Home » Nazionali »Politiche » Cave: in cerca di ricette per far convivere attività estrattive e ambiente:

Cave: in cerca di ricette per far convivere attività estrattive e ambiente

dicembre 10, 2013 Nazionali, Politiche

«Il disegno di legge fa l’esclusivo interesse dei cavatori. A farne le spese il territorio e la green economy». È quanto denunciato recentemente da Legambiente Piemonte Valle d’Aosta e Libera Piemonte in merito alle modifiche alla legge regionale piemontese sulle attività estrattive.

«Sia la normativa nazionale che quella regionale sono state formulate in una prospettiva “sviluppista” che immaginava la domanda di inerti in crescita costante, le risorse abbondanti e le criticità ambientali scarse» ha spiegato Fabio Dovana, presidente regionale di Legambiente che ha aggiunto:  «Non sussistono più ragioni credibili per non ridurre in maniera significativa il prelievo da cave attraverso il recupero e il riutilizzo degli inerti provenienti dall’edilizia ma semmai l’urgenza di procedere in tale direzione attraverso regole chiare, ferme e una giusta tassazione».

Nelle osservazioni presentate alla Regione Piemonte, le associazioni sottolineano che la «pianificazione territoriale nel settore delle attività estrattive in Piemonte è praticamente disattesa giacché la maggior parte delle Province non ha adottato i piani delle attività estrattive a livello provinciale (PDAE). È assente – si legge ancora nel documento – un piano regionale di recupero ambientale delle cave dismesse o abbandonate. L’assenza di una pianificazione provinciale è particolarmente grave perché, di fatto, viene demandato a chi concede l’autorizzazione a cavare (prevalentemente i Comuni, soggetti sovente privi di strutture e competenze idonee) una eccessiva discrezionalità decisionale in quanto assenti qualsiasi riferimenti su “quanto”, “dove” e “come” cavare».

«Questa critica all’approccio “sviluppista” è assolutamente condivisibile» ha affermato Carlo Colombino, presidente di UNIMIN (associazione operatori lapidei). «L’approccio sviluppista si è manifestato anche nel settore delle costruzioni. Tutti i Comuni hanno approvato Piani regolatori non tarati sulla reale esigenza abitativa ma sulla possibilità di incassare oneri. Alla fine i risultati sono sotto gli occhi di tutti: siamo pieni di case e capannoni che non sappiamo più a chi vendere. Per le cave è successa una cosa analoga. Per quanto riguarda invece la pianificazione – ha continuato Carlo Colombino – noi di UNIMIN siamo i primi a volerla. Se oggi il mercato chiede 10 è inutile che si autorizzi 40. Per noi è un problema dal punto di vista economico. Ma è anche un problema per l’ambiente perché si va a sprecare un risorsa che non è rinnovabile trattandosi, oltretutto, di un’attività con un impatto non trascurabile. La pianificazione deve quindi tararsi su quelli che sono i reali fabbisogni».

A differenza di Legambiente e Libera che criticano la proroga e l’aumento dei tempi di concessione delle attività estrattive, il presidente di UNIMIN vede con favore questa possibilità: «Chiediamo la proroga perché il mercato è crollato (50% in pochi anni) e le cave non si esauriranno nei tempi previsti». Un aspetto su cui andrebbe posta l’attenzione, secondo Colombino, sono invece le cosiddette “cave di prestito”: «Si tratta di siti di estrazione aperti in relazione ai materiali necessari per la costruzione di grandi opere (come nel caso delle linee ad alta velocità). Oggi, con l’abbondanza di materiale, modificare in eccesso questa normativa non ha senso. Basta andare presso le cave esistenti: il materiale te lo “tirano dietro”». Si potrebbe porre fine a questo tipo di cave? «Se oggi dovessero smettere di autorizzare cave – ha sottolineato il presidente  di UNIMIN – avremmo materiale in abbondanza per i prossimi 20 anni».

Le associazioni ricordano, inoltre, che in Italia «viene riutilizzato o riciclato solo il 10% circa del materiale a fronte del 95% dei Paesi Bassi o della Danimarca». Questa pratica non potrebbe aumentare coniugandosi con le attività estrattive tradizionali? «Assolutamente sì. A meta anni Novanta, il gruppo di cui faccio parte, ha avviato un’attività di riciclaggio in parallelo all’attività estrattiva. E oggi abbiamo un grosso impianto di recupero rifiuti edili nel nostro sito di La Loggia».

La Loggia è uno dei comuni compreso nella fascia fluviale del Po a sud di Torino, area nella quale insistono diverse attività estrattive. Lungo questa fascia fluviale è attivo un accordo che impegna le imprese ad avviare, contestualmente al proseguimento delle attività di estrazione, interventi di riqualificazione ambientale dei lotti progressivamente dismessi. «Riteniamo – ha spiegato Ippolito Ostellino, direttore del Parco del Po – che il nostro sia un esempio virtuoso su come fare andare d’accordo le attività estrattive delle fasce fluviali con il territorio ed in particolare con un’area protetta. Siamo riusciti a far realizzare importanti attività di recupero ambientale. Svariati metri quadrati di territorio sono stati convertiti ad un riuso di qualità (piantumazione di alberi, disegni morfologici dei laghi). Quel vecchio concetto che “la cava fa solamente dei buchi”, nel nostro caso è stato superato».

L’obiettivo finale è la costituzione del “Parco dei Laghi di cava del Po”: un progetto ambizioso che si propone di mettere a sistema le aree estrattive riqualificate e valorizzare il grande potenziale paesaggistico, ecologico, storico che questa area rappresenta all’interno del sistema Corona Verde. L’esempio del Parco del Po è un modello esportabile? «Sarebbe esportabile con modelli di gestione e pianificazione come quelli che noi abbiamo applicato. Vedo purtroppo – ha concluso Ostellino – che la parola pianificazione non piace più a tante persone e a tanti soggetti. Dovrebbero essere tutti più disponibili».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende