Home » Internazionali »Politiche » Emissioni CO2: Obama tenta l’ultimo colpo contro Romney:

Emissioni CO2: Obama tenta l’ultimo colpo contro Romney

aprile 2, 2012 Internazionali, Politiche

L’amministrazione Obama si gioca l’ultimo tentativo di tagliare le emissioni di CO2 statunitensi prima delle nuove elezioni: l’Environmental Protection Agency (EPA) ha infatti proposto di regolamentare gli impianti di combustione alimentati a carbone, imponendo che riducano le proprie emissioni fino ad eguagliare gli impianti alimentati a gas. Questo limite si dovrebbe tradurre in un taglio delle emissioni di CO2 di circa la metà, da raggiungere, come media, nei prossimi 30 anni, secondo i New Source Performance Standards.

Ma in realtà la nuova proposta non andrebbe a regolamentare le centrali a carbone esistenti, che attualmente contribuiscono per circa un terzo alle emissioni di gas serra statunitensi, né si applicherebbe agli impianti che inizieranno a essere costruiti nel 2012. Questo “annacquamento” della proposta originaria è stato un duro colpo per gli ambientalisti USA, che si aspettavano, dalla nuova regolamentazione, un cambio di rotta netto rispetto a un passato di sovvenzionamento dell’industria del carbone.

La proposta dell’EPA non definisce nemmeno il tipo di combustibile da utilizzare: per le centrali a carbone sarebbe quindi teoricamente possibile dimezzare le emissioni di CO2 con l’utilizzo di tecnologie di Carbon Capture & Storage (CCS), ovvero la “cattura” del carbonio che poi sarebbe iniettato e stoccato in depositi sotterranei. Il CCS, però, è un tipo di tecnologia (spesso evocata dall’industria del carbone per parlare di “carbone pulito”), che ha costi molto elevati e patisce la difficoltà di trovare un deposito permanente di stoccaggio dove trasportare la CO2, per cui la conseguenza della proposta potrebbe essere invece, di fatto, lo stop alla costruzione di nuove impianti di combustione alimentati a carbone dal 2013.

Reuters riporta il commento dell’amministratrice dell’EPA Lisa Jackson: “Stiamo mettendo in piedi uno standard che si affida all’uso di tecnologia pulita americana per vincere una sfida che non possiamo lasciare ai nostri figli e nipoti”. Ora lo standard dovrà tuttavia attraversare una fase di commenti e valutazioni pubbliche, per cui non è chiaro se si riuscirà a far entrare in vigore la legge entro il 6 novembre, il giorno delle nuove elezioni americane. Eppure questa è l’ultima cartuccia che resta da sparare, al presidente Obama, per cercare di raggiungere, entro il 2020, quel 17% di riduzione delle emissioni di gas serra americane, rispetto al 2005, promessa a Copenhagen. Una riduzione che ha risentito, in questi anni, della bocciatura della proposta di legge “Waxmann- Markey Bill” al Senato americano, nel 2009, e di altri innumerevoli tentativi (falliti o boicottati) di regolamentare le emissioni di CO2.

E se Obama non sarà riconfermato come Presidente degli Stati Uniti, è facile immaginare che anche questa nuova proposta – particolarmente invisa ai Repubblicani – decadrà. L’opinione sulle fonti fossili e l’ambiente del suo probabile sfidante, il favorito delle primarie repubblicane Mitt Romney, è infatti chiarissima: Romney ha dichiarato che “modernizzerà” le leggi ambientali, per “fermare la pratica dell’EPA di utilizzare benefici immaginari per giustificare limiti onerosi”. Nella mia amministrazione – ha ribadito Romney, con un gioco di parole – il carbone, (coal in inglese, NdR) non sarà solo una parola di quattro lettere”. Romney è un difensore assoluto delle fonti fossili, tanto da dichiarare che il programma di incentivazione di petrolio e carbone “inizierà il primo giorno, con la mia approvazione dell’Oleodotto Keystone XL.” Per gli ambientalisti USA, non rimane che sperare nella rielezione di Obama.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende