Home » Internazionali »Politiche » Copenhagen o Babele? La seconda settimana inizia in salita:

Copenhagen o Babele? La seconda settimana inizia in salita

dicembre 14, 2009 Internazionali, Politiche

Si è aperta oggi, dopo un giorno di sosta e le riunioni informali dei Ministri dell’Ambiente, giunti in Danimarca, la seconda settimana della Conferenza Onu sui cambiamenti climatici di Copenhagen che vedrà, tra giovedì e venerdì l’arrivo dei Capi di Stato e di Governo per le decisioni finali.

Courtesy of Blogscienze.comE’noto che le dinamiche delle negoziazioni tra Stati siano materia difficilmente comprensibile al cittadino comune, ma talvolta assumono contorni così aggrovigliati e contradditori, che impongono di darne notizia - anche da parte di chi, come noi, si è proposto (si veda l’Editoriale) di non cedere alla tentazione della telecronaca “calcistica”.

Cerchiamo quindi di ricostruire brevemente i nodi principali e gli sviluppi attesi.

DUE TESTI SONO MEGLIO CHE UNO: dai lavori “tecnici” della prima settimana del vertice sono usciti due testi, in cui mancano: a) qualsiasi riferimento a cifre precise - economiche o di riduzione delle emissioni; b) indicazioni circa la natura legislativa del nuovo trattato. Secondo gli “osservatori” però il fatto che si sia giunti ad accogliere i Ministri, in arrivo a Copenhagen, con due testi dimostra che c’è volontà di chiudere. Una logica curiosa…

PRUDENTEMENTE OTTIMISTA: il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, appena sceso dall’aereo che lo ha portato a Copenhagen, non si sbilancia e dichiara: “Sono sempre ottimista, ma prudente. Sono prudentemente ottimista”. E saggiamente aggiunge: “Si deve attendere la fine dei lavori per vedere se la 15esima Conferenza Onu sul Clima intende realmente inviare un messaggio”. Un capolavoro di diplomazia.

UN INCORAGGIAMENTO NOTEVOLE: così il capo negoziatore Onu, Ivo de Boer, ha salutato lo stanziamento di 7,2 miliardi di euro, per i paesi poveri, deciso dall‘Unione Europea venerdì scorso, al termine di due giorni di trattative – parallele al summit di Copenhagen – per sbloccare “aiuti immediati da destinare ai paesi in via di sviluppo, soprattutto a quelli più vulnerabili, per aiutarli a partecipare alla lotta contro il riscaldamento del pianeta”. L’importo si intende complessivo per i tre anni del cosiddetto “fast start” (2010, 2011 e 2012) e costituisce circa 1/3 degli aiuti che la UE auspica possano arrivare dai paesi sviluppati su base volontaria. In ambito istituzionale europeo il risultato viene celebrato come un primo traguardo incoraggiante, la Cina sostiene che un finanziamento “a corto termine” non è invece una risposta valida e le associazioni ambientaliste si dicono deluse per le modeste ambizioni dell’UE, che non intende assumersi autonomamente l’onere di passare dal 20 al 30% di riduzioni di CO2 entro il 2020, prima di essere sicura che anche gli altri (leggi: USA e Cina) facciano qualcosa di significativo. ”L’attitudine aspetta e vedi del presidente della Commissione Barroso e di altri leader è responsabile di questa paralisi”, ha commentato Joris den Blanken, responsabile clima di Greenpeace. D’altro avviso il Minsitro Stefania Prestigiacomo che ribadisce: “Non è ragionevole pensare che l’Europa possa da sola caricarsi il grave peso economico di un accordo, onerosissimo per le nostre economie e che non produrrebbe alcun effetto per l’ambiente”. I leader della UE si riuniranno comunque giovedì per un summit informale ”di concertazione”.

LUNGA VITA A KYOTO/BASTA KYOTO: i paesi “poveri” del G77 (di cui fanno parte anche Cina, India, Brasile e Sud Africa, che proprio poveri non sono) propongono di estendere, con qualche ritocco, la durata dell’attuale Protocollo di Kyoto al 2020. Non hanno nulla da perdere, perchè Kyoto non vincola questi paesi ad alcun intervento obbligatorio, per non opprimerne le economie. Ma Russia, Giappone e Canada non ci stanno e vogliono un trattato globale che lo scalzi definitivamente. Il ministro Prestigiacomo ricorda: “Se Copenhagen deve essere l’occasione per salvare il Pianeta non può essere il luogo della replica di un accordo che non ha aiutato l’ambiente, visto che da quando è stato firmato le emissioni globali sono aumentate del 40% e continuano a crescere”.

UN DIALOGO TRA SORDI: “Le distanze fra le posizioni sono molte lontane ed a volte sembra di assistere ad un dialogo fra sordi”, ha rilevato il ministro Prestigiacomo al termine della riunione ministeriale informale di ieri. “Nei prossimi giorni”, ha aggiunto, “dovremo mettere in campo uno sforzo straordinario e cercare di superare le rigidità degli interessi nazionali se vorremo giungere ad un risultato positivo e consegnare ai Capi di Stato e di Governo la fase finale di un negoziato con pochi e chiari nodi da sciogliere”.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende