Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Durban: si pensa già a Qatar 2012:

Durban: si pensa già a Qatar 2012

Il periodo “interlocutorio” apertosi dopo la conferenza di Copenhagen del 2009 non sembra mai finire. Nonostante la Conferenza delle Parti (COP17), si sia riunita solamente lunedì a Durban, in Sud Africa, e sia tutt’ora in corso, per negoziare un accordo sul clima che possa subentrare al Protocollo di Kyoto, in scadenza nel 2013, già si parla di quella successiva, dando per scontato un nulla di fatto.

Sarà infatti a Doha, in Qatar, il Paese che emette più CO2 pro-capite (53,4 tonnellate all’anno, tre volte quelle di un americano e 10 quelle di un cinese), la prossima Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici, dal 26 novembre al 7 dicembre 2012. L’annuncio è arrivato dai rappresentanti dell’UNFCCC, la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (Unfccc).

Ma intanto, cosa sta succedendo a Durban? I telegiornali italiani, imepegnati a seguire gli “spread” e intercettare i silenzi del Governo Monti, ne raccontano poco e nulla, declassando mediaticamente l’evento a cronaca di un insuccesso annunciato. Del resto, non fa notizia che i Paesi ALBA (chi sono costoro? Venezuela, Cuba, Bolivia, Ecuador, Honduras, Nicaragua, Dominica, Saint Vincent e Grenadine, Antigua e Barbuda), abbiano mostrato grande preoccupazione per l’ipotesi di un periodo senza il Protocollo di Kyoto e abbiano chiesto di non dilungarsi in altri ritardi per un accordo fino al 2020.

Sempre a Durban il Wwf, la Ong Oxfam, e l’ International Chamber of Shipping (che rappresenta oltre l’80% della flotta mercantile mondiale) hanno avanzato la proposta di tagliare ulteriormente le emissioni di gas serra derivanti dal traffico marittimo internazionale (pari al 3% del totale), chiedendo all’Organizzazione Marittima Internazionale (Imo) una regolamentazione chiara attraverso incentivi e norme globali.

Intanto si definiscono tatticamente le posizioni dei diversi governi al tavolo dei negoziati, sia sul Protocollo di Kyoto che sull’accordo globale. Secondo alcuni osservatori scientifici citati dall’ANSA le due questioni potrebbero viaggiare sullo stesso binario: a quanto si dice potrebbe diventare “accettabile” un impegno sul prolungamento del Protocollo di Kyoto (in forma emendata) “in cambio di un impegno sul trattato globale” di lungo periodo.

L’Unione Europea sarebbe quindi pronta a un nuovo accordo sulla riduzione delle emissioni da realizzare per il 2020. Gli Usa (che non hanno mai ratificato il protocollo di Kyoto) si dicono invece contrari a un accordo che non includa i Paesi emergenti, come la Cina, principale rivale economico che, proprio pochi giorni fa, a sorpresa, ha bacchettato, tramite il proprio delegato, Stati Uniti e UE per il loro scarso impegno alla riduzione delle emissioni, magnificando le proprie azioni a sostegno del Pianeta. Sulla stessa linea degli americani sono trincerati Russia e Giappone, comunque contrari a un Kyoto 2. Sul Canada continua a girare la voce che possa uscire da Kyoto già quest’anno. Mentre i Paesi ALBA (ancora loro) hanno ricordato umilmente ai Paesi sviluppati di assumersi le responsabilità per le maggiori emissioni del passato, e hanno chiesto di riaprire il dibattito sul Fondo Verde per il Clima (100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020), misteriosamente finito fuori dai temi in discussione.

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende