Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Copenhagen: la parola ai leader rischia di non emozionare più:

Copenhagen: la parola ai leader rischia di non emozionare più

Gordon Brown, Courtesy of Futilitymonster.comAlle ore 12.00 di oggi si apre al Bella Center, con l’intervento del Primo Ministro etiopico Meles Zenawi, in rappresentanza dell’Unione africana, la maratona delle dichiarazioni in sessione plenaria della Conferenza ONU di Copenhagen. I leader iscritti a parlare, da oggi fino a tutta la notte tra giovedì e venerdì, sono moltissimi e il calendario sta subendo continue modifiche, in parte dovute agli esiti non particolarmente felici delle trattative preliminari, in parte ad eventi contingenti, come l’incidente occorso al Premier Berlusconi, che ha dovuto cancellare la sua presenza, prevista inizialmente per giovedì.

Sempre nella mattinata di oggi interverrà Andreas Calgren, Ministro per l’Ambiente della Svezia, paese che ha la presidenza di turno europea,mentre nel pomeriggio sono previste le dichiarazioni del presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso e del primo ministro britannico, Gordon Brown, il quale, questa mattina ha confessato alla BBC di ritenere “molto difficile” un accordo sul clima, pur dicendosi “determinato a lavorare con tutti i Paesi” nel tentativo di arrivare ad un’intesa, “nonostante le numerose questioni che restano da risolvere“.  

I negoziati tenutisi nella notte a Copenaghen sono stati infatti particolarmente travagliati. La seduta, cominciata alle 22:00 di ieri, è stata ripetutamente sospesa e il pessimismo prevale tra i delegati. “Si sono fatti alcuni progressi sui capitoli agricoltura e deforestazione, ma non sufficienti per giustificare un vertice tra capi di Stato e di governo”, riferiscono fonti vicine ai negoziatori riportate dall’Ansa. Nessun passo avanti comunque circa gli impegni di riduzione dei gas ad effetto serra dopo la scadenza del Protocollo di Kyoto nel 2012, principale oggetto del contendere, giunto ad un binario morto a causa dell’immobilismo di Usa e Cina (che non arretrano dalle posizioni iniziali) e della debole ambizione dell’Unione Europea a fare da apripista.

Il Ministro degli Esteri italiano Franco Frattini ha commentato pesantemente l’esito delle trattative. Se il vertice di Copenaghen non si chiuderà con un “accordo vincolante”, ha detto il Ministro, sarà ” una disillusione per tutto il mondo“. Tanto sarebbe valso, ha concluso Frattini, “non farlo affatto questo summit“.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende