Home » Nazionali »Politiche » Galletti neo Ministro: sarà un commercialista a spingere la fiscalità ecologica?:

Galletti neo Ministro: sarà un commercialista a spingere la fiscalità ecologica?

febbraio 24, 2014 Nazionali, Politiche

Mentre il presidente del Consiglio incaricato, Matteo Renzi, era ancora a colloquio con Giorgio Napolitano per discutere la lista dei ministri del nuovo governo di coalizione, Gian Luca Galletti, il neo Ministro dell’Ambiente, riceve una telefonata di auguri da parte di un amico: è stato appena pubblicato questo pezzo sull’Huffington Post che presenta tutti i nomi della squadra di Renzi, dando per certo il deputato Udc come nuovo titolare del Dicastero delle Politiche Agricole. Galletti si schermisce: ancora non c’è nulla di sicuro, tanto più che, risponde all’amico, ci sarebbero già due ministri bolognesi nella squadra di governo (Giuliano Poletti al Lavoro e Federica Guidi allo Sviluppo Economico). L’Udc, infatti – che nel weekend ha celebrato il suo quarto congresso nazionale con la conferma di Lorenzo Cesa a segretario del partito – a suo tempo, aveva chiesto a Matteo Renzi proprio l’Agricoltura. Ottenendo poi l’Ambiente. Questo il retroscena da Manuale Cencelli.

E’ per me un grande onore ma anche una grande responsabilità. Credo che sia una sfida per il mio partito, l’Udc, e per il Paese”, ha immediatamente commentato, Congresso in corso, Galletti. A questo punto, gli ex democristiani dovranno sostenere il nuovo governo:  il loro leader, Pier Ferdinando Casini che, pure, aveva annunciato giorni fa una nuova alleanza con Silvio Berlusconi, non potrà non votare la fiducia al Senato, con un proprio uomo (ex capogruppo Udc alla Camera) nell’Esecutivo guidato dal segretario del Pd!

Bolognese, sottosegretario uscente al Ministero dell’Istruzione nel governo Letta, 52 anni, una laurea in Economia e Commercio, Galletti è stato eletto deputato per la prima volta nel secondo Governo Prodi, aprile 2006, poi, nominato vicepresidente della Commissione Bilancio della Camera, nel quarto governo Berlusconi/Monti 2008-2013. Considerato molto vicino al leader centrista Pier Ferdinando Casini, chi lo conosce dice di lui: “È il migliore dell’Udc, ha sempre studiato tutti i dossier parlamentari, è un uomo molto competente nelle materie di cui si è occupato in passato”.

Speriamo, verrebbe da dire, perché il punto è che il neo Ministro dell’Ambiente, di ambiente non si è mai occupato fino ad oggi, confermando l’assoluta marginalità che viene attribuita a questa materia da parte dei principali partiti del paese (Cinque Stelle esclusi). Questo, piaccia o no, è un dato, al netto delle tante ricostruzioni sulla sua (ma non solo) nomina in perfetto stile “Cencelli” a cui il presidente del Consiglio sarebbe stato “obbligato” per formare un governo di coalizione in grado di votare le riforme.

Galletti eredita dal suo predecessore, Andrea Orlando (andato alla Giustizia e anche lui, a suo tempo, digiuno di competenze specifiche sull’ambiente al momento dell’incarico) molti dossier “scottanti”: il dissesto idrogeologico (che ha già dichiarato essere una sua precisa priorità), le bonifiche della Terra dei Fuochi, i piani di smaltimento rifiuti a partire da quello della Capitale, il pacchetto clima ed energia dell’Unione Europea (dovrà portare a termine una mediazione per nulla banale con Confindustria), la lotta ai reati ecologici, il completamento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) dell’Ilva, infine, sarà chiamato a chiudere il capitolo Costa Concordia, e dunque decidere quale debba essere il porto prescelto per lo smantellamento del relitto.

Il lavoro che attende il nuovo titolare di via Cristoforo Colombo, perciò, non è affatto impresa da poco: anche perché l’ambiente è, storicamente, l’ambito più penalizzato dalla discontinuità politica che da sempre affligge l’Italia. Non serve solo competenza per mettere a punto politiche per il territorio adeguate ed efficaci, ma anche il tempo necessario a svilupparle.

Dal punto di vista del metodo adottato da Renzi, la sensazione – come alcuni osservano in queste ore – è che l’approccio della politica, quando si occupa di ambiente, sia poco contemporaneo e suggerisca un’idea di arretratezza culturale, altro che “nuovo che avanza”: l’idea che i beni naturali, patrimonio vivo di un Paese, non siano considerati per quello che sono realmente, ossia la chiave principale di sviluppo per un Paese (figuriamoci l’Italia, poi!), ma visti ancora alla stregua di un qualsiasi ambito burocratico e amministrativo, come un settore staccato da tutto il resto, più un costo che un’opportunità.

Gian Luca Galletti avrà la capacità (e l’orizzonte di legislatura, che è mancato a Orlando) per formare un gruppo di lavoro che si occupi di ambiente in maniera seria e strategica, trasversale a tutti gli asset di sviluppo economico e sociale, e non più solo occasionalmente e in chiave emergenziale? E la fiscalità ecologica? Se non un commercialista chi altro la potrebbe proporre?

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende