Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Da Durban una nuova roadmap per il clima:

Da Durban una nuova roadmap per il clima

IISDAlle sei e mezza del mattino di domenica, dopo quasi trentasei ore di tempi supplementari, si è conclusa la diciassettesima Conferenza delle Parti (COP17) sul clima, a Durban. Mai come quest’anno il summit è stato ricco di colpi di scena, tanto che alle due di notte il risultato finale era ancora incerto: l’Europa, attraverso il Commissario al clima Connie Hedegaard, spingeva per inserire nel testo finale l’indicazione che costituisse un trattato “legalmente vincolante”; l’India rispondeva chiedendo come fosse possibile pensare di includere questo elemento senza avere un quadro più chiaro; la Cina accusava i Paesi industrializzati di non fare abbastanza. Alla presidente sud africana del summit non era rimasta altra chance che quella di far incontrare i delegati europei e indiani per un faccia a faccia finale. Il compromesso è stato poi suggerito dalla delegazione brasiliana, e ha portato alla firma di un accordo “con valore legale”.

L’annuncio del nuovo accordo è stato accolto da un lungo applauso. Nell’accordo, si prevede una nuova fase ponte per il Protocollo di Kyoto, che coprirà il periodo 2013-2020. Dal 2020 gli Stati entreranno in un nuovo trattato internazionale: la novità storica del nuovo trattato è che finalmente tutti i Paesi dell’UNFCCC si sono impegnati a un accordo legalmente vincolante per la riduzione delle emissioni. Il rovescio della medaglia è che ancora non si sa quali saranno gli impegni che i Paesi decideranno di assumersi sotto il cappello del nuovo trattato, né le modalità operative. Si prevede solo una nuova roadmap per arrivare a questo risultato entro il 2015, attraverso un nuovo gruppo di lavoro denominato Ad Hoc Working Group on the Durban Platform for Enhanced Action.

Come già accaduto in passato, i delegati applaudono al successo del summit, mentre le associazioni ambientaliste ricordano come a questo passo avanti nelle negoziazioni non corrisponda un miglioramento reale, visto che non sono state ancora prese decisioni riguardanti i tagli delle emissioni di gas serra necessari a evitare gli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici sull’uomo. Il nuovo trattato vincolante e inclusivo è sicuramente un progresso importante della diplomazia climatica, ma necessiterà di essere riempito di contenuti.

Tre gli elementi che hanno permesso di arrivare a questo importante, seppur parziale, risultato. Il primo è stato la svolta storica del governo cinese, che a metà della seconda settimana di negoziazioni ha annunciato per la prima volta di essere disponibile a trattare impegni di carattere vincolante. Ha sottoposto questa apertura ad alcune condizioni, tra cui la richiesta che nel trattato successivo sia rispettato il principio dell’UNFCCC della “responsabilità comune ma differenziata” e che i Paesi industrializzati rispettino gli impegni presi precedentemente, anche in proposito dei 100 miliardi di dollari promessi durante le COP di Copenhagen e Cancun per il Green Climate Fund, il fondo per il clima.

In secondo luogo, c’è da considerare il grande lavoro della diplomazia europea, capeggiata dalla Commissaria Hedegaard: l’accordo che è stato approvato era nato proprio dall’Europa, che aveva cercato prima l’appoggio della coalizione AOSIS, Alliance Of Small Islands States, e dei LDC, Last Developed Countries. Intorno a questo nucleo centrale era poi cresciuto il consenso, fino a includere il Brasile e tutti gli altri Stati.

Infine c’è da considerare l’ottimo contributo del Segretario Generale dell’UNFCCC, Christiana Figueres, che ha condotto i lavori incentivando il raggiungimento dell’accordo e non perdendo mai la speranza di arrivare a una decisione, nemmeno dopo quattordici giorni di serrate negoziazioni che sembravano senza una via di uscita.Tutto sembra impossibile, finchè succede”, aveva detto in apertura del summit di Durban, citando Nelson Mandela; l’ha potuto ripetere felicemente anche nel finale.

Per chi si aspettava un accordo “conclusivo” della questione climatica a Durban, rimarrà certamente deluso, perché non siamo ancora arrivati a impegni concreti, ma solo a una roadmap. Le negoziazioni sul clima sono complesse, è difficile trovare un’unità tra delegati di 186 Paesi, dagli Stati Uniti e l’Europa alla Cina, India e Pakistan, Siria e Israele, per citarne alcuni. Si procede a piccoli passi, mentre il clima sta già cambiando e ne stiamo sperimentando le prime conseguenze. E’ una lotta contro il tempo, ben rappresentata dalle ultime, frenetiche, ore di Durban.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende