Home » Impressioni di viaggio »Internazionali »Politiche »Rubriche » Gezi Park: il parco è quasi salvo, la protesta continua:

Gezi Park: il parco è quasi salvo, la protesta continua

“Certo che ero a Gezi Park!” A Istanbul non è difficile trovare qualcuno coinvolto nelle manifestazioni di giugno: centinaia di migliaia di persone, soprattutto giovani dai 20 ai 30 anni, sono scese in strada per manifestare il proprio dissenso contro la decisione del governo di Erdogan di trasformare il piccolo parco cittadino adiacente la centralissima Piazza Taksim in un centro commerciale e contro l’inaudita violenza con cui la polizia ha trattato i manifestanti. Ognuno ha un pezzetto di storia da raccontare: sull’occupazione, sugli attacchi della polizia, sui diritti lesi e i possibili sviluppi futuri.

“Durante il giorno lavoravo, ma la sera andavo a Gezi Park, ad aiutare come volontaria,” racconta Bengi. “Tutti davano una mano: c’era chi stava lì stabilmente, chi portava coperte, tende, sapone, dentifrici e il necessario per l’occupazione, chi passava quando poteva. C’erano tutti, anche se la maggioranza era costituita da ventenni. E pensare che questa generazione di giovani veniva spesso accusata di non occuparsi di politica!” La notte dello sgombero c’era anche lei: “la polizia ci ha rincorso per le vie intorno a piazza Taksim, c’erano lacrimogeni ovunque, e acqua lanciata ad altezza uomo con sostanze urticanti. Avevamo una paura tremenda di essere arrestati perché sapevamo delle violenze subite da alcuni nostri amici pochi giorni prima. Fortunatamente abbiamo trovato rifugio in un negozio, che ci ha protetti abbassando la saracinesca.” Molti i locali che hanno prestato soccorso ai fuggitivi; altri locali invece hanno deciso di chiudere, o hanno aiutato la polizia, e per questo sono adesso soggetti a boicottaggio. E infatti lo Starbucks e il McDonald di Piazza Taksim oggi erano quasi vuoti, con solo pochi turisti come clienti.

Il primo giorno erano solo 12 gli occupanti che si battevano per gli alberi di Gezi Park, il secondo giorno erano già arrivati a 70. “Il terzo giorno erano diventati 70.000,” racconta Cem. Tutti arrivati per passaparola, reale o virtuale, tramite Facebook e Twitter. “Non so come chiamarla se non ribellione collettiva, anche se non mi piace questa espressione: è un nostro diritto naturale poterci esprimere e protestare contro un progetto dannoso per la nostra città”. In realtà la storia è più lunga: erano 15 mesi che un’associazione di Taksim si batteva contro la distruzione del parco, e la Corte amministrativa aveva già espresso un parere negativo, sospendendo provvisoriamente i lavori, ma Erdogan intendeva proseguire con il suo progetto. Proprio ieri è arrivata la notizia del rigetto, da parte della Corte, della richiesta di revoca della sospensione. Il rigetto in realtà risale a un mese fa, proprio ai giorni degli scontri più duri, ma è stata resa nota solo adesso. Sul merito la Corte deciderà entro due mesi.

La “piattaforma” nata a Taksim non potrebbe essere più varia: c’erano gli ambientalisti, le associazioni, i sindacati, i gruppi gay e gruppi religiosi musulmani. “A Gezi Park hanno partecipato anche i musulmani anticapitalisti,” racconta Anne, “la loro interpretazione della religione islamica è più simile all’originale del Corano. Sono più aperti, colti e pronti al confronto. La religione è in linea con l’ambiente: non puoi distruggere l’ambiente, perché è sacro, è creato da Dio. Gezi Park è stato innanzitutto uno spazio per confrontarsi.”

Adesso che il parco è ancora chiuso, “protetto” dalla polizia, la piattaforma di Gezi Park si è spostata in altri punti di ritrovo sparsi per la città: sono i Forum, spazi di aggregazione pubblica in cui tutti hanno diritto alla parola per alcuni minuti. Nei Forum per non interrompere il flusso della discussione invece di applaudire il segno convenzionale per manifestare il consenso è alzare le mani e scuoterle. Seckin pensa che la questione adesso sia quella di trovare una voce politica in grado di poter esprimere le richieste della Piattaforma Taksim e dei Forum: “Solitamente le rivolte vengono prima teorizzate, e poi realizzate. A noi è successo il contrario, la rivolta è capitata”.

Secondo Timur “non finirà qua: la questione non è più solo il parco. Naturalmente attendiamo la decisione della Corte e speriamo in una soluzione definitiva che salvi Gezi Park. Ma tutti sanno che è stata usata troppa violenza, e che il governo sta perdendo potere. Il prossimo anno ci saranno le elezioni amministrative, poi nel 2015 le politiche: fino ad allora andremo avanti, con delle azioni settimanali, per mostrare che siamo ancora qua. Adesso le persone non hanno più fiducia nelle informazioni che ricevono dalla televisione, ci informiamo tramite internet: la protesta continuerà finché non ci sarà un reale cambiamento. Adesso siamo svegli.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende