Home » Nazionali »Politiche » Consumo del suolo: pro e contro delle leggi regionali:

Consumo del suolo: pro e contro delle leggi regionali

dicembre 5, 2014 Nazionali, Politiche

Una Legge nazionale sul consumo del suolo, a grande richiesta. Una legge che dovrebbe dare le linee guida, un vademecum legislativo prima che i governi regionali agiscano senza una direttiva, soprattutto dopo la recente esperienza della Regione Toscana prima, e la Regione Lombardia dopo, che hanno approvato le loro Leggi locali sul consumo del suolo. Atti che richiamano ancora di più la necessità e l’urgenza di una norma italiana in materia.

La legge regionale della Toscana prevede nuove costruzioni (non residenziali) solo se non ci sono alternative, privilegiando il riuso dell’esistente. Nuovi poteri alla conferenza paritetica. 25 aree vaste e tempi rapidi per la pianificazione, 2 anni invece di 6. 7 milioni per incentivare i Comuni, derivanti dai risparmi della politica. Patrimonio territoriale inteso come equilibrio tra gli elementi del territorio: acqua, terra, intervento umano. Osservatorio e Conferenza paritetica lavoreranno insieme per valutare gli effetti della legge, presentare proposte e verificare l’efficacia della legge. Incentivi alla buona agricoltura come presidio primario alla difesa del territorio, meno burocrazia. Prevenzione contro le alluvioni: individuati 1.000 chilometri quadrati di territorio dove è impossibile costruire (il 7% del totale) perché a rischio. Sebbene criticabile per il numero di articoli (256!), è pregevole per la chiarezza con cui introduce il principio di consumo di nuovo suolo esclusivamente nell’ambito del territorio già urbanizzato.

La legge regionale della Lombardia deroga invece non più di tre anni e mezzo ai sindaci e costruttori sui progetti edilizi già in essere. Dopo questo termine si potrà costruire anche sulle aree agricole, ma solo se per compensazione saranno destinate aree verdi precedentemente urbanizzate. Fissa tra 30 mesi lo stop all’edificazione dei suoli agricoli inedificati, anche se attualmente oggetto di previsioni edificatorie. Dà lo stop alle varianti sulle nuove destinazioni d’uso delle aree agricole. Sono previsti aumenti degli oneri di urbanizzazione per le aree agricole urbane ed extraurbane, durante i tre anni entro i quali i progetti in essere potranno essere confermati. Nel computo del suolo edificato e consumato andranno conteggiate anche le infrastrutture sovracomunali, diversamente da quanto previsto dal testo originario, che consentiva una deroga per questa categoria di opere, spesso responsabili delle maggiori distruzioni del suolo agricolo e delle fragili connessioni ecologiche della pianura lombarda sopravvissute alla cementificazione pubblica e privata. Penalizzato con maggiorazioni dei contributi e non più favorito con incentivi, come nel testo originario, il consumo di suolo realizzato nel periodo transitorio. Il Piano Paesaggistico Regionale (PPR), dovrà prevedere criteri vincolanti per i Piani di Governo Territoriale (PGT), che dovranno cancellare quelle previsioni di trasformazione del suolo non compatibili con altre soluzioni di riuso del suolo o con i reali indici demografici: anche qui l’ancoraggio agli indici demografici ISTAT, frutto degli emendamenti approvati in aula grazie anche al lavoro della minoranza, impedirà agli enti locali di barare e di fingere incrementi fantascientifici demografici. Una legge, che però, dimostra come la giustezza di principi possa essere annullata dalle norme transitorie. In Lombardia, infatti, per i prossimi 2 anni si conferma tutto quanto a oggi previsto dai Piani di Governo Territoriale (PGT) comunali.

“Riconoscendo come buono questo intervento abbiamo però visto una certa timidezza quando queste norme entrano in azione. L’esperienza tedesca ci insegna che il processo deve essere graduale non esistono provvedimenti unici. Bisogna fare in modo che la politica e l’economia arrivino ad un percorso che renda più conveniente costruire aree già urbanizzate e non territori agricoli. Un percorso culturale che da noi ha preso l’avvio, ancora tanta la strada da fare” come spiega la responsabile per la sostenibilità ambientale e le relazioni esterne del FAI, Costanza Pratesi.

FAI e WWF, intanto, chiedono al Governo che prenda in serio esame la decretazione d’urgenza, sospendendo con una moratoria, fino alla piena realizzazione della pianificazione paesaggistica prescritta dal Codice dei Beni culturali e del Paesaggio, il rilascio e l’esecuzione dei titoli abilitativi edilizi soprattutto per quelle aree territorialmente più delicate quali coste, argini fluviali, aree parco.

Anche il Forum Nazionale dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio, che riunisce una rete di oltre mille organizzazioni e comitati locali, dà il suo contributo all’impegno del Parlamento per riavviare l’iter di approvazione di una legge che circoscriva il consumo di suolo agricolo. Numerose le osservazioni consegnate al Parlamento: sul riconoscimento del suolo come bene comune e risorsa non rinnovabile; sulla volontà di allineare le politiche del nostro Paese agli orientamenti espressi dall’Unione Europea; sull’esigenza di individuare una roadmap suggerita dall’UE a tutti gli Stati membri per giungere al consumo netto zero di suolo/territorio entro il 2050; sulla necessità di azzerare la possibilità di utilizzare gli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente delle amministrazioni comunali; sulla priorità data ai Comuni dotatisi di strumenti urbanistici “virtuosi” nell’accesso a finanziamenti statali e regionali per gli interventi di rigenerazione urbana.

E mentre in nostro Paese piange e conta i danni sotto l’acqua del maltempo, il Forum rinnova la richiesta di rottamare la legge Sblocca-Italia, appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale: è una minaccia per la democrazia e per il nostro futuro, incentiva e finanzia la realizzazione di infrastrutture pesanti, porta all’estremo la deregulation in materia edilizia, fomenta la privatizzazione dei beni demaniali, scommette sui combustibili fossili, affossa i meccanismi di controllo istituiti dallo Stato nell’interesse pubblico.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

maggio 28, 2018

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

Secondo le più recenti ricerche di mercato cresce sempre più il numero di consumatori a caccia non solo di capi di abbigliamento “fashion” e performanti, ma anche “etici” e soprattutto ecosostenibili. Assicurare la piena tracciabilità dei propri capi e poter contare su partner di filiera affidabili e orientati all’innovazione e alla riduzione degli impatti ambientali, [...]

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

maggio 28, 2018

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

Il 10 maggio scorso al Comune di Sappada, in Friuli, è stata attribuita la prima certificazione ISO 37101 “Gestione sostenibile delle comunità”, uno standard nato per aiutare le Comunità ad attuare una strategia di sviluppo sostenibile includendo il contesto economico, sociale e ambientale. Il protocollo definisce, in sostanza, le azioni che una Comunità deve mettere in campo [...]

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende