Home » Nazionali »Politiche » Depositi rifiuti radioattivi: l’ISPRA pubblica i criteri, ma ancora dubbi sulle scorie ad alta attività:

Depositi rifiuti radioattivi: l’ISPRA pubblica i criteri, ma ancora dubbi sulle scorie ad alta attività Top Contributors

giugno 18, 2014 Nazionali, Politiche

Una soluzione adeguata per la gestione in sicurezza dei rifiuti radioattivi italiani – volta a garantire nel tempo il confinamento e l’isolamento dei radionuclidi dalla biosfera – è attesa da lungo tempo. Con favore sono dunque da accogliersi i criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale, e relativa relazione illustrativa, che l’ISPRA, nell’ambito delle funzioni e compiti di autorità di regolamentazione competente per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, ha reso noti ai primi di giugno. Anche perché i criteri arrivano a valle dei numerosi lavori svolti negli ultimi vent’anni; è, infatti, del luglio 1995 la prima Conferenza Nazionale sul tema dei rifiuti radioattivi, organizzata proprio dall’ISPRA, quando ancora si chiamava ANPA.

Da allora Governo e Parlamento hanno intrapreso molteplici iniziative volte ad affrontare il problema della gestione dei rifiuti radioattiviIl Gruppo di lavoro “Destinazione Rifiuti Radioattivi”, istituito presso la commissione Grandi Rischi del dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio, è composto da esperti dei principali enti nazionali e presieduto Felice Ippolito e, dopo la sua scomparsa, da Carlo Bernardini. La Task Force ENEA “Sito Nazionale di Deposito dei Materiali Radioattivi”. La Commissione Bicamerale di Inchiesta sul Ciclo dei Rifiuti negli anni 1995-1999, che ha costituito la base del documento del Ministero dello Sviluppo Economico “Indirizzi strategici per la gestione degli esiti del nucleare” del 1999, a cui è seguito il Gruppo di Lavoro, istituito nell’ambito dell’accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome per la gestione in sicurezza dei rifiuti radioattivi del 2001, e il Gruppo di Lavoro istituito nel 2008 con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico.  Ed è opportuno ricordare che proprio il Ministero dello Sviluppo Economico ha rivolto a ISPRA, con nota del 23 luglio 2012, una richiesta per l’emanazione dei criteri entro il 31 dicembre 2012, in considerazione del carattere di necessità attribuito al Deposito nazionale. Le cui procedure per la localizzazione, costruzione ed esercizio sono previste dal D.Lgs. 31 del 15  febbraio 2010, che gli dedica specificatamente un intero titolo e (ben) sei articoli. E che sui criteri vi è stata una fase di consultazione nazionale con l’ENEA, l’Istituto Geografico Militare, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e il CNR che è seguita ad una fase di confronto internazionale con le autorità di sicurezza nucleare di Paesi europei che già eserciscono analoghe strutture – Francia (Deposito superficiale) e Svizzera (Deposito temporaneo di rifiuti ad alta attività) – o si stanno avviando a realizzarle (Slovenia e Belgio) e ad una revisione internazionale da parte dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA) terminata nell’ottobre del 2013.Un gran lavoro, dunque, ancorché condensato in sole dodici pagine, su cui non dovrebbe avere particolare senso nutrire dubbi.

Tuttavia, a modesto avviso di chi scrive, nella Guida Tecnica N. 29 “Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività” vi è un profilo di criticità, formale e sostanziale, che potrebbe diventare un problema rilevante. I rifiuti radioattivi, sono (in estrema sintesi) classificati in tre categorie: a bassa attività, con tempi di decadenza dell’ordine di mesi sino ad un massimo di alcuni anni, media attività, con tempi di decadenza di decine o alcune centinaia di anni, e alta attività, con tempi di decadenza tempi dell’ordine di centinaia di migliaia di anni, perlomeno. Per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi a bassa e media attività, la Direttiva 2011/70/Euratom, nonché le raccomandazioni internazionali della IAEA, ritengono idonea la collocazione in strutture di deposito di tipo superficiale. Dove gli elevati livelli di sicurezza e di radioprotezione richiesti sono garantiti da idonee dal condizionamento dei rifiuti e della struttura ingegneristica del deposito stesso, unitamente alle caratteristiche del sito. Per i rifiuti ad alta attività e per il combustibile irraggiato, invece, sono previsti depositi in formazione geologica profonda (da 100 a 1000 metri). Strutture complesse dove le barriere naturali sono gli unici parametri che si considerano negli studi di sicurezza, cosa che, determina tempi molto lunghi per la qualificazione del sito. Le loro caratteristiche tecniche continuano ad essere studiate nei maggiori Paesi nucleari attraverso laboratori sotterranei e saranno presumibilmente la Svezia e la Finlandia le prime a realizzarli, anche se non prima del 2030.

All’appello mancano dunque e proprio i rifiuti ad alta attività, che, per l’Italia, ammontano a circa 15 mila metri cubi. Dove andranno questi ultimi? Nella relazione illustrativa alla Guida Tecnica 29 si legge che se il sito sarà ritenuto idoneo anche a realizzare «un deposito di stoccaggio provvisorio di lungo termine per i rifiuti radioattivi ad alta attività e per il combustibile irraggiato residuo, dovrà essere fornita evidenza, nell’ambito delle relative procedure autorizzative, della piena compatibilità di tale tipologia di deposito con il sito prescelto. A tale scopo potranno essere assunti a riferimento i criteri fissati nelle Guide IAEA per le installazioni nucleari, per quanto applicabili, nonché criteri specifici che saranno definiti dall’ISPRA nell’ambito di una Guida Tecnica relativa allo stoccaggio temporaneo in corso di preparazione». Tuttavia, in verità, il D. Lgs. 31/2010, richiamato nel Guida 29 e (testualmente) nella relazione illustrativa, è piuttosto chiaro il Deposito nazionale è «destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi a bassa e media attività derivanti da attività industriali, di ricerca e medico-sanitarie e dalla pregressa gestione di impianti nucleari ed all’immagazzinamento, a titolo provvisorio di lunga durata, dei rifiuti ad alta attività e del combustibile irraggiato». Ora, poiché prima (e più) ancora che tecnici i problemi riguardano l’indispensabile consenso che dovrà convergere sul Deposito – per cui fondamentale sarà un’adeguata, autorevole e trasparente comunicazione nei confronti del pubblico – forse, visto che il sito è unico, sarebbe stato meglio raggruppare i criteri per tutte le categorie di rifiuti in un’unica guida.

Antonio Sileo*

* Ricercatore IEFE-Bocconi @ilFrancotirator

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende