Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » “Carbo Diem”: l’assenza di strategia ci costa 1,8 miliardi:

“Carbo Diem”: l’assenza di strategia ci costa 1,8 miliardi

dicembre 16, 2010 Internazionali, Nazionali, Politiche

Carbon-TaFino ad ora l’Italia ha percepito le obbligazioni del Protocollo di Kyoto e dell’Emission Trading Scheme europeo come costi, senza adottare azioni di gestione dei crediti di CO2. Quanto costa al contribuente questa mancanza di strategia? 1,8 miliardi di euro, secondo il nuovo report Carbo Diem della no profit britannica Sandbag.

Per spiegare i motivi di questa cifra, è necessaria una piccola premessa sui mercati della CO2. L’Italia ha firmato e ratificato il Protocollo di Kyoto, con il quale ha assunto l’impegno di ridurre le emissioni di gas serra del 6,5% durante il periodo 2008-2012 rispetto all’anno-base 1990 (mentre l’impegno complessivo dell’Unione Europea è dell’8%). Nel Protocollo è prevista la possibilità, per gli Stati che non riescono a raggiungere l’obiettivo, di acquistare dei crediti dai Paesi virtuosi che rimangano al di sotto del proprio target. C’è anche la possibilità di acquisire dei crediti finanziando progetti di riduzione delle emissioni di gas serra localizzati in Paesi emergenti.

Nonostante la recessione economica, che ha abbassato la produzione e le emissioni di CO2, il nostro Paese viaggia con un ritardo verso gli obiettivi di Kyoto di 181 milioni di tonnellate di CO2, da cui sorge un obbligo di acquisto di crediti di CO2 di un valore di 1,8 miliardi di Euro.

Nello stesso quinquennio 2008-2012, le aziende italiane maggiormente inquinanti sono soggette alla Direttiva Europea sull’Emission Trading: anch’esse hanno degli obblighi di riduzione dei gas serra e possono acquistare crediti di CO2 se si trovano in situazione di deficit ed emettono troppa CO2, mentre possono venderli se abbattono i propri gas climalteranti più del loro target assegnato. La decisione su quante quote assegnare alle industrie è stata presa dal governo italiano attraverso il Piano di Allocazione Nazionale. Il report Carbon Diem mostra come i settori industriali coperti dall’Emission Trading siano in surplus di quote per ben 166 milioni di tonnellate di CO2. Anche qua c’è da dire che la crisi economica ha influito, diminuendo produzione e CO2 emessa, con il risultato finale di un aumento del surplus di quote allocate. Ad esempio, al gruppo RIVA sono state assegnati 11 milioni di crediti CO2 di troppo, a Edipower 2,7 milioni di crediti, Buzzi Unicem 2,4.

Come sarebbe dovuta andare? Il report Carbo Diem, “cogli il carbonio”, è chiaro: all’Italia sarebbe servita una politica sulla CO2 più lungimirante, allocando meno crediti alle aziende italiane coperte dall’Emission Trading. Secondo l’autore del report, Damien Morris, “l’Italia ha cercato di rispondere agli obblighi sul clima al minimo costo [a breve termine], mentre avrebbe potuto investire sul futuro”. Inoltre, sia nei settori industriali che negli altri settori dell’economia è necessario che le riduzioni di gas serra siano reali e avvengano in territorio nazionale, mentre acquistare crediti di CO2 in grandi quantità può essere solo una strategia di breve periodo e per coprire piccoli deficit. Altrimenti rimanderemo il problema al futuro e ci troveremo una coperta sempre più corta.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende