Home » Internazionali »Politiche » CITES 2010: la diplomazia del sushi:

CITES 2010: la diplomazia del sushi

marzo 19, 2010 Internazionali, Politiche

Esemplari di tonno pinna blu, Courtesy of WWF.itLa “diplomazia del sushi”, messa in campo dal Giappone alla vigilia del voto sul bando alla commercializzazione del tonno rosso, ha prevalso ieri a Doha, in Qatar, dove è in corso la CITES, la 15°Conferenza delle Parti della Convenzione Internazionale sulle Specie a rischio di estinzione – nota anche come COP 15 (una sigla che non ha portato bene nemmeno a Copenhagen).

Secondo quanto riportato dal quotidiano economico Nikkei, l’ambasciatore nipponico in Qatar avrebbe offerto un sontuoso buffet a base di sushi e sashimi, il pesce crudo ormai di moda in tutto il mondo, invitando unicamente i rappresentanti dei Paesi giudicati da Tokyo come possibili alleati contro la proposta di bando commerciale, a livello internazionale, del tonno detto “pinna blu”, a rischio di estinzione.

Il ricevimento, che è riuscito a catalizzare circa 300 delegati da 50 Paesi, (principalmente da Africa, Asia, America Latina e Medio Oriente) ha visto esclusi Unione Europea, Stati Uniti e Monaco – tutti promotori dello stop internazionale al commercio – ai quali non è nemmeno pervenuto l’invito di partecipazione al ‘sushi party’. Protagonista del banchetto, manco a dirlo, il tonno rosso, che con estrema noncuranza (e cattivo gusto) gli organizzatori hanno offerto in abbondanza ai propri ospiti.

La strategia giapponese ha tuttavia centrato l’obiettivo: nonostante il 2010 sia l’Anno Internazionale della Biodiversità, dei 129 delegati governativi votanti ieri, 72 hanno votato contro la proposta di bando, 43 a favore e 14 si sono astenuti.

Il tonno rosso è attualmente ridotto sull’orlo dell’estinzione a causa di un eccessivo sfruttamento e della pesca illegale, dovuti essenzialmente alla rapida espansione del mercato di sushi e sashimi in Giappone, Europa e Stati Uniti. Gli stock mondiali si sono ridotti di oltre l’ 85% rispetto al livello in cui si è registrato il massimo storico della specie, tanto da convincere importanti gruppi della grande distribuzione europea, come Carrefour e Coop, a sospenderne l’acquisto e promuoverne l’interruzione della pesca, per consentire un progressivo ripopolamento.  

Il WWF ha già annunciato che porterà avanti un’azione di sensibilizzazione nei confronti di ristoratori, chef, dettaglianti e consumatori affinché interrompano l’acquisto e il consumo di questa specie a rischio – come ha già fatto, da un anno, il Principato di Monaco, il primo stato al mondo ad essere diventato interamente “bluefin tuna free“. 

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende