Home » Bollettino Europa »Politiche » “Fermiamo il consumo del suolo”. L’altra Europa secondo Domenico Finiguerra (Tsipras):

“Fermiamo il consumo del suolo”. L’altra Europa secondo Domenico Finiguerra (Tsipras)

maggio 7, 2014 Bollettino Europa, Politiche

Il candidato alle elezioni europee 2014 che Greenews.info ha intervistato oggi per testarne la sensibilità ai temi ambientali è Domenico Finiguerra. Ex sindaco di Cassinetta di Lugagnano, comune che nel 2008 è entrato a far parte dell’Associazione Comuni Virtuosi, risultando vincitore del premio nazionale Comuni Virtuosi nella categoria “gestione del territorio”, Finiguerra è candidato nella lista “L’altra Europa con Tsipras”, nel collegio Nord Ovest.

D) La sua sensibilità ambientale è nota, in quale chiave pensa però che si possa declinare, un impegno concreto su questi temi, per la vostra lista?

R) La lista L’altra Europa con Tsipras mette al centro i temi ambientali e la conversione ecologica dell’economia, convinta che questa sia la sola strada per creare nuova occupazione. Per riuscirci, prevediamo l’avvio di una seria politica di investimenti, ​tramite un piano europeo per l’occupazione: ​100 miliardi l’anno per dieci anni da destinare anche e soprattutto a progetti ​di conversione ecologica, ​per la cura del territorio​, per prevenire ​il dissesto idrogeologico, il recupero dei nostri centri storici, il rilancio del turismo, quello del comparto agricolo, la valorizzazione della bellezza del nostro patrimonio naturale. Il senso è quello di fare dei temi ambientali la chiave per il rilancio economico del sistema Paese: questo è l’approccio della lista e credo che sia molto differente dagli altri programmi elettorali, in cui l’ambiente è visto come un mero orpello…

D) Come giudica la politica comunitaria degli ultimi cinque anni nei settori green?

R) L’UE ha una legislazione in materia ambientale molto avanzata. Tenendo presente che il nostro Paese è, in molti casi, il più accanito violatore delle regole poste dall’Europa e delle sue direttive, il partenariato transatlantico (TTIP - Transatlantic Trade and Investment Partnership) - l’accordo commerciale attualmente in corso di negoziato tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti - allenta molto quei vincoli e rischia, ad esempio, di penalizzare i più deboli, come i piccoli produttori, gli agricoltori, le piccole imprese dell’agroalimentare italiano. Noi proponiamo, dunque, che l’Europa si faccia carico anche di questa realtà, che faccia regole favorevoli non alle multinazionali  ma  a quei soggetti​, soprattutto giovani,​ che vorrebbero tornare alla terra e che però​ sono in difficoltà.

D) In che modo?

R) Occorre una grandissima opera di semplificazione, sempre nel rispetto dell’ambiente. Perciò, il rilancio dell’economia deve sposarsi con norme di tutela ambientale, molto ferme per garantire le nostre produzioni DOC, le nostre tipicità, e non mettere a repentaglio l’intero settore dell’agroalimentare. In caso contrario, se l’accordo commerciale tra UE e USA dovesse perfezionarsi, il Barolo potrebbe essere prodotto negli USA e poi importato qui: su questo aspetto, che è molto preoccupante, ci proponiamo di dare battaglia.

D) Riesce a indicarci una priorità, tra le tante che certamente esistono, per la piena realizzazione della green economy italiana?

R) Per l’Italia credo sia obbligatorio accorciare i tempi rispetto all’obiettivo per il consumo della terra che l’Europa ha fissato per il 2050. Noi consumiamo 8 mq al secondo di terra, ​252 km quadrati all’anno: dobbiamo assolutamente fermare il consumo di suolo e rilanciare, allo stesso tempo, l’edilizia di recupero e conservativa. Si tratta di due battaglie, quella per la tutela della terra e quella di rilancio del nostro patrimonio, che vanno portate avanti insieme.

D) Con quali fondi?

R) Veniamo da un ventennio in cui abbiamo operato scelte con lo slogan di “ce lo chiede l’Europa“. Oggi possiamo prendere risorse stanziate per le grandi opere e dalla Cassa Depositi e Prestiti per avviare una stagione di recupero dei nostri centri cittadini che stanno decadendo, di piccole opere di cura del territorio in sofferenza a causa del dissesto idrogeologico (abbiamo avuto circa 6​0 miliardi di euro di danni in 60 anni, e pianto oltre​ novemila morti), sia per la sua messa in sicurezza per i cittadini sia per rimettere in moto l’economia. Non ci interessa realizzare campi da golf per i grandi resort ma ci preme valorizzare le risorse locali, mettere in rete progetti bellissimi che sono rimasti sulla carta.

D) Me ne dica qualcuno…

R) Dalla pista ciclabile Venezia-Torino a quella Svizzera-Mare che metterebbero in moto una filiera nei territori davvero impressionante. Intanto, gli altri paesi realizzano piste ciclabili che da Parigi vanno a Londra mentre la nostra politica è centrata su grandi opere, cementificazione, centri commerciali.

D) Quale sarà la collocazione de L’altra Europa nel Parlamento Europeo? Stringerete alleanze o comporrete un gruppo autonomo?

R) L’altra Europa farà un gruppo parlamentare con Tsipras naturalmente, poi credo che sarà naturale la costruzione di rapporti molto forti con i Verdi Europei.

D) Ci sono, tra la lista Tsipras e il M5S alcune sensibilità comuni. Quali sono, invece, le differenze secondo lei?

R) I punti di contatto sono diversi: certamente, c’è una critica condivisa al modello politico ed economico dominante. Credo che  da parte nostra ci sia una determinazione nel puntare a un’Europa diversa e la consapevolezza che il rischio di una fuoriuscita dall’euro, è un rischio che non possiamo permetterci. E non solo per questioni meramente finanziarie ma per una ragione politica di sostanza, perché l’Europa deve diventare un’Europa politica, un’Europa dei diritti, come contrappeso – nel sistema mondo – agli equilibri imposti da USA e Russia. Anche per impostare diversamente una politica estera europea, oggi, colpevolmente silente. L’Europa va rafforzata per lavorare alla costruzione di uno scenario mondiale pacifico che metta al centro le persone e i loro diritti, e non le rendite e le banche.

Ilaria Donatio


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende