Home » Internazionali »Politiche » Contro-vertice a Rio+20: no a una green economy sfruttatrice:

Contro-vertice a Rio+20: no a una green economy sfruttatrice

giugno 22, 2012 Internazionali, Politiche

Nonostante all’orizzonte del vertice Rio+20 sullo Sviluppo Sostenibile, che si chiuderà oggi in Brasile si profili un clamoroso nulla di fatto, il summit ha avuto almeno il merito di accendere i riflettori sulle tante situazioni di sfruttamento ambientale al centro del “Contro-vertice” di Cúpula dos Povos, organizzato in contemporanea da 200 Ong, armate di analisi e propositi più concreti di quelli sui tavoli governativi del summit ufficiale. A partire dalle migliaia di storie – tutte diverse, eppure per certi versi simili – degli abitanti dell’Amazzonia, il grande polmone verde del Paese, costantemente sotto attacco di lobby industriali senza scrupoli. Comunità locali, contadini, pescatori, e rappresentanti della società civile riuniti al contro-summit si battono infatti, paradossalmente, contro la green economy, quando questa sia intesa come “grande ombrello che racchiude sotto di sé tutti i modi di commercializzare e mercificare la natura”.

Mentre il silenzio dei leader mondiali è quasi imbarazzante, Da Rio filtrano dunque innumerevoli storie di persone e comunità decise a dire “no al capitalismo verde, sì a un’economia solidale”. “Hanno distrutto i nostri fiumi per costruire gigantesche dighe, distrutto le nostre foreste per piantare eucalipti, soia e riso: il governo permette alle grandi imprese di ingrandirsi a spese dei brasiliani, dei popoli indigeni che dopo 512 anni di storia aspettano ancora che le loro terre siano delimitate“, è il racconto di un capo villaggio arrivato da Mata Medonha, nello Stato di Bahia.

La “novità” di Rio+20 che più colpisce i 30.000 partecipanti al Summit dei Popoli è proprio la scissione nei negoziati, con un passo indietro rispetto all’Earth Summit del 1992, tra ambiente e sviluppo, tanto da far azzardare a qualche commentatore la definizione di “Rio -20″, dove il meno indica un chiaro ritorno al passato. “Il vertice Rio+20 – denuncia l’Ong Oxfamfallirà se affronterà ambiente e sviluppo come due temi distinti, secondo una vecchia concezione superata ben venti anni fa dal primo vertice di Rio. Riteniamo che l’impegno a Rio per un unico processo che riunisca gli obiettivi di sviluppo sostenibile e il paradigma di sviluppo post-2015 potrebbe rappresentare uno storico accordo per sradicare la povertà e assicurare la prosperità a tutti attraverso la condivisione delle risorse limitate della terra”.

La green economy dovrebbe cioè diventare, secondo l’appello delle comunità locali, la via per assicurare a tutti l’accesso alle risorse, nel rispetto degli ecosistemi e dei loro ritmi. “Porre fine alla povertà e proteggere l’ambiente sono cause inscindibilmente legate e non possono essere affrontate separatamente. Le attuali proposte sono una ricetta per diluire l’impegno, moltiplicare lo sforzo e disperdersi. Alle persone più povere del mondo, che ancora soffrono la mancanza di assistenza sanitaria di qualità e di istruzione è anche negata la giusta quantità di acqua, aria pulita e terra. I poveri saranno i primi a rimetterci se Rio+20 non riuscirà a definire una serie di obiettivi per il pianeta. Abbiamo bisogno di un unico quadro guida il cui scopo è quello di porre fine alla povertà e ripristinare l’ambiente che ci sostiene tutti”, sottolinea Antonio Hill, senior advisor sui cambiamenti climatici di Oxfam International.

Il messaggio delle Ong ai potenti è quello di inaugurare un nuovo corso dell’economia verde, che unisca la sostenibilità ambientale a quella sociale. Difendere la natura per tutelare i diritti di tutti. Dal contro-vertice arrivano anche tantissime storie di profughi ambientali, persone costrette a lasciare la propria terra per eventi climatici estremi. Secondo un dossier di Legambiente diffuso ieri, in tutto i profughi vittima dei cambiamenti climatici sono 6 milioni, ma, stando alle stime dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), entro il 2050 il fenomeno potrebbe riguardare fino a 250 milioni di persone. Con conseguenze distruttive per le fasce più deboli della popolazione, a cominciare dai bambini: “Con più di 7 miliardi di abitanti del pianeta – spiega Khaled Mansour, Direttore Comunicazione dell’Unicef – la comunità internazionale dovrebbe chiedere al vertice di Rio de Janeiro cosa significhi sviluppo sostenibile per 2,2 miliardi di bambini nel mondo. Dopo tutto, il futuro che vogliamo e che stiamo costruendo lo dovranno vivere loro, e i loro figli. E dovrebbe essere un futuro più giusto. Lo sviluppo sostenibile ha a che fare col fatto di comprendere, riconoscere e intervenire attivamente sulle interrelazioni esistenti tra economia, società e ambiente naturale”.

Ed è stata proprio una giovane studentessa a ricordare ai potenti, durante la sessione di apertura di Rio+20, i loro compiti:“Ci avete promesso di combattere la povertà; ci avete promesso lo sviluppo sostenibile, la lotta contro i cambiamenti climatici. Le multinazionali si sono impegnate per rappresentare l’ambiente. Il nostro futuro è in pericolo,sappiamo che il tempo corre. Avete 72 ore per decidere il destino dei bambini del mondo, l’orologio è scattato ora. Tick tick tick”, ha ammonito Britney Trifford. Ma in quel momento in molti hanno fatto finta di non sentire e sui grandi media tutto tace.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende