Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Europa verso la Next Generation? Ecco quanto del “Recovery Fund” andrà all’ambiente:

Europa verso la Next Generation? Ecco quanto del “Recovery Fund” andrà all’ambiente

Uscire dalla crisi e gettare le fondamenta di un’Europa moderna e più sostenibile. E’ questo l’obiettivo dichiarato del Recovery Fund, ribattezzato Next Generation EU, ovvero il piano di rilancio dell’economia europea dopo il Covid-19. Si tratta di un bazooka da 750 miliardi di euro, di cui 390 miliardi sotto forma di sovvenzioni (quindi aiuti da non rimborsare) e 360 miliardi di prestiti.

Risorse che verranno destinate, per la maggior parte, a riparare i danni economici e sociali causati dalla pandemia. Per questa ragione l’Italia risulta essere uno dei principali paesi beneficiari del fondo: avrà a disposizione 209 miliardi, il 28% del totale, suddivisi in 81 miliardi a titolo di sussidi e 127 miliardi di prestiti. Ma non solo. Tra i pilastri del Next Generation EU anche quello di rendere il mercato unico più forte e resiliente e accelerare verso la duplice transizione: verde e digitale.

“Il piano per la ripresa europea necessiterà di ingenti investimenti che avviino saldamente l’Unione verso una ripresa sostenibile e resiliente, capace di creare posti di lavoro e di riparare i danni immediati causati dalla pandemia di Covid-19, sostenendo nel contempo le priorità verdi e digitali dell’Unione“, recita la nota del Consiglio Europeo, che ha approvato il piano lo scorso 21 luglio, dopo una trattativa-maratona durata quattro giorni e quattro notti tra i leader europei riuniti a Bruxelles.

L’ambiente, insieme all’innovazione tecnologica, dovrebbe dunque essere una chiave per dare slancio all’economia europea nel post-Covid. In cifre, questa volontà si traduce in quasi un terzo, per la precisione il 30%, del totale delle risorse (sia dei 750 miliardi stanziati per combattere la crisi, sia dei 1.074 miliardi del bilancio UE): vale a dire circa 250 miliardi che potranno salire fino a un limite massimo di 356 miliardi sfruttando le potenzialità offerte dal più ampio bilancio UE.

Risorse che verranno indirizzate al sostegno di diverse iniziative. In particolare, verranno destinati 7,5 miliardi per lo sviluppo rurale, tra cui compaiono anche progetti di agricoltura sostenibile e di sostegno delle comunità rurali. Tra le voci di spesa spicca anche quella per una transizione “giusta”, ossia il Just Transition Fund per la decarbonizzazione, a cui andranno 10 miliardi. Da sottolineare che quest’ultimo è stato ridimensionato rispetto agli oltre 30 miliardi previsti nella versione iniziale, scatenando i malumori di alcuni ambientalisti.

Al di là delle cifre, il Consiglio Europeo ha anche imposto che i piani dei singoli paesi, per poter ottenere le risorse del Recovery Fund, dovranno avere come “prerequisito” proprio un “contributo efficace” alla transizione verde e a quella digitale. Un modo per ribadire l’impegno sul fronte ambientale nonostante la pandemia. “Next Generation EU contribuirà a trasformare l’UE attraverso le sue principali politiche, in particolare il Green Deal europeo, la rivoluzione digitale e la resilienza”, afferma ancora il Consiglio Europeo, presentando l’iniziativa.

Resta ora da vedere se con il passaggio del piano al Parlamento Europeo qualcosa cambierà. Dopo il via libera del Consiglio Europeo, infatti, partiranno ora i negoziati con il Parlamento per concludere i lavori su tutti gli atti giuridici. Una volta adottata, la decisione sulle risorse proprie dovrà essere approvata dagli Stati membri.

La prima parte dell’iter di approvazione del Recovery Fund è stata piuttosto complessa, portando a ritocchi importanti. Rispetto alla versione iniziale avanzata dalla Commissione Europea, l’accordo raggiunto lo scorso 21 luglio ha infatti visto scendere la parte di aiuti a fondo perduto da 500 a 390 miliardi e salire quella dei prestiti da restituire da 250 a 360 miliardi, per andare incontro alle richieste dei cosiddetti paesi “frugali” (Olanda, Austria, Danimarca e Svezia, più Finlandia e repubbliche baltiche ossia Estonia, Lettonia e Lituania), sostenitori di una maggiore ortodossia di bilancio.

Il pacchetto rappresenta comunque un passo storico per l’Unione Europea sia per la portata del fondo, sia perché per la prima volta le risorse verranno finanziate da un debito in comune, raccolto dalla Commissione Europea nell’ambito di quello che appare il più evidente progresso dell’Europa negli ultimi anni in direzione di un’ulteriore integrazione e cooperazione. Ora spetterà ai singoli governi saper sfruttare al meglio questa opportunità storica.

Redazione Greenews.info

Elaborazione dati a cura della redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende