Home » Bollettino Europa »Politiche » “Fermiamo il consumo del suolo”. L’altra Europa secondo Domenico Finiguerra (Tsipras):

“Fermiamo il consumo del suolo”. L’altra Europa secondo Domenico Finiguerra (Tsipras)

maggio 7, 2014 Bollettino Europa, Politiche

Il candidato alle elezioni europee 2014 che Greenews.info ha intervistato oggi per testarne la sensibilità ai temi ambientali è Domenico Finiguerra. Ex sindaco di Cassinetta di Lugagnano, comune che nel 2008 è entrato a far parte dell’Associazione Comuni Virtuosi, risultando vincitore del premio nazionale Comuni Virtuosi nella categoria “gestione del territorio”, Finiguerra è candidato nella lista “L’altra Europa con Tsipras”, nel collegio Nord Ovest.

D) La sua sensibilità ambientale è nota, in quale chiave pensa però che si possa declinare, un impegno concreto su questi temi, per la vostra lista?

R) La lista L’altra Europa con Tsipras mette al centro i temi ambientali e la conversione ecologica dell’economia, convinta che questa sia la sola strada per creare nuova occupazione. Per riuscirci, prevediamo l’avvio di una seria politica di investimenti, ​tramite un piano europeo per l’occupazione: ​100 miliardi l’anno per dieci anni da destinare anche e soprattutto a progetti ​di conversione ecologica, ​per la cura del territorio​, per prevenire ​il dissesto idrogeologico, il recupero dei nostri centri storici, il rilancio del turismo, quello del comparto agricolo, la valorizzazione della bellezza del nostro patrimonio naturale. Il senso è quello di fare dei temi ambientali la chiave per il rilancio economico del sistema Paese: questo è l’approccio della lista e credo che sia molto differente dagli altri programmi elettorali, in cui l’ambiente è visto come un mero orpello…

D) Come giudica la politica comunitaria degli ultimi cinque anni nei settori green?

R) L’UE ha una legislazione in materia ambientale molto avanzata. Tenendo presente che il nostro Paese è, in molti casi, il più accanito violatore delle regole poste dall’Europa e delle sue direttive, il partenariato transatlantico (TTIP - Transatlantic Trade and Investment Partnership) - l’accordo commerciale attualmente in corso di negoziato tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti - allenta molto quei vincoli e rischia, ad esempio, di penalizzare i più deboli, come i piccoli produttori, gli agricoltori, le piccole imprese dell’agroalimentare italiano. Noi proponiamo, dunque, che l’Europa si faccia carico anche di questa realtà, che faccia regole favorevoli non alle multinazionali  ma  a quei soggetti​, soprattutto giovani,​ che vorrebbero tornare alla terra e che però​ sono in difficoltà.

D) In che modo?

R) Occorre una grandissima opera di semplificazione, sempre nel rispetto dell’ambiente. Perciò, il rilancio dell’economia deve sposarsi con norme di tutela ambientale, molto ferme per garantire le nostre produzioni DOC, le nostre tipicità, e non mettere a repentaglio l’intero settore dell’agroalimentare. In caso contrario, se l’accordo commerciale tra UE e USA dovesse perfezionarsi, il Barolo potrebbe essere prodotto negli USA e poi importato qui: su questo aspetto, che è molto preoccupante, ci proponiamo di dare battaglia.

D) Riesce a indicarci una priorità, tra le tante che certamente esistono, per la piena realizzazione della green economy italiana?

R) Per l’Italia credo sia obbligatorio accorciare i tempi rispetto all’obiettivo per il consumo della terra che l’Europa ha fissato per il 2050. Noi consumiamo 8 mq al secondo di terra, ​252 km quadrati all’anno: dobbiamo assolutamente fermare il consumo di suolo e rilanciare, allo stesso tempo, l’edilizia di recupero e conservativa. Si tratta di due battaglie, quella per la tutela della terra e quella di rilancio del nostro patrimonio, che vanno portate avanti insieme.

D) Con quali fondi?

R) Veniamo da un ventennio in cui abbiamo operato scelte con lo slogan di “ce lo chiede l’Europa“. Oggi possiamo prendere risorse stanziate per le grandi opere e dalla Cassa Depositi e Prestiti per avviare una stagione di recupero dei nostri centri cittadini che stanno decadendo, di piccole opere di cura del territorio in sofferenza a causa del dissesto idrogeologico (abbiamo avuto circa 6​0 miliardi di euro di danni in 60 anni, e pianto oltre​ novemila morti), sia per la sua messa in sicurezza per i cittadini sia per rimettere in moto l’economia. Non ci interessa realizzare campi da golf per i grandi resort ma ci preme valorizzare le risorse locali, mettere in rete progetti bellissimi che sono rimasti sulla carta.

D) Me ne dica qualcuno…

R) Dalla pista ciclabile Venezia-Torino a quella Svizzera-Mare che metterebbero in moto una filiera nei territori davvero impressionante. Intanto, gli altri paesi realizzano piste ciclabili che da Parigi vanno a Londra mentre la nostra politica è centrata su grandi opere, cementificazione, centri commerciali.

D) Quale sarà la collocazione de L’altra Europa nel Parlamento Europeo? Stringerete alleanze o comporrete un gruppo autonomo?

R) L’altra Europa farà un gruppo parlamentare con Tsipras naturalmente, poi credo che sarà naturale la costruzione di rapporti molto forti con i Verdi Europei.

D) Ci sono, tra la lista Tsipras e il M5S alcune sensibilità comuni. Quali sono, invece, le differenze secondo lei?

R) I punti di contatto sono diversi: certamente, c’è una critica condivisa al modello politico ed economico dominante. Credo che  da parte nostra ci sia una determinazione nel puntare a un’Europa diversa e la consapevolezza che il rischio di una fuoriuscita dall’euro, è un rischio che non possiamo permetterci. E non solo per questioni meramente finanziarie ma per una ragione politica di sostanza, perché l’Europa deve diventare un’Europa politica, un’Europa dei diritti, come contrappeso – nel sistema mondo – agli equilibri imposti da USA e Russia. Anche per impostare diversamente una politica estera europea, oggi, colpevolmente silente. L’Europa va rafforzata per lavorare alla costruzione di uno scenario mondiale pacifico che metta al centro le persone e i loro diritti, e non le rendite e le banche.

Ilaria Donatio


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende