, a conti fatti, l’assicurazione verrebbe a costare pochissimo fino a diventare non più necessaria nel caso si raggiungesse un livello di sicurezza tale da scongiurare disastri come quello dell’Emilia o dell’Irpinia».

In base alla proposta di legge, gli interventi di messa in sicurezza degli edifici si coniugherebbero con l’efficientamento energetico. «Il patrimonio edilizio italiano – ricorda Clemente – sperpera un’enorme quantità di energia, per cui va messa a punto un’efficace strategia per il miglioramento dell’efficienza energetica». In base a quanto si legge nella proposta «le opere per l’adeguamento della sicurezza richiedono anche importanti interventi di recupero e di ripristino degli edifici e pertanto è conveniente associare ad esse opere di rifacimento dell’impiantistica secondo gli standard costruttivi più avanzati, nella prospettiva di un miglioramento della sicurezza generale dell’immobile, unitamente alla realizzazione di interventi impiantistici finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica». La proposta avrebbe risvolti positivi anche in termini di green economy: «Un tale processo non potrà che rilanciare il settore edile, attualmente in grave crisi, senza danneggiare l’ambiente, puntando più ad una corretta manutenzione dell’esistente che alla costruzione di nuovi edifici». I promotori prevedono infatti la realizzazione, nei primi vent’anni di gestione del fondo, di oltre 200.000 interventi con un ritorno in termini di occupazione valutato in 400.000 unità.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende