Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Fogne e depuratori, le infrastrutture idriche da terzo mondo dell’Italia:

Fogne e depuratori, le infrastrutture idriche da terzo mondo dell’Italia

ottobre 1, 2013 Internazionali, Nazionali, Politiche

Il 15% degli italiani non è ancora servito da una rete fognaria. I depuratori risultano mal gestiti, inadeguati o addirittura inesistenti per un italiano su tre. L’acqua esce a singhiozzo dai rubinetti, soprattutto al Sud, e circa il 35% dei corpi idrici di superficie non raggiunge gli standard di qualità ambientale”. È questo il quadro delle infrastrutture idriche italiane tracciato recentemente dal Consiglio Nazionale dei Geologi. Anche lIspra in passato ha più volte sottolineato come “i sistemi di collettamento e di depurazione, in alcuni casi, risultano inadeguati e non sufficientemente idonei (potenzialità, livelli di trattamento, assenza di vasche di prima pioggia) ad abbattere il carico inquinante dei volumi di acque reflue e industriali prodotti da vasti agglomerati”.

La situazione poco confortante è stata confermata a Greenews.info da Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente: «Secondo i dati di Federutility il 70% degi italiani è coperto dal servizio. Abbiamo  quindi un 30% che non ha un trattamento degli scarichi adeguato alle normative europee». Un’ulteriore prova del problema è dato dalle due procedure di infrazione europee a carico dell’Italia per mancata depurazione.

Giorgio Zampetti riepiloga i due contenziosi tuttora aperti: «La prima è la procedura di infrazione 2004/2034 arrivata alla sentenza di condanna nel luglio 2012 da parte della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. Al centro della condanna ci sono 109 agglomerati in diverse regioni italiane con oltre 15mila abitanti che scaricano in “aree non sensibili”. Le illegalità sono state registrate negli impianti di depurazione, nelle reti fognarie e per il mancato dimensionamento degli impianti alle oscillazioni di presenze turistiche legate alla stagione estiva. La seconda procedura d’infrazione, partita nel 2009, è la 2009/2034, attualmente in fase di parere motivato. In questo caso sono coinvolti oltre 159 agglomerati con oltre 10mila abitanti equivalenti che scaricano in “aree sensibili”».

Ma quali sono le conseguenze della carenza di depurazione e di un sistema fognario adeguato? «La mancata depurazione – ha spiegato Giorgio Zampetti – può causare un inquinamento delle acque di tipo microbiologico che a seconda della destinazione dello scarico può contaminare i corsi d’acqua o il mare (nel caso gli scarichi ci finiscano direttamente). Per quanto riguarda il mare, oltre ai problemi di natura ambientale, si creano rischi per la salute dei bagnanti soprattutto nella stagione estiva. Con la campagna Goletta Verde, Legambiente denuncia da tanti anni il problema della depurazione in Italia. I nostri monitoraggi evidenziano come questo problema si ripercuota in particolare sulla qualità delle acque del mare. Anche quest’anno abbiamo trovato oltre 130 punti critici lungo tutta la Penisola (in media uno ogni 57 km di costa). Questo dimostra che sono molti gli scarichi non depurati che finiscono direttamente in mare. Per quanto riguarda la rete fognaria – ha proseguito Giorgio Zampetti – ci sono due problematiche. In caso di totale mancanza di rete fognaria i reflui si disperdono nel suolo e nel sottosuolo rischiando di compromettere anche le falde. Inoltre, dove ci sono reti fognarie capita che queste siano inadeguate: in alcuni casi portano insieme sia i reflui civili sia le acque di piogge. Così facendo quando piove abbondantemente si creano problemi sia nel funzionamento dei depuratori sia nella stessa gestione delle acque in città».

Secondo il responsabile scientifico di Legambiente fino ad oggi si è data molta importanza al prelievo dell’acqua potabile e alla distribuzione lasciando ai margini la depurazione che è rimasta così trascurata: «In alcuni casi la mancanza di interventi è dovuta al fatto che non sono state date adeguate risorse al settore. In altri, invece, nonostante ci fossero le risorse non si sono fatti i dovuti investimenti. In Calabria, per esempio, negli ultimi anni sono stati dati oltre 700 milioni di euro per la depurazione ma ad oggi gli interventi sono praticamente fermi».

Tuttavia a livello nazionale qualcosa si muove. Nel 2012 attraverso una delibera CIPE sono stati stanziati dei fondi per mettere in campo gli interventi necessari nei Comuni oggetto di infrazione. Negli ultimi mesi, inoltre, si sono svolti diversi incontri organizzati da Federutility e dal Ministero dell’Ambiente per affrontare il tema della depurazione. A smuovere le acque hanno contribuito anche le sollecitazioni europee. «La condanna dell’Unione Europea e la procedura di infrazione hanno portato ad un ulteriore stanziamento di fondi che siamo obbligati ad utilizzare entro la fine del 2013. E ad utilizzarli bene – ha sottolineato Giorgio Zampetti – l‘Unione Europea ha infatti attivato un controllo sulla realizzazione degli interventi. Anche il Ministero dell’Ambiente si è attivato e sta monitorando affinché tutti gli interventi vengano fatti. La pressione europea potrebbe quindi portare ad una soluzione di molte questioni che sono rimaste irrisolte. Aggiungo purtroppo – ha concluso il responsabile scientifico di Legambiente – perché invece di risolverla con gli strumenti ordinari ancora una volta abbiamo dovuto aspettare la pressione dell’Unione Europea».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende