Home » Nazionali »Politiche » Galletti neo Ministro: sarà un commercialista a spingere la fiscalità ecologica?:

Galletti neo Ministro: sarà un commercialista a spingere la fiscalità ecologica?

febbraio 24, 2014 Nazionali, Politiche

Mentre il presidente del Consiglio incaricato, Matteo Renzi, era ancora a colloquio con Giorgio Napolitano per discutere la lista dei ministri del nuovo governo di coalizione, Gian Luca Galletti, il neo Ministro dell’Ambiente, riceve una telefonata di auguri da parte di un amico: è stato appena pubblicato questo pezzo sull’Huffington Post che presenta tutti i nomi della squadra di Renzi, dando per certo il deputato Udc come nuovo titolare del Dicastero delle Politiche Agricole. Galletti si schermisce: ancora non c’è nulla di sicuro, tanto più che, risponde all’amico, ci sarebbero già due ministri bolognesi nella squadra di governo (Giuliano Poletti al Lavoro e Federica Guidi allo Sviluppo Economico). L’Udc, infatti – che nel weekend ha celebrato il suo quarto congresso nazionale con la conferma di Lorenzo Cesa a segretario del partito – a suo tempo, aveva chiesto a Matteo Renzi proprio l’Agricoltura. Ottenendo poi l’Ambiente. Questo il retroscena da Manuale Cencelli.

E’ per me un grande onore ma anche una grande responsabilità. Credo che sia una sfida per il mio partito, l’Udc, e per il Paese”, ha immediatamente commentato, Congresso in corso, Galletti. A questo punto, gli ex democristiani dovranno sostenere il nuovo governo:  il loro leader, Pier Ferdinando Casini che, pure, aveva annunciato giorni fa una nuova alleanza con Silvio Berlusconi, non potrà non votare la fiducia al Senato, con un proprio uomo (ex capogruppo Udc alla Camera) nell’Esecutivo guidato dal segretario del Pd!

Bolognese, sottosegretario uscente al Ministero dell’Istruzione nel governo Letta, 52 anni, una laurea in Economia e Commercio, Galletti è stato eletto deputato per la prima volta nel secondo Governo Prodi, aprile 2006, poi, nominato vicepresidente della Commissione Bilancio della Camera, nel quarto governo Berlusconi/Monti 2008-2013. Considerato molto vicino al leader centrista Pier Ferdinando Casini, chi lo conosce dice di lui: “È il migliore dell’Udc, ha sempre studiato tutti i dossier parlamentari, è un uomo molto competente nelle materie di cui si è occupato in passato”.

Speriamo, verrebbe da dire, perché il punto è che il neo Ministro dell’Ambiente, di ambiente non si è mai occupato fino ad oggi, confermando l’assoluta marginalità che viene attribuita a questa materia da parte dei principali partiti del paese (Cinque Stelle esclusi). Questo, piaccia o no, è un dato, al netto delle tante ricostruzioni sulla sua (ma non solo) nomina in perfetto stile “Cencelli” a cui il presidente del Consiglio sarebbe stato “obbligato” per formare un governo di coalizione in grado di votare le riforme.

Galletti eredita dal suo predecessore, Andrea Orlando (andato alla Giustizia e anche lui, a suo tempo, digiuno di competenze specifiche sull’ambiente al momento dell’incarico) molti dossier “scottanti”: il dissesto idrogeologico (che ha già dichiarato essere una sua precisa priorità), le bonifiche della Terra dei Fuochi, i piani di smaltimento rifiuti a partire da quello della Capitale, il pacchetto clima ed energia dell’Unione Europea (dovrà portare a termine una mediazione per nulla banale con Confindustria), la lotta ai reati ecologici, il completamento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) dell’Ilva, infine, sarà chiamato a chiudere il capitolo Costa Concordia, e dunque decidere quale debba essere il porto prescelto per lo smantellamento del relitto.

Il lavoro che attende il nuovo titolare di via Cristoforo Colombo, perciò, non è affatto impresa da poco: anche perché l’ambiente è, storicamente, l’ambito più penalizzato dalla discontinuità politica che da sempre affligge l’Italia. Non serve solo competenza per mettere a punto politiche per il territorio adeguate ed efficaci, ma anche il tempo necessario a svilupparle.

Dal punto di vista del metodo adottato da Renzi, la sensazione – come alcuni osservano in queste ore – è che l’approccio della politica, quando si occupa di ambiente, sia poco contemporaneo e suggerisca un’idea di arretratezza culturale, altro che “nuovo che avanza”: l’idea che i beni naturali, patrimonio vivo di un Paese, non siano considerati per quello che sono realmente, ossia la chiave principale di sviluppo per un Paese (figuriamoci l’Italia, poi!), ma visti ancora alla stregua di un qualsiasi ambito burocratico e amministrativo, come un settore staccato da tutto il resto, più un costo che un’opportunità.

Gian Luca Galletti avrà la capacità (e l’orizzonte di legislatura, che è mancato a Orlando) per formare un gruppo di lavoro che si occupi di ambiente in maniera seria e strategica, trasversale a tutti gli asset di sviluppo economico e sociale, e non più solo occasionalmente e in chiave emergenziale? E la fiscalità ecologica? Se non un commercialista chi altro la potrebbe proporre?

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende