Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Europa divisa sugli OGM, Italia compatta sul no (con qualche ma):

Europa divisa sugli OGM, Italia compatta sul no (con qualche ma)

febbraio 16, 2012 Internazionali, Nazionali, Politiche

La Commissione Europea, lo scorso 14 Febbraio, ha dato il via libera, per 10 anni, all’importazione e alla trasformazione a fini alimentari e per produrre mangimi, di quattro tipi di soia geneticamente modificata: la A5547-127 della Bayer, la 356043 della Pioneer, e le 40-3-2 e Mon 87701 di Monsanto.

Come era emerso lo scorso 23 Gennaio, in sede del Consiglio Agricoltura a Bruxelles, l’UE sta attraversando una fase di stallo riguardo agli OGM, soprattutto per quanto riguarda le posizioni dei 27 Stati in ordine al relativo dossier. Proprio per questo motivo e nonostante le riserve degli stessi Paesi UE, la Commissione Europea ha avuto l’ultima parola – in mancanza di una decisione effettiva, favorevole o contraria, dei 27 Stati membri. La procedura di autorizzazione per l’immissione di prodotti alimentari Ogm sul mercato prevede infatti, in un primo tempo, il voto del Comitato Europeo della Catena Alimentare e Animale che, in mancanza di un accordo, passa il dossier al nuovo Comitato d’Appello Europeo, introdotto dal Trattato di Lisbona, il quale rappresenta la fase finale nella procedura di autorizzazione.

Vista la mancanza di una visione comune sulla questione OGM da parte dei 27 Paesi membri, la presidenza danese ha tuttavia annunciato che sarà di fondamentale importanza la discussione in sede di Consiglio, dove il tema da trattare è la proposta della Commissione Europea di offrire una “maggiore flessibilità” ai Paesi dell’Unione che vogliono limitare o vietare la coltivazione di OGM nel loro territorio.

La proposta a cui si fa riferimento è quella del luglio 2010, che di fatto va a modificare la Direttiva 2001/18/CE la quale fissava un collegamento diretto tra la determinazione di misure di coesistenza e il rispetto della soglia dello 0,9% per l’etichettatura OGM degli alimenti, degli alimenti per animali e dei prodotti destinati alla trasformazione diretta. Agli Stati membri era stato consigliato di limitare le misure di coesistenza, ad esempio la distanza tra campi OGM e non OGM, per rispettare lo 0,9% di presenza di OGM in altre colture. In definitiva, sulla base della legislazione del 2001, quando un OGM viene approvato dall’UE, se uno Stato membro è contrario, deve motivarlo apportando dati scientifici relativi alla salute e all’ambiente. Con la proposta del 2010, la Commissione conferisce invece agli Stati membri la libertà di permettere, limitare o vietare la coltivazione di OGM in tutto il loro territorio, o solo in parte di esso, facendo appello ad altri elementi, rispetto a quelli previsti dalla direttiva del 2001, per giustificare il divieto di colture sul territorio. Quindi, la raccomandazione relativa alla coesistenza darebbe agli Stati membri maggiore flessibilità per tener conto delle loro condizioni locali, regionali e nazionali nell’adozione di misure di coesistenza. Di fatto, con l’approccio adottato tramite la proposta del 2010, l’UE tenderebbe a raggiungere un equilibrio tra il mantenimento del sistema di autorizzazione dell’Europa e la libertà di decisione degli Stati membri riguardo alla coltivazione degli OGM nei loro territori.

Ma qual è oggi la posizione dell’Italia nei confronti del tema degli OGM?

Fino all’arrivo del governo Monti, l’Italia era stata ostile a una proposta di emendamento della legislazione comunitaria che lascerebbe gli Stati membri liberi di decidere se coltivare o meno sul proprio territorio piante transgeniche già autorizzate dall’UE. L’attuale Ministro per le Politiche Agricole, Mario Catania, però sostiene che questa posizione “merita una riflessione attenta”, come ha ribadito in un incontro con la stampa al margine dell’ultimo Consiglio Agricoltura dell’UE. Il Ministro ha sottolineato che “personalmente” pensa  che se finora l’Italia è stata critica rispetto alla proposta dell’UE, ora “dovrebbe rifletterci sopra di più. Se prendiamo atto del fatto - ha continuato Catania - che sia l’opinione pubblica e i consumatori italiani, sia le rappresentanze degli agricoltori hanno espresso posizioni negative sulla possibilità di coltivare OGM in Italia, se si deve partire da questo assunto, allora non vedo perché essere critici nei confronti dell’approccio presentato dalla Commissione”.

Dello stesso avviso sembra essere anche il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini. In seguito all’incontro tra il Ministro e il Commissario all’Ambiente Janez Potocnik svoltosi a Bruxelles il 25 gennaio scorso, Clini ha riferito che “la proposta della Commissione UE è un’occasione per una riflessione approfondita sul tema degli OGM”. Clini, dunque chiarisce anche la sua posizione in merito, dopo le polemiche scaturite lo scorso novembre in seguito ad una dichiarazione in cui si diceva favorevole alla coltivazione di organismi geneticamente modificati, aggiungendo: “in alcune zone appenniniche, dove si potrebbero studiare piantumazioni ad hoc che possano conservare la sicurezza dei suoli e aumentare l’assorbimento del carbonio”. Durante l’incontro del 25 Gennaio, il Ministro ha invece sottolineato che la coltivazione degli OGM “non sarebbe utile all’agricoltura italiana, che ha una vocazione diversa rispetto alle colture intensive”. Chiarendo, dunque, di non sostenere la coltivazione di alimenti transgenici, ma di considerare ad ogni modo “le potenzialità che gli OGM potrebbero avere nel settore, ad esempio, delle bioenergie”. La migliore strada da intraprendere, secondo il Ministro, sarebbe quella di approfondire il tema da un punto di vista scientifico e di considerare l’ipotesi che la filiera della ricerca nel campo degli OGM potrebbe avere un ruolo importante nell’economia globale. “La possibilità di coltivare gli OGM per uso alimentare, non appartiene all’Italia, ma potrebbe essere considerata in Paesi dove la desertificazione è una realtà certa”, ha continuato Clini.

La contrarietà dell’Italia alla coltivazione degli OGM è dunque evidente, almeno nelle parole dei due Ministri e almeno per quanto riguarda i prodotti ad uso alimentare. Una maggiore libertà di scelta a questo proposito, come auspica la proposta della Commissione, potrebbe quindi essere uno strumento importante per l’azione del governo italiano.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende