Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » I grandi tornano all’ovile di Copenhagen:

I grandi tornano all’ovile di Copenhagen

Courtesy of Sergiobontempelli.comSi erano quasi perse le speranze per un buon esito della Conferenza Onu sul clima di Copenhagen. L’obiettivo di raggiungere un accordo globale sul taglio delle emissioni di gas serra che portasse ad un superamento, nel 2012, del Protocollo di Kyoto sembrava ridursi ad un mero impegno unilaterale dell’Ue rispetto al resto del mondo industrializzato. Quando, a due settimane dal vertice sono invece arrivate buone notizie.

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato ieri che si recherà il 9 dicembre a Copenhagen portando con sé una proposta di riduzione dei gas serra, da parte degli Stati Uniti, “intorno al 17%” entro il 2020 (rispetto al 2005), in linea con la legge finale sull’energia e sul clima approvata dalla Camera dei Rappresentanti nell’estate scorsa.  La decisione deriverebbe principalmente dai buoni esiti dei colloqui con i leader di Cina e India. Nel documento si ricorda anche l’obiettivo finale che punterebbe ad una riduzione delle emissioni statunitensi dell’85% (sempre rispetto al 2005) entro il 2050, con le annesse tappe intermedie del 30% entro il 2025 e del 42% entro il 2030. Il dibattito continua, comunque, in Senato dove si tenta ancora una riduzione del 20% entro il 2020, ovvero quanto richiesto dalla Comunità internazionale. L’impegno di Obama, tuttavia, non riguarderà i cosiddetti “negoziati dell’ultimo minuto” (ai quali il Presidente non prenderà parte)  che si svolgeranno in chiusura del Vertice.

Intanto, sullo scacchiere internazionale gli stati muovono le ultime pedine.

Si tiene oggi a Manaus il Vertice dei capi di Stato dei Paesi Amazzonici. Tra gli altri, sono presenti  Brasile, Venezuela e Colombia con Lula, Chavez e Uribe, oltre a Nicolas Sarkozy in rappresentanza della Guyana Francese, con l’obiettivo di giungere ad una posizione comune in vista di Copenhagen. Il presidente Brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, non nascondendo l’ambizione di diventare portavoce dei paesi amazzonici,  ha dichiarato: “Credo che tutti i Paesi, specialmente i più ricchi, debbano contribuire a far sì che dal vertice in Danimarca escano risultati chiari ed ambiziosi”. Il Brasile, considerato il quarto inquinatore mondiale, ha dunque  annunciato un taglio del 40% delle emissioni al 2020 e un forte impegno nella lotta alla deforestazione, provvedimento che lo stesso Lula non ha esitato a definire “Bibbia Climatica”.

Dall’altra parte del mondo la Russia segue a ruota con un taglio delle emissioni intorno al 25%. Differente e non allineata, invece, la posizione di Sudafica, Messico e Corea del Sud che, non volendo compromettere il processo di sviluppo in corso, propongono riduzioni di CO2 “pro-capite”, ovvero in rapporto alla popolazione. Quest’ultima ipotesi, però, sembra non piacere ai paesi industrializzati, soprattutto Cina e Stati Uniti, che risulterebbero pesantemente penalizzate.

In Italia, il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha annunciato, nel corso di un’audizione in Commissione Ambiente alla Camera, che il Presidente Silvio Berlusconi prenderà parte al Vertice, nonostante nei giorni scorsi la sua posizione fosse sembrata incerta, in controtendenza rispetto al resto dell’Unione Europea. Il Ministro Prestigiacomo si dice “molto fiduciosa”, ma conferma l’intenzione italiana di non sottoscrivere alcun “Kyoto 2”, ovvero un accordo che veda alcuni paesi vincolati legalmente e altri solo politicamente.

L’Unione Europea, che pochi giorni fa aveva voluto ribadire l’importanza di arrivare ad un accordo “vincolante, comprensivo ed ambizioso”, reagisce con entusiasmo al rinato interesse verso Copenhagen. Il Presidente della Commissione Europea Barroso ha ribadito infatti l’importanza della presenza dei “grandi” (e non solo), commentando l’annuncio della Casa Bianca: “Ho detto più volte che abbiamo bisogno della presenza di più leader possibili. Spero che molti altri annuncino presto la loro presenza a Copenhagen”. E Andreas Carlgren, Ministro per l’Ambiente della Svezia, paese Presidente di turno della UE, ha aggiunto: “Il problema dei cambiamenti climatici attende risposte oramai da troppo tempo. E’ arrivato il momento per un accordo ambizioso. Dobbiamo essere chiari: un accordo può stare in piedi o cadere, dipende dalla volontà di Stati Uniti e Cina che dovranno mettere un’offerta concreta sul tavolo“.

Anche le organizzazioni non governative sembrano soddisfatte e accantonano per il momento le proteste. “Siamo felici che il Presidente degli Stati Uniti Obama abbia deciso di partecipare al Summit sul Clima di Copenaghen. E’ importante che le parole che verranno pronunciate durante le trattative trasmettano la volontà Usa di far sì che il clima sia una priorità per l’America” ha dichiarato in una nota il WWF auspicando un ripensamento del Presidente degli Stati Uniti circa la propria partecipazione alle fasi finali del vertice – qualora si rendesse indispensabile.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende