Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Dalle “Oil free zone” all’ennesimo slittamento del SISTRI: luci e ombre del Collegato Ambientale:

Dalle “Oil free zone” all’ennesimo slittamento del SISTRI: luci e ombre del Collegato Ambientale Top Contributors

Il “Collegato ambientale alla Legge di Stabilità 2014, titolato (poco modestamente) “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali“, approvato il 13 novembre dall’aula della Camera è già approdato nell’aula del Senato.

Un provvedimento indubbiamente eterogeneo ad oggi costituito da ben undici capi per un totale di cinquantasette articoli, in cui sono affrontati grandi questioni come quelle relative al green public procurement ed interventi di dettaglio come le novità in materia di sottoprodotti utilizzabili negli impianti a biomasse e biogas.

Vi è anche una delega al Governo per l’introduzione di sistemi di remunerazione dei servizi ecosistemici e ambientali. Degna di nota è anche l’istituzione delle Oil free zone, pensate per promuovere, su base sperimentale e sussidiaria, la progressiva fuoriuscita dall’economia basata sul ciclo del carbonio e di raggiungere gli standard europei in materia di sostenibilità ambientale. Si tratta di aree territoriali nelle quali, entro un determinato arco temporale e sulla base di specifico atto di indirizzo adottato dai comuni del territorio di riferimento, si prevede la progressiva sostituzione del petrolio e dei suoi derivati con energie prodotte da fonti rinnovabili. Dal testo attuale tuttavia non ci paiono essere particolari indicazioni (e destinazione di risorse) su come possa avvenire la progressiva sostituzione…

Tra le norme di sicura suggestione per il grande pubblico vi è senz’altro la sanzione, dai trenta ai centocinquanta euro, che entrerebbe in vigore dal 1° luglio del 2015, per coloro che getteranno per strada, nelle acque e negli scarichi mozziconi di sigarette e gomme da masticare. Ai Comuni toccherà provvedere a installare nei luoghi di aggregazione, nei parchi e nelle strade appositi raccoglitori. Mentre ai produttori, insieme al Ministero dell’Ambiente, spetterà la realizzazione di campagne informative sulle conseguenze negative per l’ambiente derivanti dall’abbandono delle gomme da masticare e delle cicche dei prodotti da fumo. Nulla da dire, naturalmente, sulla bontà della norma, resta però l’amara costatazione che ci sia bisogno di una legge, e di ulteriori campagne informative, per promuovere dei comportamenti che riguardano il mero (buon) senso civico.

Più significative invece dovrebbero essere le misure in materia di mobilità sostenibile dove per il finanziamento di progetti, predisposti da uno o più enti locali e riferiti a un ambito territoriale con popolazione superiore a 100.000 abitanti, per la realizzazione di percorsi protetti per gli spostamenti, anche collettivi e guidati, di programmi di educazione e sicurezza stradale, di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici o delle sedi di lavoro nonché di iniziative di car-pooling, di bike-pooling e di bike-sharing ci sarebbero ben 35 milioni di euro. Tra le possibile misure vi è anche l’introduzione dei “buoni mobilità” ai lavoratori che usano mezzi di trasporto sostenibili.

Manco a dirlo però – sempre che il testo del collegato non venga modificato in Senato – perché dai progetti si passi alle azioni saranno necessario almeno un decreto del Ministro dell’Ambiente che definisca il programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro nonché le modalità e i criteri per la presentazione dei progetti. Entro sessanta giorni dalla presentazione dei progetti, poi, con un altro decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, sentito, per i profili di competenza, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, si provvederà alla ripartizione delle risorse e all’individuazione degli enti beneficiari. Pur apprezzando la misura, quindi, crediamo sia ancora troppo presto per esprimere un giudizio sulla sua reale efficacia.

Non poteva infine mancare un’altra ennesima (mitica) proroga del SISTRI! Il collegato ambientale, infatti, prevede lo slittamento di un anno dell’entrata in vigore delle sanzioni. Certo si può apprezzare il fatto che, a differenza delle scorse proroghe, il nuovo posticipo dell’entrata in vigore non è stato fatto l’ultimo giorno utile, tuttavia non si può non notare il pantano in cui ci si è cacciati. Il SISTRI ha collezionato, dalla sua prima introduzione nel codice dell’ambiente nel 2009, una delle maggiori serie di rinvii, proroghe, “semplificazioni”, slittamenti, modifiche. Condivisibili a tal proposito le parole del vicepresidente di Confindustria per la Semplificazione e l’Ambiente, Gaetano Maccaferri, ascoltato in commissione Ambiente del Senato sulla “particolare attenzione che dovrà essere rivolta al Sistri che, nato per garantire la tracciabilità dei rifiuti, si è rilevato fallimentare nella sua concreta attuazione e non è tuttora funzionante”. Il SISTRI, ha sottolineato Maccaferri, “è inefficace, superato, costoso e difficile da usare” e “senza chiarimenti ministeriali, le necessarie modifiche normative, le semplificazioni annunciate a più riprese, non si capisce come si possano imporre le sanzioni dal primo gennaio 2015”. Confindustria del resto aveva già evidenziato in passato come, per rendere funzionale il SISTRI, fosse indispensabile intervenire sia sull’impianto informatico, per semplificare le procedure, sia sulle disposizioni normative, per correggere numerose disposizioni tra loro contraddittorie o non chiare.

Posto dunque che un sistema di tracciabilità di questo tipo va fatto, non fosse altro perché è l’Europa che lo richiede, non sarebbe il caso di sospendere tutto, ripensare in toto il sistema SISTRI e poi farlo ripartire quando tutti i problemi di operatività siano risolti? Perché, anche se nel frattempo valgono le precedenti sanzioni previste per il cartaceo, una norma, penale, che non prevede sanzioni non ha ragione d’essere. È come dire: siete obbligati a fare una cosa, ma se non la fate, non siete punibili. Una beffa che, proprio in un settore delicato come quello della gestione dei rifiuti, davvero rende tutto molto poco credibile…

Mariagrazia Chianura* e Antonio Sileo**

*Avvocato

** Ricercatore IEFE-Bocconi @ilFrancotirator

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende