Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Governo M5S-Lega: le prospettive del cambiamento di passo sulla green economy:

Governo M5S-Lega: le prospettive del cambiamento di passo sulla green economy

Venerdì 1 giugno, dopo quasi tre mesi di travaglio e un’inedita interferenza del Presidente della Repubblica – che ha rischiato di far saltare tutto – si è insediato ufficialmente il nuovo governo, espressione della maggioranza M5S-Lega emersa dalle ultime elezioni politiche e suggellata dal “contratto“ di programma raggiunto nella seconda metà di maggio.

L’esecutivo guidato dal Prof. Giuseppe Conte, al di là dell’evidente novità di portare per la prima volta al governo del Paese una forza, come il M5S, che ha da sempre l’ambiente come una delle proprie “stelle”, insieme alla Lega – più sensibile alle esigenze delle PMI, dei professionisti, degli artigiani e degli agricoltori, piuttosto che della grande industria - lascia ben sperare su un’accelerazione della “green economy”, a cui è dedicato esplicitamente un capitolo del Contratto.

Il riconoscimento stesso – nero su bianco – da parte di un esecutivo che gode di un’ampia maggioranza in Parlamento, che ci sia bisogno “di portare la questione ecologica al centro della politica” e che uno dei compiti del “Governo del Cambiamento” sia quello di “sostenere la green economy” è già un buon punto di partenza, tanto più se si tiene conto dell’ormai totale irrilevanza dei Verdi sulla scena politica nazionale e di altri tentativi velleitari e pasticciati degli ultimi anni, come quello di “Green Italia” (in cui avevamo creduto), due realtà che, nei fatti, non hanno mai saputo distaccarsi dalla sinistra e dal Pd, con l’esito che conosciamo.

Se la destra ai tempi dell’egemonia di Forza Italia non ha mai mostrato interesse ai temi ambientali (non ne ha mai capito le potenzialità economiche), la sinistra ha fatto ben peggio: ha voluto “marchiarli” come di propria competenza per poi relegarli in un cassetto o stravolgerli con operazioni di facciata che di “ecologico” avevano solo il nome del provvedimento. Basti pensare alle posizioni di Renzi e Galletti in occasione del “referendum sulle trivelle“.

Al M5S va riconosciuto il merito di aver traghettato l’ambiente al di là della destra e della sinistra, come dovrebbe essere ormai naturale nel 2018. Alla green economy non serve infatti ideologia, serve concretezza, serve il riconoscimento dell’improrogabilità delle scelte dettate dai pericoli dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici, serve la comprensione del fatto che l’economia verde, se ben impostata, genera opportunità (economiche e occupazionali) e non solo costi.

Questi principi vanno ora vanno incarnati in un’azione di governo, senza aspettare Godot… E sapere che a capo del Ministero dell’Ambiente siede ora Sergio Costa, un generale dei Carabinieri Forestali che ha combattuto contro il degrado della “Terra dei Fuochi” e che “dopo una vita trascorsa a denunciare problemi” ha dichiarato di aver intenzione di “portare soluzioni“, favorisce un certo ottimismo.

Costa ha fatto sapere di voler lavorare per ridare “centralità” al Ministero dell’Ambiente, grazie anche alla sinergia con le associazioni del territorio, i comitati e le imprese più sane. Sicuramente ha le competenze e la determinazione per poter riuscire nella missione, anche se la malafede di qualcuno, gli interessi in ballo e il rischio di un’opposizione pretestuosa da parte di chi deve recuperare, ad ogni costo, un ruolo che ha perso con le proprie mani, non gli renderanno la vita facile.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende