Home » Internazionali »Politiche » Energy Council USA-UE: lo sviluppo delle rinnovabili come elemento di sicurezza energetica:

Energy Council USA-UE: lo sviluppo delle rinnovabili come elemento di sicurezza energetica

novembre 22, 2010 Internazionali, Politiche

Energia, Courtesy of gicol, Flickr.comLa sicurezza energetica è, ormai da tempo, uno dei temi caldi dell’agenda politica interna di qualsiasi Paese del mondo. La garanzia di approvvigionamento energetico significa, infatti, maggiore sicurezza in campo economico e industriale e dunque prosperità. In altri termini, l’energia è oggi il centro vitale per la sopravvivenza di ogni Paese.

La componente energetica, oltre a rappresentare un elemento ineludibile nell’ambito delle politiche economiche e di sviluppo delle singole Nazioni, ne influenza, del resto, anche le rispettive politiche estere. E’ sulla base di questi fattori, legati all’importanza strategica della sicurezza energetica, che nel novembre 2009 l’Unione Europea e gli Stati Uniti creano l’Energy Council.

I rappresentanti delle due potenze ne hanno ora nuovamente discusso, in occasione del Summit interministeriale tra UE e USA, svoltosi a Lisbona il 19 e 20 novembre. L’obiettivo è quello di creare un coordinamento tra le politiche energetiche dell’Unione Europea e quelle degli Stati Uniti, garantendo così maggiore trasparenza nel mercato energetico globale e collaborando sui vari programmi di ricerca energetica per accelerare l’impiego di tecnologie pulite e rinnovabili.

L’Energy Council, come piattaforma di collaborazione tra UE e USA in tema energetico, è dunque anche un banco di prova per il coordinamento di politiche ambientali. A questo proposito sono stati stabiliti tre Gruppi di Lavoro, ognuno con competenze specifiche e con un set di priorità da soddisfare.

La sicurezza energetica globale rappresenta il primo ordine di priorità nell’ambito delle politiche energetiche tra UE e USA. In questo quadro uno degli obiettivi è la razionalizzazione dei progetti per la realizzazione di gasdotti sul Corridoio Sud, che collega l’UE all’Asia centrale e che dovrebbe garantire una fornitura diversificata di gas per i Paesi dell’UE. Altre priorità dello stesso Gruppo di Lavoro sono quelle relative al Mar Caspio, quale via di transito di gas verso i mercati Europei, e alla promozione di una maggiore trasparenza nel mercato energetico globale. Quest’ultimo obiettivo è essenzialmente connesso alla trasparenza ed efficienza del mercato dell’Ucraina, alla quale sono legate le crisi energetiche nel 2006 e nel 2009, quando la Russia decise di “chiudere i rubinetti” e interrompere le forniture di gas che dovevano attraversare l’ex paese sovietico, moroso nei pagamenti.

A questo proposito, l’Energy Council ha lavorato – e continuerà a lavorare – a stretto contatto con il Governo ucraino per aumentare gli investimenti e facilitare lo sviluppo di risorse energetiche (petrolio e gas) interne al Paese; modernizzare le vie di transito del gas; aumentare la trasparenza nelle attività delle compagnie energetiche nazionali; implementare misure di efficienza energetica e promuovere le energie rinnovabili.

Secondo set di priorità per l’Energy Council è quello delle politiche energetiche rivolte interamente alla eco-sostenibilità. L’obiettivo è quello di elaborare politiche transatlantiche coordinate a basso impatto ambientale. A fianco delle strategie tradizionali, fatte di accordi strategici per l’approvvigionamento di gas e petrolio, si riconosce dunque esplicitamente la necessità di una politica consapevole sul piano ambientale: promozione dell’efficienza energetica, diffusione di veicoli elettrici, implementazione della Carbon Capture and Storage Strategy, sviluppo dei bio-combustibili e sicurezza nucleare.

Strettamente connesso alla sfera delle politiche energetiche è il lavoro del terzo Gruppo di Lavoro, sulle tecnologie energetiche, per incrementare una cooperazione nel campo della ricerca tecnologica e scientifica che possa, innazitutto, migliorare le tecnologie per la produzione di energie rinnovabili. A riprova che la sicurezza dell’approvvigionamento energetico non può prescindere da politiche di sviluppo delle fonti di energia pulita e rinnovabile.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende