Home » Nazionali »Politiche » Cave: in cerca di ricette per far convivere attività estrattive e ambiente:

Cave: in cerca di ricette per far convivere attività estrattive e ambiente

dicembre 10, 2013 Nazionali, Politiche

«Il disegno di legge fa l’esclusivo interesse dei cavatori. A farne le spese il territorio e la green economy». È quanto denunciato recentemente da Legambiente Piemonte Valle d’Aosta e Libera Piemonte in merito alle modifiche alla legge regionale piemontese sulle attività estrattive.

«Sia la normativa nazionale che quella regionale sono state formulate in una prospettiva “sviluppista” che immaginava la domanda di inerti in crescita costante, le risorse abbondanti e le criticità ambientali scarse» ha spiegato Fabio Dovana, presidente regionale di Legambiente che ha aggiunto:  «Non sussistono più ragioni credibili per non ridurre in maniera significativa il prelievo da cave attraverso il recupero e il riutilizzo degli inerti provenienti dall’edilizia ma semmai l’urgenza di procedere in tale direzione attraverso regole chiare, ferme e una giusta tassazione».

Nelle osservazioni presentate alla Regione Piemonte, le associazioni sottolineano che la «pianificazione territoriale nel settore delle attività estrattive in Piemonte è praticamente disattesa giacché la maggior parte delle Province non ha adottato i piani delle attività estrattive a livello provinciale (PDAE). È assente – si legge ancora nel documento – un piano regionale di recupero ambientale delle cave dismesse o abbandonate. L’assenza di una pianificazione provinciale è particolarmente grave perché, di fatto, viene demandato a chi concede l’autorizzazione a cavare (prevalentemente i Comuni, soggetti sovente privi di strutture e competenze idonee) una eccessiva discrezionalità decisionale in quanto assenti qualsiasi riferimenti su “quanto”, “dove” e “come” cavare».

«Questa critica all’approccio “sviluppista” è assolutamente condivisibile» ha affermato Carlo Colombino, presidente di UNIMIN (associazione operatori lapidei). «L’approccio sviluppista si è manifestato anche nel settore delle costruzioni. Tutti i Comuni hanno approvato Piani regolatori non tarati sulla reale esigenza abitativa ma sulla possibilità di incassare oneri. Alla fine i risultati sono sotto gli occhi di tutti: siamo pieni di case e capannoni che non sappiamo più a chi vendere. Per le cave è successa una cosa analoga. Per quanto riguarda invece la pianificazione – ha continuato Carlo Colombino – noi di UNIMIN siamo i primi a volerla. Se oggi il mercato chiede 10 è inutile che si autorizzi 40. Per noi è un problema dal punto di vista economico. Ma è anche un problema per l’ambiente perché si va a sprecare un risorsa che non è rinnovabile trattandosi, oltretutto, di un’attività con un impatto non trascurabile. La pianificazione deve quindi tararsi su quelli che sono i reali fabbisogni».

A differenza di Legambiente e Libera che criticano la proroga e l’aumento dei tempi di concessione delle attività estrattive, il presidente di UNIMIN vede con favore questa possibilità: «Chiediamo la proroga perché il mercato è crollato (50% in pochi anni) e le cave non si esauriranno nei tempi previsti». Un aspetto su cui andrebbe posta l’attenzione, secondo Colombino, sono invece le cosiddette “cave di prestito”: «Si tratta di siti di estrazione aperti in relazione ai materiali necessari per la costruzione di grandi opere (come nel caso delle linee ad alta velocità). Oggi, con l’abbondanza di materiale, modificare in eccesso questa normativa non ha senso. Basta andare presso le cave esistenti: il materiale te lo “tirano dietro”». Si potrebbe porre fine a questo tipo di cave? «Se oggi dovessero smettere di autorizzare cave – ha sottolineato il presidente  di UNIMIN – avremmo materiale in abbondanza per i prossimi 20 anni».

Le associazioni ricordano, inoltre, che in Italia «viene riutilizzato o riciclato solo il 10% circa del materiale a fronte del 95% dei Paesi Bassi o della Danimarca». Questa pratica non potrebbe aumentare coniugandosi con le attività estrattive tradizionali? «Assolutamente sì. A meta anni Novanta, il gruppo di cui faccio parte, ha avviato un’attività di riciclaggio in parallelo all’attività estrattiva. E oggi abbiamo un grosso impianto di recupero rifiuti edili nel nostro sito di La Loggia».

La Loggia è uno dei comuni compreso nella fascia fluviale del Po a sud di Torino, area nella quale insistono diverse attività estrattive. Lungo questa fascia fluviale è attivo un accordo che impegna le imprese ad avviare, contestualmente al proseguimento delle attività di estrazione, interventi di riqualificazione ambientale dei lotti progressivamente dismessi. «Riteniamo – ha spiegato Ippolito Ostellino, direttore del Parco del Po – che il nostro sia un esempio virtuoso su come fare andare d’accordo le attività estrattive delle fasce fluviali con il territorio ed in particolare con un’area protetta. Siamo riusciti a far realizzare importanti attività di recupero ambientale. Svariati metri quadrati di territorio sono stati convertiti ad un riuso di qualità (piantumazione di alberi, disegni morfologici dei laghi). Quel vecchio concetto che “la cava fa solamente dei buchi”, nel nostro caso è stato superato».

L’obiettivo finale è la costituzione del “Parco dei Laghi di cava del Po”: un progetto ambizioso che si propone di mettere a sistema le aree estrattive riqualificate e valorizzare il grande potenziale paesaggistico, ecologico, storico che questa area rappresenta all’interno del sistema Corona Verde. L’esempio del Parco del Po è un modello esportabile? «Sarebbe esportabile con modelli di gestione e pianificazione come quelli che noi abbiamo applicato. Vedo purtroppo – ha concluso Ostellino – che la parola pianificazione non piace più a tante persone e a tanti soggetti. Dovrebbero essere tutti più disponibili».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende