Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » “Carbo Diem”: l’assenza di strategia ci costa 1,8 miliardi:

“Carbo Diem”: l’assenza di strategia ci costa 1,8 miliardi

dicembre 16, 2010 Internazionali, Nazionali, Politiche

Carbon-TaFino ad ora l’Italia ha percepito le obbligazioni del Protocollo di Kyoto e dell’Emission Trading Scheme europeo come costi, senza adottare azioni di gestione dei crediti di CO2. Quanto costa al contribuente questa mancanza di strategia? 1,8 miliardi di euro, secondo il nuovo report Carbo Diem della no profit britannica Sandbag.

Per spiegare i motivi di questa cifra, è necessaria una piccola premessa sui mercati della CO2. L’Italia ha firmato e ratificato il Protocollo di Kyoto, con il quale ha assunto l’impegno di ridurre le emissioni di gas serra del 6,5% durante il periodo 2008-2012 rispetto all’anno-base 1990 (mentre l’impegno complessivo dell’Unione Europea è dell’8%). Nel Protocollo è prevista la possibilità, per gli Stati che non riescono a raggiungere l’obiettivo, di acquistare dei crediti dai Paesi virtuosi che rimangano al di sotto del proprio target. C’è anche la possibilità di acquisire dei crediti finanziando progetti di riduzione delle emissioni di gas serra localizzati in Paesi emergenti.

Nonostante la recessione economica, che ha abbassato la produzione e le emissioni di CO2, il nostro Paese viaggia con un ritardo verso gli obiettivi di Kyoto di 181 milioni di tonnellate di CO2, da cui sorge un obbligo di acquisto di crediti di CO2 di un valore di 1,8 miliardi di Euro.

Nello stesso quinquennio 2008-2012, le aziende italiane maggiormente inquinanti sono soggette alla Direttiva Europea sull’Emission Trading: anch’esse hanno degli obblighi di riduzione dei gas serra e possono acquistare crediti di CO2 se si trovano in situazione di deficit ed emettono troppa CO2, mentre possono venderli se abbattono i propri gas climalteranti più del loro target assegnato. La decisione su quante quote assegnare alle industrie è stata presa dal governo italiano attraverso il Piano di Allocazione Nazionale. Il report Carbon Diem mostra come i settori industriali coperti dall’Emission Trading siano in surplus di quote per ben 166 milioni di tonnellate di CO2. Anche qua c’è da dire che la crisi economica ha influito, diminuendo produzione e CO2 emessa, con il risultato finale di un aumento del surplus di quote allocate. Ad esempio, al gruppo RIVA sono state assegnati 11 milioni di crediti CO2 di troppo, a Edipower 2,7 milioni di crediti, Buzzi Unicem 2,4.

Come sarebbe dovuta andare? Il report Carbo Diem, “cogli il carbonio”, è chiaro: all’Italia sarebbe servita una politica sulla CO2 più lungimirante, allocando meno crediti alle aziende italiane coperte dall’Emission Trading. Secondo l’autore del report, Damien Morris, “l’Italia ha cercato di rispondere agli obblighi sul clima al minimo costo [a breve termine], mentre avrebbe potuto investire sul futuro”. Inoltre, sia nei settori industriali che negli altri settori dell’economia è necessario che le riduzioni di gas serra siano reali e avvengano in territorio nazionale, mentre acquistare crediti di CO2 in grandi quantità può essere solo una strategia di breve periodo e per coprire piccoli deficit. Altrimenti rimanderemo il problema al futuro e ci troveremo una coperta sempre più corta.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende