Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Governo M5S-Lega: le prospettive del cambiamento di passo sulla green economy:

Governo M5S-Lega: le prospettive del cambiamento di passo sulla green economy

Venerdì 1 giugno, dopo quasi tre mesi di travaglio e un’inedita interferenza del Presidente della Repubblica – che ha rischiato di far saltare tutto – si è insediato ufficialmente il nuovo governo, espressione della maggioranza M5S-Lega emersa dalle ultime elezioni politiche e suggellata dal “contratto“ di programma raggiunto nella seconda metà di maggio.

L’esecutivo guidato dal Prof. Giuseppe Conte, al di là dell’evidente novità di portare per la prima volta al governo del Paese una forza, come il M5S, che ha da sempre l’ambiente come una delle proprie “stelle”, insieme alla Lega – più sensibile alle esigenze delle PMI, dei professionisti, degli artigiani e degli agricoltori, piuttosto che della grande industria - lascia ben sperare su un’accelerazione della “green economy”, a cui è dedicato esplicitamente un capitolo del Contratto.

Il riconoscimento stesso – nero su bianco – da parte di un esecutivo che gode di un’ampia maggioranza in Parlamento, che ci sia bisogno “di portare la questione ecologica al centro della politica” e che uno dei compiti del “Governo del Cambiamento” sia quello di “sostenere la green economy” è già un buon punto di partenza, tanto più se si tiene conto dell’ormai totale irrilevanza dei Verdi sulla scena politica nazionale e di altri tentativi velleitari e pasticciati degli ultimi anni, come quello di “Green Italia” (in cui avevamo creduto), due realtà che, nei fatti, non hanno mai saputo distaccarsi dalla sinistra e dal Pd, con l’esito che conosciamo.

Se la destra ai tempi dell’egemonia di Forza Italia non ha mai mostrato interesse ai temi ambientali (non ne ha mai capito le potenzialità economiche), la sinistra ha fatto ben peggio: ha voluto “marchiarli” come di propria competenza per poi relegarli in un cassetto o stravolgerli con operazioni di facciata che di “ecologico” avevano solo il nome del provvedimento. Basti pensare alle posizioni di Renzi e Galletti in occasione del “referendum sulle trivelle“.

Al M5S va riconosciuto il merito di aver traghettato l’ambiente al di là della destra e della sinistra, come dovrebbe essere ormai naturale nel 2018. Alla green economy non serve infatti ideologia, serve concretezza, serve il riconoscimento dell’improrogabilità delle scelte dettate dai pericoli dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici, serve la comprensione del fatto che l’economia verde, se ben impostata, genera opportunità (economiche e occupazionali) e non solo costi.

Questi principi vanno ora vanno incarnati in un’azione di governo, senza aspettare Godot… E sapere che a capo del Ministero dell’Ambiente siede ora Sergio Costa, un generale dei Carabinieri Forestali che ha combattuto contro il degrado della “Terra dei Fuochi” e che “dopo una vita trascorsa a denunciare problemi” ha dichiarato di aver intenzione di “portare soluzioni“, favorisce un certo ottimismo.

Costa ha fatto sapere di voler lavorare per ridare “centralità” al Ministero dell’Ambiente, grazie anche alla sinergia con le associazioni del territorio, i comitati e le imprese più sane. Sicuramente ha le competenze e la determinazione per poter riuscire nella missione, anche se la malafede di qualcuno, gli interessi in ballo e il rischio di un’opposizione pretestuosa da parte di chi deve recuperare, ad ogni costo, un ruolo che ha perso con le proprie mani, non gli renderanno la vita facile.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende