Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Giustizia climatica: come tradurre le idee in azioni (e proteggere i diritti umani):

Giustizia climatica: come tradurre le idee in azioni (e proteggere i diritti umani)

ottobre 13, 2014 Internazionali, Nazionali, Politiche

Aveva suscitato scalpore a livello internazionale la richiesta della famiglia originaria del Kiribari, piccolo stato del Pacifico composto da 33 isole su cui vivono 103.000 abitanti, che nel 2013 aveva chiesto alla Nuova Zelanda asilo per motivi climatici: l’isola da cui proviene, infatti, è a rischio di sparizione a causa dell’aumento del livello del mare, come molte altre del Pacifico. Sarebbe stato il primo caso riconosciuto di “rifugiato ambientale”, ma la richiesta è stata rifiutata perché il requisito internazionale per ottenere lo status di rifugiato è una “legittima paura di essere perseguitati” nel Paese di origine.

Questo è solo uno degli aspetti della questione climatica che si incrocia con il diritto internazionale e con la questione della giustizia climatica. Infatti a causa del surriscaldamento del Pianeta i diritti umani delle popolazioni dei Paesi più vulnerabili del mondo saranno severamente minacciati, prospettando l’urgenza di cambiare il sistema giuridico per garantire una protezione alle popolazioni a rischio: a questa necessità di evoluzione legale risponde un nuovo report dell’International Bar Association Task Force on Climate Justice and Human Rights (IBA), intitolato “Giustizia e Diritti Umani nell’Era del Caos Climatico”.

Il report evidenzia come, mentre i cambiamenti climatici colpiscono tutti, in realtà hanno conseguenze sproporzionalmente maggiori proprio verso coloro che non hanno contribuito alla creazione del problema e non hanno le risorse per contrastarne gli effetti. Si tratta di un’ “ingiustizia climatica”, che colpisce ad esempio alcuni Paesi dell’Africa, o le isole del Pacifico, che poco o niente hanno contribuito alle emissioni di gas serra responsabili del surriscaldamento del Pianeta ma che si trovano adesso a fronteggiare, spesso con pochi mezzi economici, gravi cambiamenti, come la minor disponibilità d’acqua, la desertificazione, l’innalzamento del livello del mare.

I meccanismi legali esistenti per indirizzare mitigazione, adattamento e risanamento dai cambiamenti climatici non riescono a rispondere alla scala della questione globale. – ha dichiarato Michael Reynolds, presidente IBA. – I cambiamenti climatici sollevano problematiche di etica e giustizia a cui ancora non si è dato risposta”. I cambiamenti climatici, infatti, ridisegnano non sono i territori e la geografia, ma a livello geopolitico modificano diritti e obblighi tra generazioni e Stati. Come descritto recentemente dalla Mary Robinson Foundation, la giustizia climatica “collega i diritti umani e lo sviluppo in un approccio antropocentrico, salvaguardando i diritti dei più vulnerabili e ripartendo ostacoli e benefici dei cambiamenti climatici in modo equo e giusto”. Tradurre queste aspirazioni in raccomandazioni concrete richiede che le azioni siano saldamente collegate agli sviluppi della scienza del clima e anche allo status reale delle politiche internazionali per il clima.

Secondo il report occorre quindi riformare il sistema legale per adattarsi e proteggere adeguatamente queste popolazioni, con una vera e propria riforma finalizzata a creare strutture legali per la giustizia climatica: una riforma descritta in 50 “raccomandazioni”. Tra le principali, innanzitutto il riconoscimento legale di un nuovo diritto umano universale: quello di vivere in un ambiente sicuro, pulito, salubre e sostenibile.

Si prescrive anche la creazione di una nuova struttura internazionale per la risoluzione delle questioni climatiche, tra cui una nuova Corte Internazionale sull’Ambiente, con collocazione temporanea presso la Corte dell’Aia. Per quando riguarda le negoziazioni internazionali sui cambiamenti climatici, si consiglia l’utilizzo di un “carbon budget” per determinare quanto gli Stati dovrebbero ridurre le emissioni di CO2 e degli altri gas serra.

La riforma dovrebbe tenere in debito conto anche le aziende e il commercio: a livello internazionale anche un’adeguata strutturazione delle regole del WTO dovrebbero contribuire alla lotta al riscaldamento globale, consentendo bilanciamenti e sussidi. Le aziende dovrebbero essere responsabilizzate, implementando azioni per la diffusione di informazioni e reporting sull’impatto delle loro attività imprenditoriali.

“L’importanza del report è proprio il passaggio dalla comprensione del problema all’azione. La Task Force IBA delinea una strada per tradurre la giustizia climatica in termini legali, con una serie di proposte guidate dal consenso scientifico e poste nella realtà della politica climatica internazionale, con l’urgenza di un impatto sugli individui e le comunità”.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende