Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Fogne e depuratori, le infrastrutture idriche da terzo mondo dell’Italia:

Fogne e depuratori, le infrastrutture idriche da terzo mondo dell’Italia

ottobre 1, 2013 Internazionali, Nazionali, Politiche

Il 15% degli italiani non è ancora servito da una rete fognaria. I depuratori risultano mal gestiti, inadeguati o addirittura inesistenti per un italiano su tre. L’acqua esce a singhiozzo dai rubinetti, soprattutto al Sud, e circa il 35% dei corpi idrici di superficie non raggiunge gli standard di qualità ambientale”. È questo il quadro delle infrastrutture idriche italiane tracciato recentemente dal Consiglio Nazionale dei Geologi. Anche lIspra in passato ha più volte sottolineato come “i sistemi di collettamento e di depurazione, in alcuni casi, risultano inadeguati e non sufficientemente idonei (potenzialità, livelli di trattamento, assenza di vasche di prima pioggia) ad abbattere il carico inquinante dei volumi di acque reflue e industriali prodotti da vasti agglomerati”.

La situazione poco confortante è stata confermata a Greenews.info da Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente: «Secondo i dati di Federutility il 70% degi italiani è coperto dal servizio. Abbiamo  quindi un 30% che non ha un trattamento degli scarichi adeguato alle normative europee». Un’ulteriore prova del problema è dato dalle due procedure di infrazione europee a carico dell’Italia per mancata depurazione.

Giorgio Zampetti riepiloga i due contenziosi tuttora aperti: «La prima è la procedura di infrazione 2004/2034 arrivata alla sentenza di condanna nel luglio 2012 da parte della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. Al centro della condanna ci sono 109 agglomerati in diverse regioni italiane con oltre 15mila abitanti che scaricano in “aree non sensibili”. Le illegalità sono state registrate negli impianti di depurazione, nelle reti fognarie e per il mancato dimensionamento degli impianti alle oscillazioni di presenze turistiche legate alla stagione estiva. La seconda procedura d’infrazione, partita nel 2009, è la 2009/2034, attualmente in fase di parere motivato. In questo caso sono coinvolti oltre 159 agglomerati con oltre 10mila abitanti equivalenti che scaricano in “aree sensibili”».

Ma quali sono le conseguenze della carenza di depurazione e di un sistema fognario adeguato? «La mancata depurazione – ha spiegato Giorgio Zampetti – può causare un inquinamento delle acque di tipo microbiologico che a seconda della destinazione dello scarico può contaminare i corsi d’acqua o il mare (nel caso gli scarichi ci finiscano direttamente). Per quanto riguarda il mare, oltre ai problemi di natura ambientale, si creano rischi per la salute dei bagnanti soprattutto nella stagione estiva. Con la campagna Goletta Verde, Legambiente denuncia da tanti anni il problema della depurazione in Italia. I nostri monitoraggi evidenziano come questo problema si ripercuota in particolare sulla qualità delle acque del mare. Anche quest’anno abbiamo trovato oltre 130 punti critici lungo tutta la Penisola (in media uno ogni 57 km di costa). Questo dimostra che sono molti gli scarichi non depurati che finiscono direttamente in mare. Per quanto riguarda la rete fognaria – ha proseguito Giorgio Zampetti – ci sono due problematiche. In caso di totale mancanza di rete fognaria i reflui si disperdono nel suolo e nel sottosuolo rischiando di compromettere anche le falde. Inoltre, dove ci sono reti fognarie capita che queste siano inadeguate: in alcuni casi portano insieme sia i reflui civili sia le acque di piogge. Così facendo quando piove abbondantemente si creano problemi sia nel funzionamento dei depuratori sia nella stessa gestione delle acque in città».

Secondo il responsabile scientifico di Legambiente fino ad oggi si è data molta importanza al prelievo dell’acqua potabile e alla distribuzione lasciando ai margini la depurazione che è rimasta così trascurata: «In alcuni casi la mancanza di interventi è dovuta al fatto che non sono state date adeguate risorse al settore. In altri, invece, nonostante ci fossero le risorse non si sono fatti i dovuti investimenti. In Calabria, per esempio, negli ultimi anni sono stati dati oltre 700 milioni di euro per la depurazione ma ad oggi gli interventi sono praticamente fermi».

Tuttavia a livello nazionale qualcosa si muove. Nel 2012 attraverso una delibera CIPE sono stati stanziati dei fondi per mettere in campo gli interventi necessari nei Comuni oggetto di infrazione. Negli ultimi mesi, inoltre, si sono svolti diversi incontri organizzati da Federutility e dal Ministero dell’Ambiente per affrontare il tema della depurazione. A smuovere le acque hanno contribuito anche le sollecitazioni europee. «La condanna dell’Unione Europea e la procedura di infrazione hanno portato ad un ulteriore stanziamento di fondi che siamo obbligati ad utilizzare entro la fine del 2013. E ad utilizzarli bene – ha sottolineato Giorgio Zampetti – l‘Unione Europea ha infatti attivato un controllo sulla realizzazione degli interventi. Anche il Ministero dell’Ambiente si è attivato e sta monitorando affinché tutti gli interventi vengano fatti. La pressione europea potrebbe quindi portare ad una soluzione di molte questioni che sono rimaste irrisolte. Aggiungo purtroppo – ha concluso il responsabile scientifico di Legambiente – perché invece di risolverla con gli strumenti ordinari ancora una volta abbiamo dovuto aspettare la pressione dell’Unione Europea».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende