Home » Internazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » G7 di Taormina, molto rumore per nulla. E a Bologna?:

G7 di Taormina, molto rumore per nulla. E a Bologna?

Romano Prodi, ex premier e veterano dei G7, lo aveva ricordato già il primo giorno, in una battuta di intervista alla RAI: questi meeting “servono solo per far dialogare informalmente i capi di stato e di governo, ma non ci si deve aspettare che escano decisioni vincolanti”. Anche perché mancano al tavolo la Cina e l’India. “E secondo lei – chiede Prodi all’intervistatore – si può prendere una decisione formale sul clima senza Cina e India al tavolo?”. Appunto… Allora però costerebbe meno ai contribuenti offrire una pizzetta in sordina al Bilderberg (o anche una cena con ostriche e champagne), piuttosto che dispiegare 10.000 agenti per un incontro pressoché inutile e di scontato insuccesso, se non per la visibilità mediatica e il diletto dei partecipanti.

Quanto appeal abbia ormai il G7 è ben testimoniato da due fatti: i “black block” che dopo una mezza carica di polizia decidono di andare a fare il bagno a mare, per godere, anche loro, della bella giornata di sole, e il rilievo dei resoconti sul G7 nell’aggregatore di Google News: già stamattina presto in cima alle notizie dominava l’addio di Totti alla Roma e il flop del G7 di Taormina si posizionava al secondo posto. Ora alle 8,35 er Pupone rimane primo, mentre le news sul G7 escono dalla “prima pagina” per finire nelle sezioni “Italia” (dove ci si pavoneggia sugli aspetti di sicurezza e promozionali del vertice) o “Esteri” (dove una Merkel già estranea all’atmosfera siciliana è ritratta davanti a un birrone da 1 litro con i compagni di partito bavaresi).

Sul clima è andato in scena il teatrino del prevedibile. I 6 paesi (Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Canada e Giappone) che già dicevano di credere all’Accordo di Parigi e volersi impegnare a rispettarlo, hanno ribadito di crederci (ci mancherebbe altro, dopo tutti i proclami post-COP21!), mentre il Presidente USA Donald Trump – che in campagna elettorale aveva dato per certo il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo internazionale, in caso di sua vittoria – si è riservato di valutare in seguito la “giusta decisione”, tanto per non sembrare prepotente in tale contesto di Gentiloni e di gentiluomini. Ma che Trump non avrebbe firmato nulla non è stato un “colpo di scena”, lo si sapeva già dal 9 maggio (come riporta l’Ansa), quando il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer, aveva sottolineando che il presidente avrebbe voluto continuare a consultarsi con i suoi consiglieri ”per arrivare ad una decisione su ciò che e’ nel miglior interesse degli USA”.

Non si capisce dunque perché Angela Merkel ieri sia aus den Birnbaum gefallen (caduta dal pero) e abbia dichiarato di aver capito solo “in questi giorni” (quelli del vertice di Taormina), che “i tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo” e che quindi “noi europei dobbiamo prendere il nostro destino nelle nostre mani“… Congratulations Angela! C’è voluto un po’, ma forse adesso lo capiremo che, dopo aver perso tanti primati, se non ci diamo una mossa e restiamo a guardare cosa fanno gli altri, rischiamo di perdere anche la leadership climatica e sulla green/blue economy. E poi cosa ci resta?

Il Ministro Galletti – che deve ancora pubblicizzare per bene il G7 Ambiente di Bologna, in programma dal 10 al 12 giugno – fa però la voce grossa e dice che “In ambiente o si vince tutti insieme o si perde tutti, non c’è una via di mezzo, siamo obbligati ad andare d’accordo, è questo che dobbiamo far capire agli Stati Uniti e vogliamo affermare con molta determinazione… Abbiamo un grande appuntamento a giugno a Bologna, lì ribadiremo con forza la nostra posizione“. Auguri, sono ansioso di sentir ruggire i leoni del Governo Gentiloni di fronte a Scott Pruitt, il mastino amico delle lobby petrolifere e negazionista convinto dei cambiamenti climatici, che Trump ha messo alla guida dell’EPA per smantellare le politiche di Obama.

Andrea Gandiglio

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende