Home » Nazionali »Politiche » Fotovoltaico verso una nuova era, dopo lo stop agli incentivi:

Fotovoltaico verso una nuova era, dopo lo stop agli incentivi

febbraio 12, 2014 Nazionali, Politiche

Nove euro al mese per diminuire in atmosfera 9,6 milioni di tonnellate di CO2 ed in generale per contribuire alla riduzione delle importazioni di combustibili fossili. Un motivo in più per supportare le ragioni contenute nella lettera indirizzata al governo firmata da GIFI e sottoscritta da SMA Italia. Le associazioni di categoria del fotovoltaico chiedono al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato un confronto per intervenire sul futuro del settore dopo la fine dell’erogazione degli incentivi per i nuovi impianti.

“Se l’obiettivo di un regime incentivante era quello di avviare un settore industriale, il risultato è stato ampiamente raggiunto: tra il 2008 e il 2013 il costo della tecnologia si è ridotto del 72% e ora siamo nelle condizioni di valutare l’installazione di impianti in assenza di sostegni”, si scrive nella lettera ancora senza risposta. Inoltre, se si rapporta il costo sostenuto alla quantità di energia rinnovabile incentivata si scopre che, per una volta, siamo stati più efficienti della Germania: quest’ultima ha toccato il suo picco nel 2011 con 163 €/MWh incentivato di costo medio, mentre in Italia tale valore ha raggiunto il suo probabile picco nel 2012, posizionandosi a 153 €/MWh incentivato.

Continuare ad investire nel fotovoltaico, non come costo ma come opportunità”, ricorda la lettera pubblicata la settimana scorsa dal quotidiano La Repubblica. Le fonti rinnovabili, e con esse il fotovoltaico, sono ormai un elemento fondamentale su cui si può basare la ripresa economica del nostro Paese. Nel 2013, la produzione fotovoltaica è aumentata del 18,9% e, grazie anche alle altre forme di energia alternativa, il risparmio sulla fattura energetica dell’Italia è stato di ben 9 miliardi di euro. Tutto ciò ha portato già fino ad oggi una diminuzione del prezzo dell’energia scambiata sul mercato fino al 26%. Secondo le stime dell’Unione Petrolifera, se le rinnovabili continuassero a crescere, la fattura energetica potrebbe subire un’ulteriore flessione di 1,7 miliardi rispetto al 2013. Se comparati con altri settori, questo tipo di investimenti sono stati di gran lunga inferiore – circa 30 centesimi al giorno per ogni cittadino italiano – e ha portato numerosi benefici. “Uno tra i più importanti benefici che il fotovoltaico ha portato all’Italia è sicuramente il risparmio di ben 9,6 milioni di tonnellate di CO2 immesse nell’atmosfera soltanto nel 2013. E’ un dato importante, che deve farci riflettere anche e soprattutto in ottica del Pacchetto Energia previsto dall’Unione Europa”, afferma Valerio Natalizia, Amministratore Delegato di SMA Italia e Vice Presidente del GIFI.

“A ciò si aggiunge tutta una serie di vantaggi che il fotovoltaico ha portato all’economia del nostro Paese: dal 2005 a oggi sono stati installati circa 550.000 impianti fotovoltaici, dei quali oltre il 90% installati sui tetti, il che ha trainato anche il settore edilizio. Parallelamente, le rinnovabili e il loro indotto hanno dato lavoro fino a oggi ad oltre150 mila addetti, ovvero 150 mila famiglie. In un momento in cui l’occupazione è tra i temi principali dell’agenda del nostro Governo, sono sicuramente numeri che fanno riflettere. Oggi con la fine del V Conto Energia siamo entrati ufficialmente in una nuova era del fotovoltaico. La fine del sistema incentivante tradizionale ha  rappresentato e rappresenta tuttora uno stimolo per la ricerca di soluzioni innovative che siano in grado di rilanciare l’industria nazionale del fotovoltaico. Ne è un esempio l’integrazione del fotovoltaico classico con altre forme di energia alternativa, come ad esempio le pompe di calore, il solare termico e i sistemi di accumulo. Inoltre, anche la  detrazione fiscale per l’installazione degli impianti fotovoltaici e i Sistemi Efficienti di Utenza – i cosiddetti SEU, appena regolamentati,  sono oggi  uno dei fattori trainanti per lo sviluppo del settore in Italia. La trasformazione del settore c’è e si vede: il fotovoltaico cambia l’approccio al mercato, proponendosi oggi più che mai come una soluzione completa, pronta a trainare il nostro Paese verso l’indipendenza energetica”, precisa  Natalizia.

Anche in un momento di crisi ci sono, del resto, buone notizie. Nel 2013 è aumentata la produzione idroelettrica (+21,4%), fotovoltaica (+18,9%), eolica (+11,6%) e geotermica (+1,0%) mentre la produzione da fonte termoelettrica è diminuita del 12,0% e il risparmio sulla fattura energetica del Paese è stato di 9 miliardi di euro. Nel 2014, secondo le stime dell’Unione Petrolifera, la fattura energetica potrebbe subire un’ulteriore flessione di 1,7 miliardi rispetto al 2013, in conseguenza della crescita delle rinnovabili. Nel 2013 inoltre il prezzo dell’energia scambiata nel mercato è diminuito fino al 26% soprattutto nelle ore di punta e i prezzi medi di vendita hanno registrato in tutte le zone geografiche un diffuso calo. “Non c’è dubbio che, sia oggi che in futuro, il fotovoltaico convenga ancora”, aggiunge l’ad di SMA Italia.

“Le detrazioni fiscali per gli impianti di tipo residenziale permettono al fotovoltaico di essere ancora oggi un investimento conveniente, mantenendo la garanzia di ritorno sull’investimento. Inoltre, se comparato a altri investimenti finanziari dal rendimento garantito, nell’arco di 20 anni, il fotovoltaico continua ad offrire un tasso di rientro molto interessante. A ciò, si aggiunge il fatto che il nostro Governo ha già confermato la validità della detrazione fiscale, seppur con percentuali diverse, anche per il 2015 e il 2016. Un ulteriore segnale che denota l’importanza di  continuare ad investire in questa direzione. Infine, non è da dimenticare che l’investimento di un impianto fotovoltaico non è legata soltanto alla convenienza n termini monetari, ma è soprattutto una scelta ecologica che contribuisce a creare un ambiente pulito”, conclude Natalizia.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende