Home » Idee »Nazionali »Politiche » Evasori ambientali: le agromafie sempre più ricche in tempi di crisi:

Evasori ambientali: le agromafie sempre più ricche in tempi di crisi

ottobre 28, 2013 Idee, Nazionali, Politiche

Prosegue l’inchiesta di Greenews.info sull’“evasione ambientale” (#evasoriambientali), un fenomeno di cui non si parla mai, eppure più subdolo e dannoso per la collettività, in quanto i suoi effetti devastanti non sono solo di tipo economico, ma anche occupazionale, sociale, paesaggistico e di salute – a volte irreversibili. L’evasione ambientale racconta di risorse preziose sottratte a interventi di mitigazione dell’impatto ambientale, di soldi dei contribuenti spesi per rimediare danni alla collettività prodotti da soggetti privati o pubblici – talvolta dallo Stato stesso, quando è incapace di vigilare, orientare adeguatamente le risorse pubbliche e applicare le direttive di tutela ambientale emanate dall’Unione Europea.  I numeri dell’evasione ambientale sono impressionanti, eppure non rientrano ancora in nessuna contabilità ufficiale. Oggi raccontiamo l’evasione ambientale delle agromafie denunciata da Coldiretti: oltre al danno per l’erario, qual è e a quanto ammonta il danno ambientale generato da pratiche agricole e distributive degenerate, incuranti di ogni forma di sostenibilità?

Le cifre da capogiro contenute nel recente rapporto “Agromafie” dedicato ai crimini agroalimentari ed elaborato da Coldiretti ed Eurispes, tracciano i confini di un business, quello organizzato dalla malavita ai danni del settore agricolo e alimentare italiani, redditizio e in netta crescita, nonostante e, forse, proprio grazie alla crisi economica.

Il rapporto, curato dalla principale organizzazione degli imprenditori agricoli a livello nazionale ed europeo, e presentato al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione a Cernobbio il 19 ottobre scorso, certifica come l’agroalimentare sia un comparto prioritario e strategico di investimento della malavita, perché del cibo “nessuno potrà fare a meno, ma soprattutto perché consente di infiltrarsi in modo capillare nella società civile e condizionare la vita e la salute della persone”.

E se il volume d’affari realizzato dalle mafie agricole nel 2013 tocca i 14 miliardi di euro, con un aumento record del 12% rispetto al 2010, secondo la Direzione Investigativa di Roma – si legge sempre nel Rapporto “Agromafie” – ben il 15% del fatturato realizzato dalle attività agricole appartiene all’illecito, mentre l’Osservatorio Flai Cgil contro le agromafie e il caporalato denuncia come dei 10.563 beni confiscati alla mafia, ben 2.500 sono terreni con destinazione agricola.

Quasi un immobile su quattro confiscati è terreno agricolo, a dimostrazione della strategia di accaparramento delle campagne messa in atto dalla criminalità organizzata: su un totale di 1.674 aziende confiscate, 89 (5,3 per cento) operano nei settori “agricoltura, caccia e silvicoltura” e 15 (l’1 per cento circa) nei settori “pesca, piscicoltura e servizi connessi”, 173 (10 per cento) nella ristorazione ed alloggio e 471 (28 per cento) nel commercio all’ingrosso e al dettaglio, anche nell’agroalimentare. Ancora: osservando la distribuzione regionale delle aziende definitivamente confiscate emerge il netto primato della Sicilia (45 imprese), seguita dalla Calabria (25) e dalla Campania (24).

L’agricoltura e la filiera agroalimentare rappresentano una destinazione privilegiata per gli investimenti della criminalità organizzata, perché ritenuti più sicuri in un momento di instabilità finanziaria, ma anche perché consentono di controllare capillarmente il territorio in zone dove lo Stato è meno presente. Ed è, dunque, da salutare positivamente in questo senso la notizia dell’inserimento del personale del Corpo Forestale dello Stato nella Direzione Investigativa Antimafia, anche a livello territoriale.

L’approccio, precisano Coldiretti ed Eurispes, è di tipo imprenditoriale: le mafie hanno già imposto il proprio controllo sulla produzione e la distribuzione di generi alimentari del tutto eterogenei tra loro. Controllano, in molti territori, la distribuzione e talvolta anche la produzione del latte, della carne, della mozzarella, del caffè, dello zucchero, dell’acqua minerale, della farina, del pane clandestino, del burro e, soprattutto, della frutta e della verdura. Le organizzazioni criminali, infatti, si legge, “impongono, con maggior vigore in determinate zone, i prezzi d’acquisto agli agricoltori, controllano la manovalanza degli immigrati con il caporalato, decidono i costi logistici e di transazione economica, utilizzano proprie ditte di trasporto (sulle quali spesso vengono anche occultate droga e armi), possiedono società di facchinaggio per il carico e lo scarico delle merci”. E per raggiungere l’obiettivo, i clan ricorrono a tutte le tipologie di reato tradizionali: usura, racket estorsivo, furti di attrezzature e mezzi agricoli, abigeato, macellazioni clandestine, danneggiamento delle colture, contraffazione e agropirateria, abusivismo edilizio, saccheggio del patrimonio boschivo, caporalato, truffe ai danni dell’Unione europea. Un quadro di evasione agricola e ambientale di cui rimangono vittime alcune delle più importanti risorse del nostro Paese: il cibo, l’agricoltura, il paesaggio rurale.

Le truffe a tavola, in particolare, hanno registrato un incremento record del 170% del valore di cibi e bevande sequestrate perché adulterate, contraffate o falsificate. Nei primi nove mesi del 2013 sono stati sequestrati beni e prodotti per un valore di 335,5 milioni di euro soprattutto con riferimento a prodotti base dell’alimentazione come la carne (24 per cento), farine pane e pasta (16 per cento), latte e derivati (9 per cento), vino ed alcolici (8 per cento), ma anche in misura rilevante alla ristorazione (20 per cento) dove per risparmiare si diffonde purtroppo l’utilizzo di ingredienti low cost che spesso nascondono frodi e adulterazioni.

Quasi un italiano su cinque (18 per cento) è stato vittima di frodi alimentari nel 2013: ben il 34 per cento dei cittadini nel momento di fare la spesa è più preoccupato rispetto al passato e tra questi oltre la metà (56 per cento) lo è perché aumentano i furbi che cercano di frodare sul cibo, il 44 per cento perché le aziende risparmiano sugli ingredienti e il 33 per cento perché è costretto ad acquistare prodotti meno costosi. Per effetto della crisi, infatti, il cibo low cost nei discount è l’unico settore a registrare un aumento delle vendite mentre negozi tradizionali, iper e supermercati risultano tutti in flessione nei primi sette mesi del 2013, secondo l’Istat. Ma l’uso di ingredienti di minore qualità o di metodi di produzione alternativi possono a volte mascherare anche vere e proprie illegalità, come è confermato dall’escalation dei sequestri.

La contraffazione e la falsificazione dei prodotti alimentari italiani costa al nostro Paese 300mila posti di lavoro che si potrebbero creare nel Paese con una seria azione di contrasto a livello nazionale e internazionale: il fatturato del falso Made in Italy, solo nell’agroalimentare, ha superato i 60 miliardi di euro. Mentre il fatturato delle esportazioni agroalimentari nazionali ha raggiunto la cifra record di 34 miliardi nel 2013, ma potrebbe addirittura triplicare: purtroppo alla perdita di opportunità economiche e occupazionali si somma il danno provocato all’immagine dei prodotti nazionali, soprattutto nei mercati emergenti dove, spesso, il falso è più diffuso del vero, condizionando negativamente le aspettative dei consumatori.

Ilaria Donatio

#evasoriambientali

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende