Home » Internazionali »Politiche » E se i ghiacciai non si sciogliessero? Almeno in India…:

E se i ghiacciai non si sciogliessero? Almeno in India…

novembre 13, 2009 Internazionali, Politiche

Courtesy of Laurent KB (Flickr)Avvicinandosi alla Climate Change Conference di Copenhagen giornali e telegiornali ricordano con insistenza la necessità di ridurre le emissioni, cantanti e attori, politici e scrittori si sentono in dovere di seguire il “main stream” dell’impegno ambientale per essere, in termini giornalistici, “sul pezzo” ed ergersi a paladini della sostenibilità. Il coro sembra perfettamente intonato e l’orchestra procede con la sinfonia.

Ma cosa succederebbe in Europa se un ministro dell’ambiente sostenesse che il riscaldamento globale non ha poi queste gravi conseguenze sullo scioglimento dei ghiacciai? Una stecca degna dei fischi del pubblico? Può darsi, ma la complessità e la delicatezza delle questioni ambientali impone di ascoltare con attenzione tutte le voci, anche le più stravanganti – purchè sufficientemente documentate e argomentate.

La voce fuori dal coro arriva, in questo caso, dall’India: “non esiste una prova scientifica che leghi il riscaldamento globale con cosa sta accadendo ai ghiacciai dell’Himalaya” ha dichiarato, nell’ indifferenza mediatica europea, il Ministro dell’Ambiente indiano Jairam Ramesh lunedì scorso. L’ardita tesi del Ministro si basa su un rapporto del governo intitolato “I ghiacciai dell’Himalaya” che, sulla base di dati raccolti in 150 anni dal Geological Survey of India su un campione di 25 ghiacciai, smentisce ogni tipo di “allarmismo in stile Al Gore”.

I ghiacciai si starebbero ritirando ad una velocità non preoccupante e nulla suggerirebbe che – come al contrario molti affermano – siano destinati a sparire. “Fin tanto che avremo i monsoni, avremo i ghiacciai. Ci sono molti fattori da considerare se vogliamo scoprire quanto rapidamente si sciolgano i ghiacci.” afferma Vijay Kumar Raina, il geologo responsabile del rapporto, aggiungendo che l’errore degli scienziati occidentali deriva dal ricorso ad indici di scioglimento dei ghiacci inadeguati per l’Himalaya, che costituirebbe invece una realtà a sé stante.

Il sospetto sorge spontaneo: è l’Himalaya a costituire una realtà a sé stante o è un paese in piena via di sviluppo e boom produttivo, come l’India (o la Cina, o il Brasile), a necessitare di uno status particolare che non ne freni lo slancio?  

Rajendra Pachauri, presidente del IPCC (Integovernmental Panel on Climate Change), l’agenzia delle Nazioni Unite che valuta i rischi derivanti dal riscaldamento globale, pare orientato sulla seconda opzione e risponde piccato a Ramesh: “Abbiamo un’idea chiara di cosa sta accadendo. Non so perché il Ministro stia supportando questa inaffidabile ricerca. Si tratta di un’affermazione molto arrogante.”

Bollando come “non scientifico” il rapporto del governo Indiano, il presidente riconferma gli studi dell’IPCC che danno come molto probabile lo scioglimento completo delle superfici ghiacciate del pianeta entro il 2035. Il bacino del Gange, che rifornisce di acqua milioni di persone nel nord dell’India, potrebbe di conseguenza sparire.

La rilevanza dell’episodio, al di là della questione di chi abbia ragione e su che basi, poggia sulle modalità stesse in cui la questione è affrontata. Se da una parte viene denunciata la “saggezza convenzionale” (sic) dall’altra si risponde con secche accuse di “negazionismo”. Due estremismi che sicuramente non aiutano a formarsi un opinione fondata.

Ilaria Burgassi

Vedi anche:

Alessandra Carboni, “La Groenlandia si scioglie in fretta“, Corriere della Sera.it, 13 novembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende