Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » “Carbo Diem”: l’assenza di strategia ci costa 1,8 miliardi:

“Carbo Diem”: l’assenza di strategia ci costa 1,8 miliardi

dicembre 16, 2010 Internazionali, Nazionali, Politiche

Carbon-TaFino ad ora l’Italia ha percepito le obbligazioni del Protocollo di Kyoto e dell’Emission Trading Scheme europeo come costi, senza adottare azioni di gestione dei crediti di CO2. Quanto costa al contribuente questa mancanza di strategia? 1,8 miliardi di euro, secondo il nuovo report Carbo Diem della no profit britannica Sandbag.

Per spiegare i motivi di questa cifra, è necessaria una piccola premessa sui mercati della CO2. L’Italia ha firmato e ratificato il Protocollo di Kyoto, con il quale ha assunto l’impegno di ridurre le emissioni di gas serra del 6,5% durante il periodo 2008-2012 rispetto all’anno-base 1990 (mentre l’impegno complessivo dell’Unione Europea è dell’8%). Nel Protocollo è prevista la possibilità, per gli Stati che non riescono a raggiungere l’obiettivo, di acquistare dei crediti dai Paesi virtuosi che rimangano al di sotto del proprio target. C’è anche la possibilità di acquisire dei crediti finanziando progetti di riduzione delle emissioni di gas serra localizzati in Paesi emergenti.

Nonostante la recessione economica, che ha abbassato la produzione e le emissioni di CO2, il nostro Paese viaggia con un ritardo verso gli obiettivi di Kyoto di 181 milioni di tonnellate di CO2, da cui sorge un obbligo di acquisto di crediti di CO2 di un valore di 1,8 miliardi di Euro.

Nello stesso quinquennio 2008-2012, le aziende italiane maggiormente inquinanti sono soggette alla Direttiva Europea sull’Emission Trading: anch’esse hanno degli obblighi di riduzione dei gas serra e possono acquistare crediti di CO2 se si trovano in situazione di deficit ed emettono troppa CO2, mentre possono venderli se abbattono i propri gas climalteranti più del loro target assegnato. La decisione su quante quote assegnare alle industrie è stata presa dal governo italiano attraverso il Piano di Allocazione Nazionale. Il report Carbon Diem mostra come i settori industriali coperti dall’Emission Trading siano in surplus di quote per ben 166 milioni di tonnellate di CO2. Anche qua c’è da dire che la crisi economica ha influito, diminuendo produzione e CO2 emessa, con il risultato finale di un aumento del surplus di quote allocate. Ad esempio, al gruppo RIVA sono state assegnati 11 milioni di crediti CO2 di troppo, a Edipower 2,7 milioni di crediti, Buzzi Unicem 2,4.

Come sarebbe dovuta andare? Il report Carbo Diem, “cogli il carbonio”, è chiaro: all’Italia sarebbe servita una politica sulla CO2 più lungimirante, allocando meno crediti alle aziende italiane coperte dall’Emission Trading. Secondo l’autore del report, Damien Morris, “l’Italia ha cercato di rispondere agli obblighi sul clima al minimo costo [a breve termine], mentre avrebbe potuto investire sul futuro”. Inoltre, sia nei settori industriali che negli altri settori dell’economia è necessario che le riduzioni di gas serra siano reali e avvengano in territorio nazionale, mentre acquistare crediti di CO2 in grandi quantità può essere solo una strategia di breve periodo e per coprire piccoli deficit. Altrimenti rimanderemo il problema al futuro e ci troveremo una coperta sempre più corta.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende