Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Cinquanta sfumature di verde. Ma neanche un partito:

Cinquanta sfumature di verde. Ma neanche un partito

Il verde (nella tonalità smerlado, 17-5641, per la precisione) sarà il colore dell’anno 2013. Lo ha decretato, pochi giorni fa, il Pantone Color Institute del New Jersey.

Nell’articolo “Gli italiani sono più verdi di una volta“, pubblicato il 13 dicembre scorso su Focus.it si evidenzia invece come, secondo una ricerca Ipsos per Conai, gli Italiani sarebbero oggi più attenti all’ecologia di quanto lo fossero 15 anni fa (deo gratias). “Il primo dato – scrive Sabina Berra - è che l’attenzione per l’ambiente, visto come un bene comune da tutelare, è recente: risale a circa 5 anni fa“. Ma, precisa l’articolo, “il tema non appassiona gli italiani (più preoccupati della crisi economica)”, anche se, conclude l’autrice, “minore preoccupazione non significa scarsa attenzione”. “Tutti gli intervistati – si legge infatti – sono convinti che sia l’occasione per sentirsi parte di ‘una rivoluzione delle piccole cose’ dove ognuno è invitato a fare la propria parte. Anche se sono consapevoli che il vero cambiamento culturale deve ancora arrivare e ci sarà soltanto se aiutato da leggi piuttosto dure”.

Ma – dure o non dure – chi le proporrà e voterà in Parlamento quelle leggi? Come infatti ha rilevato Aldo Cazzullo, in un lucido editoriale dal titolo “La scomparsa degli ecologisti“, sulla prima pagina del Corriere della Sera di ieri, “In attesa del dimezzamento dei parlamentari e della sparizione degli inquisiti, c’è già una categoria esclusa o quasi dal Parlamento: gli ambientalisti”. Già perché, diversamente dalla Germania – dove i Verdi sono da venticinque anni il terzo partito del Paese, governano il land del Baden-Württemberg e, sec0ndo alcune previsioni, potrebbero addirittura arrivare, in coalizione, al governo del Paese – e diversamente dalla Francia, dove viaggiano da tempo intorno al 16% e sono già oggi al governo insieme al presidente Hollande, i Verdi italiani non sono nemmeno più in Parlamento e difficilmente ci torneranno a febbraio, di questo passo. Il “cambio” pagato dal presidente Angelo Bonelli non sembra infatti particolarmente vantaggioso: la perdita di un “pezzo da 90″ come Monica Frassoni (formalmente fuori dal partito italiano già dal 2009, ma recentemente rieletta co-presidente dei Verdi Europei, con il 96% dei consensi) – che si presenterà alle elezioni italiane come indipendente nelle liste di SEL – per un’alleanza “arancione” con la pur nobile lista dell’ex magistrato Antonio Ingroia.

E pensare che meno di due anni fa avevamo plaudito alle dichiarazioni di Angelo Bonelli che, scrivendo una lettera a La Stampa in vista della Costituente Ecologista, era riuscito a convincere anche Mario Calabresi: ”Non lascio quasi mai spazio a lettere di politici in questa rubrica – scriveva il direttore del quotidiano torinese – faccio un’eccezione perché Bonelli, che ha preso la guida di un partito che era sulla via del dissolvimento, ci spiega perfettamente quale è stata la «malattia» che ha impedito al movimento ecologista italiano di affermarsi e di crescere come è accaduto in altri Paesi europei. Il problema è stato quello di ideologizzare un tema – quello dell’ambiente e della salute – che nel resto del mondo ha declinazioni universali”. Esattamente.  “I Verdi in Germania - scriveva Bonelli stesso nella lettera del 2011sono diventati una forza politica popolare, in grado di attrarre consensi sia nei bacini conservatori che in quelli di sinistra” e di controI Verdi Italiani, negli ultimi 15 anni, hanno avuto una caratterizzazione fortemente ideologizzata, collocata nel perimetro della sinistra radicale. Questo è stato un grande errore politico perché la proposta ecologista riguarda tutti i cittadini e non solo una parte. La collocazione politica dei Verdi nella sinistra radicale ha impedito la crescita di consenso”.

“Sulle note di Ma il cielo è sempre più blu di Rino Gaetano – scriveva ancora la nostra Veronica Ulivieri, pochi giorni dopo la lettera di Bonelli - è cominciata una fase di traghettamento dei Verdi italiani verso una nuova era, un modo diverso (si augurano in molti) di fare politica. E già allora un sondaggio effettuato da Ipr marketing diceva che «il progetto è in sintonia con le esigenze degli italiani», incoraggiando l’ottimismo degli ambientalisti con l’ormai ricorrente classifica, secondo la quale «nell’immaginario collettivo, le problematiche relative all’ambiente sono al terzo postodopo economia e lavoro e prima della questione sicurezza».

Passano 19 mesi e il “solito Noto” (inteso come Antonio, direttore di Ipr Marketing), incaricato del sondaggio dall’API di Francesco Rutelli, ci dice oggi, nuovamente, che per il 72% degli italiani la green economy è “volano di crescita“. O meglio: “L’80% degli intervistati ritiene che l’ambiente in tempo di crisi sia non un vincolo ma un’opportunità per sviluppare un sistema nuovo, più attento a evitare sprechi. Il 73% condivide l’idea che la crisi economica comporti una svolta ‘green’ a favore di produzioni verdi, riorganizzazione dei trasporti e edilizia, impiego di fonti energetiche rinnovabili. Il 72% pensa che la ‘green economy’ favorirà in futuro la creazione di nuovi posti di lavoro”. Wow, mi verrebbe da dire! Poi però leggo anche che, passati i 19 mesi, il “solito Angelo” (inteso Bonelli, presidente dei Verdi), invece di concentrarsi sui temi della green economy e “allargare il tiro” (per pescare nel bacino degli elettori trasversali), ricasca nel vecchio errore e si allea con il “giustizialista” (che lo sia o meno poco conta, perché tale è percepito da un’ampia parte di elettorato) Ingroia, mandando al diavolo tutti i bei discorsi del 2011.

E leggo ancora che anche gli altri partiti non sembrano offrire maggiori speranze “verde smeraldo” per le prossime elezioni 2013: “il Pd – ricorda Cazzullo nel suo editoriale – rinuncia a nomi storici, come Roberto Della Seta” (il quale ha dichiarato: «Non siamo insostituibili. Il punto è che non siamo stati sostituiti») e Francesco Ferrante, tenendosi in lista solo Ermete Realacci. «Nelle varie agende l’ambiente latita» scrive ancora Cazzullo e, intanto, “l’agenda verde” presentata ieri dal non-candidato Ministro dimissionario Corrado Clini, come lascito al futuro governo (Monti?), passa praticamente inosservata dai grandi media. Solo Beppe Grillo non ci sta e sul blog affida a Claudio Messora la replica a Cazzullo, al quale viene ricordato (molto modestamente) che “il MoVimento 5 Stelle, oggi, è il punto di riferimento per le politiche ambientali in Italia“. Sarà vero, ma da ambientalista “europeo” che non ama molto il folclore grillino e le profezie casaleggine, non riesco, francamente, a gioirne più di tanto. E mi chiedo ancora una volta: quando riusciranno i Verdi italiani a concentrarsi, in campagna elettorale, sui temi della green economy e a diventare un moderno partito europeo, per il quale i termini destra, sinistra e centro non abbiano più senso, ma solo la condivisione di una sfida comune, per l’ambiente, i cittadini e l’economia?

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende