Home » Bollettino Europa »Internazionali »Nazionali »Politiche »Rubriche » Ghiglia (Fratelli d’Italia): “conciliare parametri ambientali e competitività”:

Ghiglia (Fratelli d’Italia): “conciliare parametri ambientali e competitività”

Proseguono le interviste di Greenews.info ai candidati alle elezioni europee 2014, sui temi ambiente e green economy. Oggi la nostra Ilaria Donatio ha parlato con Agostino Ghiglia, ex capogruppo del Pdl in Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati, membro della Bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, assessore alla Ricerca, Innovazione ed Energia della Regione Piemonte e attualmente candidato al Parlamento Europeo nelle liste di Fratelli d’Italia.

D) Onorevole Ghiglia, qual è la sfida in campo ambientale che l’Assemblea Parlamentare europea che si formerà dal voto del 25 maggio  non potrà assolutamente eludere?

R) Più che un singolo obiettivo o programma, credo che la vera sfida in Europa sia fare dell’ambiente e della protezione del territorio una strategia condivisa.

D) Non è ancora così? Cosa manca per attuare, a livello di legislazione comunitaria, la cosiddetta economia verde?

R) Oramai esiste – ed è diffusa – la consapevolezza che una politica ambientale europea efficace debba fare leva sulla green economy, come strumento che genera ricchezza e progresso, pur rispettando e proteggendo l’ambiente. Il problema è la competitività: il punto critico, cioè, è che ancora si fatica a rendere i parametri  ambientali – spesso troppo rigorosi sulla carta – compatibili con le regole che le nostre imprese sono costrette a osservare se vogliono operare sul mercato globale. Guardi che è un discorso difficile e delicato ma se vogliamo un’Europa forte e competitiva, non ci possiamo permettere di tralasciare né l’attenzione per l’ambiente né quella per il mercato. Il rischio, altrimenti, è che la Cina e gli altri paesi che stanno vivendo da anni uno sviluppo velocissimo, ci penalizzi. La green economy è tutto, non è solo una fabbrica pulita che non inquina. È tutto: trasporti, agenda digitale, stili di vita. E’ una leva di sviluppo fondamentale: se l’Europa attuerà politiche trasversali in questa chiave, potremmo farcela a competere e a vincere sfida ambientale.

D) Lei pensa che una riforma della fiscalità ecologica, in base al principio “chi più inquina, più paga” possa aiutare le imprese italiane a giocare entrambe le partite (quella dell’innovazione e dello sviluppo e quella “green”)?

R) Il principio, oserei dire, è un principio di buon senso e di civiltà prima ancora che di diritto. Ma sono dell’avviso che non servirà a molto operare sconti fiscali alle imprese a fronte di una legislazione incoerente e di regole contraddittorie. Sono convinto che innanzi tutto serva una continuità legislativa che dia certezze agli operatori economici.

D) Mi dica un tema green che le sta particolarmente a cuore…

R) Nella passata Legislatura, come primo firmatario, ho presentato una proposta di legge per l’incentivazione della mobilità elettrica che prevedeva fondi pari a 140 milioni l’anno per tre anni, a partire dal 2013: 70 milioni per le infrastrutture di ricarica elettrica e per gli incentivi alla ricerca, e 70 per l’incentivazione all’acquisto delle auto. L’idea era nata dal fatto che solo in Italia, rispetto anche agli altri Paesi europei, mancava una normativa di settore che incentivasse la ricerca e l’acquisto di auto elettriche e definisse i poteri dei Comuni. Le amministrazioni locali potranno agevolare i possessori delle auto elettriche in vari modi, per esempio prevedendo dei posti ad hoc con sosta gratuita. Insieme ad altri deputati, rispondendo a bandi europei, abbiamo anche presentato un progetto di infrastrutturazione completa del Regione Piemonte che renda possibile girarla a bordo di un’auto elettrica, senza dover essere costretti a scegliere altri mezzi.

D) Come valuta la riforma della nuova PAC, la Politica Agricola Comune?

R) La politica agricola comune si scontra con un’agricoltura, a livello mondo, che diventa sempre meno competitiva per via dell’esistenza di mercati che producono a prezzi inferiori. Non siamo a favore di dazi o di barriere che proteggano l’Europa da beni o fattori di altri paesi, ma occorrono regole – per tutti – più forti. Altrimenti non sopravviveremo.

D) Dica una cosa che manca e che ritiene fondamentale premessa a politiche e regole ambientali e allo stesso tempo competitive.

R) Non ho dubbi: insieme ad altri deputati, presentai un emendamento che rendesse obbligatorio l’insegnamento dell’educazione ambientale nelle scuole. Non c’erano i soldi e non fu mai realizzato. Ma credo ancora che per operare una vera svolta, in chiave green, sia necessario investire in cultura ed educazione all’ambiente.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende