Home » Internazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » G7 di Taormina, molto rumore per nulla. E a Bologna?:

G7 di Taormina, molto rumore per nulla. E a Bologna?

Romano Prodi, ex premier e veterano dei G7, lo aveva ricordato già il primo giorno, in una battuta di intervista alla RAI: questi meeting “servono solo per far dialogare informalmente i capi di stato e di governo, ma non ci si deve aspettare che escano decisioni vincolanti”. Anche perché mancano al tavolo la Cina e l’India. “E secondo lei – chiede Prodi all’intervistatore – si può prendere una decisione formale sul clima senza Cina e India al tavolo?”. Appunto… Allora però costerebbe meno ai contribuenti offrire una pizzetta in sordina al Bilderberg (o anche una cena con ostriche e champagne), piuttosto che dispiegare 10.000 agenti per un incontro pressoché inutile e di scontato insuccesso, se non per la visibilità mediatica e il diletto dei partecipanti.

Quanto appeal abbia ormai il G7 è ben testimoniato da due fatti: i “black block” che dopo una mezza carica di polizia decidono di andare a fare il bagno a mare, per godere, anche loro, della bella giornata di sole, e il rilievo dei resoconti sul G7 nell’aggregatore di Google News: già stamattina presto in cima alle notizie dominava l’addio di Totti alla Roma e il flop del G7 di Taormina si posizionava al secondo posto. Ora alle 8,35 er Pupone rimane primo, mentre le news sul G7 escono dalla “prima pagina” per finire nelle sezioni “Italia” (dove ci si pavoneggia sugli aspetti di sicurezza e promozionali del vertice) o “Esteri” (dove una Merkel già estranea all’atmosfera siciliana è ritratta davanti a un birrone da 1 litro con i compagni di partito bavaresi).

Sul clima è andato in scena il teatrino del prevedibile. I 6 paesi (Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Canada e Giappone) che già dicevano di credere all’Accordo di Parigi e volersi impegnare a rispettarlo, hanno ribadito di crederci (ci mancherebbe altro, dopo tutti i proclami post-COP21!), mentre il Presidente USA Donald Trump – che in campagna elettorale aveva dato per certo il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo internazionale, in caso di sua vittoria – si è riservato di valutare in seguito la “giusta decisione”, tanto per non sembrare prepotente in tale contesto di Gentiloni e di gentiluomini. Ma che Trump non avrebbe firmato nulla non è stato un “colpo di scena”, lo si sapeva già dal 9 maggio (come riporta l’Ansa), quando il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer, aveva sottolineando che il presidente avrebbe voluto continuare a consultarsi con i suoi consiglieri ”per arrivare ad una decisione su ciò che e’ nel miglior interesse degli USA”.

Non si capisce dunque perché Angela Merkel ieri sia aus den Birnbaum gefallen (caduta dal pero) e abbia dichiarato di aver capito solo “in questi giorni” (quelli del vertice di Taormina), che “i tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo” e che quindi “noi europei dobbiamo prendere il nostro destino nelle nostre mani“… Congratulations Angela! C’è voluto un po’, ma forse adesso lo capiremo che, dopo aver perso tanti primati, se non ci diamo una mossa e restiamo a guardare cosa fanno gli altri, rischiamo di perdere anche la leadership climatica e sulla green/blue economy. E poi cosa ci resta?

Il Ministro Galletti – che deve ancora pubblicizzare per bene il G7 Ambiente di Bologna, in programma dal 10 al 12 giugno – fa però la voce grossa e dice che “In ambiente o si vince tutti insieme o si perde tutti, non c’è una via di mezzo, siamo obbligati ad andare d’accordo, è questo che dobbiamo far capire agli Stati Uniti e vogliamo affermare con molta determinazione… Abbiamo un grande appuntamento a giugno a Bologna, lì ribadiremo con forza la nostra posizione“. Auguri, sono ansioso di sentir ruggire i leoni del Governo Gentiloni di fronte a Scott Pruitt, il mastino amico delle lobby petrolifere e negazionista convinto dei cambiamenti climatici, che Trump ha messo alla guida dell’EPA per smantellare le politiche di Obama.

Andrea Gandiglio

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende