Home » Internazionali »Politiche » E se i ghiacciai non si sciogliessero? Almeno in India…:

E se i ghiacciai non si sciogliessero? Almeno in India…

novembre 13, 2009 Internazionali, Politiche

Courtesy of Laurent KB (Flickr)Avvicinandosi alla Climate Change Conference di Copenhagen giornali e telegiornali ricordano con insistenza la necessità di ridurre le emissioni, cantanti e attori, politici e scrittori si sentono in dovere di seguire il “main stream” dell’impegno ambientale per essere, in termini giornalistici, “sul pezzo” ed ergersi a paladini della sostenibilità. Il coro sembra perfettamente intonato e l’orchestra procede con la sinfonia.

Ma cosa succederebbe in Europa se un ministro dell’ambiente sostenesse che il riscaldamento globale non ha poi queste gravi conseguenze sullo scioglimento dei ghiacciai? Una stecca degna dei fischi del pubblico? Può darsi, ma la complessità e la delicatezza delle questioni ambientali impone di ascoltare con attenzione tutte le voci, anche le più stravanganti – purchè sufficientemente documentate e argomentate.

La voce fuori dal coro arriva, in questo caso, dall’India: “non esiste una prova scientifica che leghi il riscaldamento globale con cosa sta accadendo ai ghiacciai dell’Himalaya” ha dichiarato, nell’ indifferenza mediatica europea, il Ministro dell’Ambiente indiano Jairam Ramesh lunedì scorso. L’ardita tesi del Ministro si basa su un rapporto del governo intitolato “I ghiacciai dell’Himalaya” che, sulla base di dati raccolti in 150 anni dal Geological Survey of India su un campione di 25 ghiacciai, smentisce ogni tipo di “allarmismo in stile Al Gore”.

I ghiacciai si starebbero ritirando ad una velocità non preoccupante e nulla suggerirebbe che – come al contrario molti affermano – siano destinati a sparire. “Fin tanto che avremo i monsoni, avremo i ghiacciai. Ci sono molti fattori da considerare se vogliamo scoprire quanto rapidamente si sciolgano i ghiacci.” afferma Vijay Kumar Raina, il geologo responsabile del rapporto, aggiungendo che l’errore degli scienziati occidentali deriva dal ricorso ad indici di scioglimento dei ghiacci inadeguati per l’Himalaya, che costituirebbe invece una realtà a sé stante.

Il sospetto sorge spontaneo: è l’Himalaya a costituire una realtà a sé stante o è un paese in piena via di sviluppo e boom produttivo, come l’India (o la Cina, o il Brasile), a necessitare di uno status particolare che non ne freni lo slancio?  

Rajendra Pachauri, presidente del IPCC (Integovernmental Panel on Climate Change), l’agenzia delle Nazioni Unite che valuta i rischi derivanti dal riscaldamento globale, pare orientato sulla seconda opzione e risponde piccato a Ramesh: “Abbiamo un’idea chiara di cosa sta accadendo. Non so perché il Ministro stia supportando questa inaffidabile ricerca. Si tratta di un’affermazione molto arrogante.”

Bollando come “non scientifico” il rapporto del governo Indiano, il presidente riconferma gli studi dell’IPCC che danno come molto probabile lo scioglimento completo delle superfici ghiacciate del pianeta entro il 2035. Il bacino del Gange, che rifornisce di acqua milioni di persone nel nord dell’India, potrebbe di conseguenza sparire.

La rilevanza dell’episodio, al di là della questione di chi abbia ragione e su che basi, poggia sulle modalità stesse in cui la questione è affrontata. Se da una parte viene denunciata la “saggezza convenzionale” (sic) dall’altra si risponde con secche accuse di “negazionismo”. Due estremismi che sicuramente non aiutano a formarsi un opinione fondata.

Ilaria Burgassi

Vedi anche:

Alessandra Carboni, “La Groenlandia si scioglie in fretta“, Corriere della Sera.it, 13 novembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende