Home » Internazionali »Politiche » Forum ETAP: sinergia tra pubblico e privato:

Forum ETAP: sinergia tra pubblico e privato

ottobre 18, 2011 Internazionali, Politiche

L’undicesimo Forum Europeo sull’Eco-innovazione si è svolto a Helsinki in Finlandia lo scorso 11 Ottobre intorno al tema “Working with emerging economies for green growth”. Il forum ha riunito circa duecento decisori (pubblici e privati) interessati ad integrare l’eco-innovazione nelle politiche dei governi e delle imprese attraverso raccomandazioni da sottoporre alla Commissione Europea e agli Stati membri per orientare le politiche future.

Negli ultimi cinque anni ETAP ha affrontato questioni diverse, tra cui la dichiarazione sull’eco-innovazione nelle PMI, l’adattamento ai cambiamenti climatici attraverso l’eco-innovazione, il trasferimento di tecnologie, le tecnologie emergenti, lo sfruttamento delle opportunità del mercato mondiale, i mercati edili sostenibili e, soprattutto, le fonti di finanziamento per l’innovazione sostenibile. Ogni forum si fonda infatti su un assunto fondamentale: l’eco-innovazione e l’ampio utilizzo delle tecnologie ambientali possono favorire l’ulteriore sviluppo delle imprese, la creazione di posti di lavoro e la riduzione della pressione sulle limitate risorse naturali di cui disponiamo.

Il meeting di Helsinki dei giorni scorsi, ha avuto come tema principale le economie emergenti e le loro politiche legate alle scelte ambientali. Con l’obiettivo di creare una mappatura per la cooperazione nel settore della Green Economy. I Paesi Europei si impegneranno dunque ad appoggiare la posizione ufficiale dell’UE per il Summiti Rio+20, che si terrà in Brasile nel giugno 2012 e dovrà rappresentare una nuova opportunità per sradicare la povertà attraverso lo sviluppo sostenibile.

Non si è parlato, tuttavia, solo di questioni “ideali”. L’eco-innovazione è considerata qualcosa di più complesso rispetto al semplice concetto di tecnologie ambientali. Per questo motivo richiede un adattamento al contesto locale, alle capacità ed ai bisogni dell’ambiente in cui opera e si radica. Timo Makela, Direttore per gli Affari Internazionali e l’Eco-Innovazione della Commissione Europea, ha infatti precisato che “l’eco-innovazione non è solamente l’invenzione di nuove tecnologie, ma è anche la diffusione delle stesse tecnologie e l’introduzione di nuovi modelli di business e di crescita economica”. Il Forum ha dunque riconosciuto l’importanza delle economie di scala e dell’accesso al mercato come elementi essenziali, insieme al rafforzamento di specifiche politiche economiche che dovrebbero condurre i Governi, anche quelli dei Paesi in via di sviluppo, verso la liberalizzazione del “green commerce”.

Le raccomandazioni emerse dal Forum di Helsinki, dovrebbero ora essere implementate attraverso la stesura di un nuovo Eco-Innovation Action Plan dell’Unione Europea, attesa, da parte della Commissione, già nel corso delle prossime settimane. Il documento, in sintesi, dovrà elaborare un focus sulla cooperazione internazionale tra coloro che “fanno” eco-innovazione e promuovere le partnership e le collaborazioni tra il settore pubblico e quello privato per facilitare la diffusione dell’innovazione sostenibile, promuovendo un approccio globale che ponga l’attenzione soprattutto alla domanda dei consumatori.

La consapevolezza emersa dal Forum è dunque che la transizione verso la Green economy deve essere guidata dagli investimenti del settore privato, attraverso le linee guida del settore pubblico. Un dato di fatto inequivocabile, sia per le economie avanzate che per quelle dei Paesi emergenti.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende