Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » I “giaguari” latinoamericani nella corsa alla green economy:

I “giaguari” latinoamericani nella corsa alla green economy

Possono i “giaguari” sudamericani competere economicamente con le “tigri” asiatiche? A quanto pare, la risposta è affermativa. Anche i Paesi dell’America Latina, alla pari dei Paesi emergenti asiatici, stanno vivendo un periodo di sviluppo economico tale, da attrarre innumerevoli investimenti stranieri, compresi quelli europei. Il settore maggiormente in crescita? Quello ecologico e legato alla Green Economy.

Questo è quanto emerge dal rapporto relativo al policy Summit riguardante le relazioni tra l’Unione Europea e l’America Latina, organizzato a Bruxelles, all’interno del Programma Al-Invest IV, dal think tank Friends of Europe e da Eurochambres. Il Summit è ruotato intorno alle nuove opportunità di business che le imprese europee possono trovare nel crescente mercato latinoamericano, nonché, specularmente, alla possibilità, per gli imprenditori dell’America Latina, di usufruire delle opportunità offerte dal mercato europeo.

L’Europa ha concluso recentemente numerosi accordi commerciali con i Paesi dell’America Latina e sta lavorando intensamente sul fronte Mercosur. Per migliorare i rapporti commerciali, l’obiettivo da parte dei due blocchi è infatti lo sviluppo di accordi commerciali di libero scambio. Ma perchè questo processo trovi una concreta realizzazione è necessario costruire un settore solido e dinamico relativo al mondo delle Piccole e Medie Imprese (PMI) latinoamericane, che abbiano la capacità di operare nel settore emergente della green economy.

Nel corso del Summit, Patricia Espinosa Cantellano, ministro degli esteri messicano, ha sottolineato che la chiave per il successo economico della regione è la crescita eco-sostenibile. “Il tempo della crescita economica che non considera l’ambiente è passato, dice il ministro, oggi si può agire solo in termini di sviluppo sostenibile. Dunque, mentre le compagnie che non adottano principi sostenibili sono destinate a non sopravvivere nel futuro, è compito dei governi promuovere le iniziative ambientali, stimolare l’innovazione e accrescere la competizione”.

I Paesi dell’America Latina hanno quindi ben chiara la necessità di adeguare la loro crescita economica alle necessità del mercato globale, che è sempre più attento alle ricadute ambientali e all’efficienza delle risorse. Il ministro degli esteri messicano, sostiene infatti che, nonostante il parziale successo di Cancun, questo non sia comunque sufficiente per affrontare e risolvere le enormi sfide ambientali, ma sia necessario uno sviluppo economico trasparente per completare la transizione verso una società ed una economia sostenibili. In questa prospettiva, quali sono dunque le azioni concrete?

Cantellano è consapevole che lo sviluppo sostenibile si possa raggiungere solo tramite l‘innovazione tecnologica. Se l’innovazione è la chiave per per aprire nuove opportunità di sviluppo per le imprese, diventa indispensabile per i Paesi latinoamericani la collaborazione e lo scambio di know-how tecnologico con i Paesi europei. Molte sono dunque le opportunità di investimento che si aprono per le aziende europee nelle emergenti economie dell’America Latina, che stanno attuando nuove politiche macroeconomiche, industriali e sociali per stimolare l’innovazione, la diversità e la competizione. Il governo messicano ha ad esempio stanziato 7,2 miliardi di dollari nel periodo 2010-2012 per contrastare le emissioni di CO2. Il Messico promuove inoltre politiche di prevenzione della deforestazione, scoraggiando gli agricoltori a tagliare le foreste per aumentare la superficie dei terreni coltivabili. Attraverso queste azioni il Paese è riuscito negli ultimi anni a ridurre le proprie emissioni del 40%. Per quanto riguarda le energie rinnovabili, i soli privati del paese hanno investito circa 5 miliardi di dollari in questo settore, che riserva importanti opportunità di investimenti stranieri. Secondo le previsioni il Messico entro il 2030 raddoppierà infatti il proprio fabbisogno di energia, che dovrà essere coperto in maniera prioritaria da fonti rinnovabili.

Un caso, quello del Messico, che rispecchia l’intera realtà latinoamericana. Anche per questo la prossima Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile si terrà, nel giugno 2012, a Rio de Janeiro, in Brasile.

 

 

 

 

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende