Home » Idee »Internazionali »Politiche »Top Contributors » E’ possibile ridurre i consumi energetici?:

E’ possibile ridurre i consumi energetici? Top Contributors

Pubblichiamo in anteprima un articolo di Paolo Saraceno, Dirigente di Ricerca dell’Istituto Nazionale di Astronomia ed Astrofisica sui temi del consumo energetico. Saraceno sarà presente al Festival della Scienza di Genova il 31 ottobre e il 1 novembre alla conferenza “Energia e Ambiente: i numeri che contano” e al caffé scientifico “Il caso Terra” .

Davanti ai problemi ambientali ci si domanda spesso se è possibile ridurre i consumi energetici. Il modo con cui si produce energia è infatti, assieme all’agricoltura, una delle principali fonti di gas serra:  l’81% dell’energia consumata nel mondo è ottenuta dai combustibili fossili, che producono ogni anno  più di 20 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, una quantità in crescita dell’1.6% all’anno. A partire dal 1800, con la nascita della rivoluzione industriale l’ecosistema non riesce più ad assimilare  i gas prodotti dalla natura e dall’uomo, le cui  concentrazioni nell’atmosfera crescono di anno in anno.  L’ anidride carbonica atmosferica, ad esempio, è aumentata del 40% negli ultimi due secoli, il metano di 2.5 volte (con un effetto serra che è 21 volte quello dell’anidride carbonica). Lo studio dei ghiacci polari (che racchiudono al loro interno campioni di atmosfera antichissimi), mostra  che le concentrazioni di questi gas sono le più alte dell’ultimo milione di anni.

Davanti  a questi numeri è sensato domandarsi se è possibile invertire la tendenza cercando di consumare meno energia.  La risposta è purtroppo negativa, come ben si può capire dalla figura sotto riportata.

Consumo energetico e aspettativa di vita

Consumo energetico e aspettativa di vita

Sull’asse verticale del grafico è riportato il consumo energetico per abitante dei paesi del mondo, e sull’asse orizzontale la vita media per abitante. È immediato constatare che vita media e consumo energetico sono correlati, con una legge esponenziale (per raddoppiare la vita media e portarla da 40 a 80 anni si devono  aumentare di un fattore 1000 i consumi per abitante e portarli da 10 a 10.000 kWh). La figura mostra che le  popolazioni che consumano meno energia sono quelle dei paesi più poveri dell’Africa e dell’Asia, dove la vita media è di 40 anni (la vita media che c’era  in Europa nel 1800, all’inizio della rivoluzione industriale). Le popolazioni che consumano più energia sono invece quelle dell’Europa, degli Stati Uniti e del Giappone. Esse consumano 1000 volte più energia dei paesi poveri e hanno una vita media di 80 anni.

Interpretare la figura è semplice: consumare molta energia equivale ad avere buoni ospedali, buone scuole, buon cibo, case riscaldate, una vita più confortevole e quindi più lunga. Consumare poca energia significa privarsi  di tutto questo: vivere male e quindi di meno. La figura, in sostanza, mostra che non è possibile ridurre il consumo energetico di una popolazione senza ridurre la qualità della vita e quindi la sua durata. Questa è la ragione per cui i paesi ricchi non riducono i loro consumi (spesso li aumentano) e alcuni, come l’Italia, non riescono a rientrare nei parametri di Kyoto. Non riducono i consumi energetici perché non vogliono ridurre il loro tenore di vita. Per la stessa ragione si può prevedere che i paesi poveri (l’80% della popolazione mondiale) aumenteranno non appena possibile i loro consumi: vogliono migliorare il loro tenore di vita, vogliono vivere bene e a lungo come gli abitanti dei paesi ricchi. Il loro contributo al danno ambientale sarà quindi notevole se si continuerà a  produrre energia con i combustibili fossili. Nei paesi poveri la situazione sarà anche peggiore perché questi paesi, essendo poveri, useranno  tecnologie arretrate e non attueranno politiche ambientali.

Il problema a livello mondiale è poi aggravato dal fatto che la popolazione cresce nei paesi poveri e non in quelli ricchi. Nei paesi poveri infatti, un elevato numero di figli è una ricchezza, perché essi costano poco e forniscono manodopera a basso costo; in quelli ricchi la situazione è rovesciata: mantenere i figli (scuola, casa ecc.) è molto costoso, pertanto le famiglie tendono a non avere più di due figli.

Crescita della popolazione mondiale dal 1950 al 2300

Crescita della popolazione mondiale dal 1950 al 2300

In questa seconda figura è rappresentato l’andamento della popolazione mondiale dal 1950 al 2300 secondo le proiezioni delle Nazioni Unite, fatte nell’ipotesi che tutti i Paesi della terra raggiungano un discreto livello di benessere nella seconda metà del secolo. Quindi, anche per loro ci sarà una decrescita  della popolazione come oggi avviene per i paesi ricchi.

Queste proiezioni sulla crescita della popolazione mondiale spiegano le stime che prevedono un raddoppio dei consumi energetici per il 2050, consumi  che poi triplicherebbero per la fine del secolo. Una tendenza già oggi evidente: il consumo d’energia è infatti cresciuto nell’ultimo decennio del doppio della crescita demografica perché, oltre alla crescita della popolazione, è aumentato il benessere dei paesi poveri.

Negli anni a venire con la crescita dei consumi energetici cresceranno i problemi  ambientali, per cui è facile prevedere che se non ci saranno drastici cambiamenti nel modo di produrre energia si arriverà al collasso del nostro pianeta.

Le scelte  giuste andranno fatte nei prossimi anni, spetterà quindi a questa generazione e a quella che seguirà trovare la soluzione. Se infatti si arriverà alla fine del secolo con il pianeta in buona salute e gran parte dei paesi poveri sviluppati (fatto necessario per la decrescita della popolazione), i secoli successivi saranno più facili, perché con la decrescita della poplazione mondiale sarà più facile rispettare l’ambiente.

Se non è possibile arrestare la crescita dei consumi energetici, è evidente che il solo modo per arrestare l’aumento  dei gas serra è quello di  sviluppare tutte le forme di energia che non li producono, prima fra tutti il Sole (per cui va investito molto in ricerca) e poi eventualmente il nucleare, la sola tecnologia che oggi è in condizione di ridurre l’uso dei combustibili fossili. Altre forme di energia (quella del vento, del mare, geotermia ecc.) potranno contribuire ma resteranno sempre marginali, non avendo la potenza necessaria per sostituire i combustibili fossili.

L’energia non sarà il solo fronte su cui si dovrà  affrontare la questione climatica;  si dovrà pensare a un nuovo tipo di agricoltura e allevamento del bestiame che minimizzi  le emissioni di gas serra; basti pensare che il solo allevamento di bestiame produce oggi più gas serra di tutte le auto e gli aerei che circolano nel mondo.

Si dovrà infine massimizzare l’efficienza sia nei processi di produzione dell’energia che, soprattutto, in quelli in cui la si utilizza. Solo l’efficienza ci consentirà di ridurre i consumi (o di aumentarli in misura minore) senza alterare la qualità della vita; l’efficienza è anche immediatamente esportabile ai paesi “meno sviluppati”, spingendoli così a saltare o a limitare la fase “sporca”, che ha caratterizzato la crescita economica dei paesi occidentali.

Paolo Saraceno

Laureato in fisica alla Sapienza di Roma nel 1968, Paolo Saraceno è Dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Astronomia ed Astrofisica. Fisico sperimentale, si è occupato prevalentemente di osservazioni astronomiche da terra e da satellite. Ha coordinato lo sforzo italiano per la realizzazione del satellite ISO (Infrared Space Observer) dell’ESA, lanciato nel 1995 e del satellite Herschel, lanciato il 14 maggio 2009.  Negli ultimi anni ha studiato i meccanismi che hanno reso possibie l’esistenza della vita sulla terra e quelli che potrebbero distruggerla (pubblicati in “Il caso Terra” Mursia 2007), si è occupato di questioni ambientali ed energetiche ed è membro del Consiglio Scientifico dell’Energia Spiegata.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende