Home » Idee »Nazionali »Politiche » Energia: per adesso nessuna “svolta buona” dal governo:

Energia: per adesso nessuna “svolta buona” dal governo Top Contributors

agosto 8, 2014 Idee, Nazionali, Politiche

La “svolta buona“, almeno in economia, non c’è stata o se c’è stata il PIL non se n’è accorto. I dati dell’Istat parlano chiaro: dopo il – 0,1% del primo trimestre 2014 è arrivato, implacabile, il -0,2% del secondo e quando per due trimestri consecutivi il PIL al posto di aumentare diminuisce significa «recessione tecnica». Anche senza addentrarci nei numeri – in valore assoluto si tratta del peggior risultato da luglio del 2000 –  almeno sotto questo profilo (non fosse altro) non si può dunque esprimere un giudizio positivo sul governo Renzi.

La svolta promessa dal neo insediato presidente del consiglio Matteo Renzi il 12 marzo scorso, nelle mitiche (anche se forse solo sul piano della comunicazione) 32 slide non si è, dunque, ancora vista. Non che il governo sia stato inattivo, tutt’altro. O che al presidente Renzi sia mancata quell’energia che tutti gli hanno riconosciuto. Anzi, forse, più che di governo Renzi si dovrebbe parlare di governo di Matteo Renzi. Lui infatti detta il ritmo, lui ha fissato le “regole d’ingaggio” per i ministri, con la rilevante eccezione del (super) Ministro del Tesoro. E, infatti, è stato sempre il presidente del Consiglio a scrivere una lettera aperta a deputati e senatori, rivolgendosi però a tutti gli italiani, per fissare una nuova data, guardare ad un nuovo orizzonte, non più, l’ormai trascorso, 1° luglio 2014, ma maggio 2017, non più cento ma mille giorni, dichiarando subito dopo che la Manovra – che inevitabilmente ci sarà in occasione dell’approvazione della Legge di Stabilità – sarà sì di 16 miliardi, ma fatta solo di tagli alla spesa.

Fino ad oggi, in sostanza, l’urgenza e la fretta di far bene si sono tradotte in una pessima tecnica legislativa con un crescente ricorso alla decretazione d’urgenza e all’apposizione della questione di fiducia (con il non meritorio record di 3,2 al mese), che peraltro rende di difficilissima lettura le norme. Ponendosi infatti la fiducia per articolo si arriva a provvedimenti di un articolo unico con centinaia di commi senza più capi e titoli in cui è alquanto ostico orientarsi anche per i tecnici.

Come sarà per il cosiddetto Decreto Competitività, che contiene le contestatissime norme spalma-incentivi, su cui AssoRinnovabili, all’indomani della conversione in legge, oltre a chiamare a raccolta il settore per i ricorsi, promuove l’apertura di una procedura di infrazione presso la Commissione europea  per il mancato rispetto della direttiva 2009/28/CE che appunto intendeva sviluppare l’uso dell’energia da fonti rinnovabili.

Mentre scriviamo il testo del decreto convertito non è ancora disponibile, tuttavia ricordiamo che lo sconto alle PMI promesso sempre da Matteo Renzi per il 1° maggio potrebbe non essere a impatto zero per gli altri consumatori, o meglio per quelli domestici: le famiglie. Le voci che compongono la bolletta, infatti, coprono dei costi e se questi vengono meno anche le voci dovrebbero sparire. Vedremo.

Nel frattempo – l’aumento di spread tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi è lì a ricordarcelo – le tante e tanto elevate aspettative rischiano di deprimere il titolo Italia. E in ciò, il continuo rilanciare e i titoli a effetto per i provvedimenti non solo aiutano poco ma non portano neanche troppa fortuna. Eppure si insiste, e infatti, dopo i vari “salva”, “cresci”, e già in arrivo (per l’appunto annunciato) per il 29 agosto, lo «Sblocca Italia», che tra le altre norme – si persevera nell’eterogeneità – conterrebbe anche quelle (tanto attese) sull’efficientamento energetico degli edifici.  Tutto questo correre rischia però di generare ulteriore confusione, dando per acquisiti traguardi che rappresentano solo delle vittorie di tappa. E’ il caso del disegno di legge sulle riforme costituzionali, che riporterebbe le competenze in materia di ambiente e di energia, (ora materia concorrente tra Stato e Regioni, secondo l’Art. 117 della Costituzione), tra le materie di competenza esclusiva dello Stato. Quello al Senato è solo uno – il primo – dei quattro indispensabili passaggi, sui quali, non va dimenticato, ci sarebbe sempre il referendum confermativo, che non ha bisogno di quorum.

Ben venga dunque il passaggio dalla tattica (strombazzata) alla strategia (si spera deliberata) – non c’è altro modo per leggere il passaggio dai cento ai mille giorni – che tuttavia, proprio, per le aspettative andrebbe probabilmente accompagnato da un contenimento delle promesse e dei rilanci. Mentre, in parallelo, da più parti, arrivano gli appelli per una riforma seria e organica del mercato elettrico.

Antonio Sileo*

*Ricercatore IEFE-Bocconi @IlFrancotirator

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende