Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » I grandi tornano all’ovile di Copenhagen:

I grandi tornano all’ovile di Copenhagen

Courtesy of Sergiobontempelli.comSi erano quasi perse le speranze per un buon esito della Conferenza Onu sul clima di Copenhagen. L’obiettivo di raggiungere un accordo globale sul taglio delle emissioni di gas serra che portasse ad un superamento, nel 2012, del Protocollo di Kyoto sembrava ridursi ad un mero impegno unilaterale dell’Ue rispetto al resto del mondo industrializzato. Quando, a due settimane dal vertice sono invece arrivate buone notizie.

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato ieri che si recherà il 9 dicembre a Copenhagen portando con sé una proposta di riduzione dei gas serra, da parte degli Stati Uniti, “intorno al 17%” entro il 2020 (rispetto al 2005), in linea con la legge finale sull’energia e sul clima approvata dalla Camera dei Rappresentanti nell’estate scorsa.  La decisione deriverebbe principalmente dai buoni esiti dei colloqui con i leader di Cina e India. Nel documento si ricorda anche l’obiettivo finale che punterebbe ad una riduzione delle emissioni statunitensi dell’85% (sempre rispetto al 2005) entro il 2050, con le annesse tappe intermedie del 30% entro il 2025 e del 42% entro il 2030. Il dibattito continua, comunque, in Senato dove si tenta ancora una riduzione del 20% entro il 2020, ovvero quanto richiesto dalla Comunità internazionale. L’impegno di Obama, tuttavia, non riguarderà i cosiddetti “negoziati dell’ultimo minuto” (ai quali il Presidente non prenderà parte)  che si svolgeranno in chiusura del Vertice.

Intanto, sullo scacchiere internazionale gli stati muovono le ultime pedine.

Si tiene oggi a Manaus il Vertice dei capi di Stato dei Paesi Amazzonici. Tra gli altri, sono presenti  Brasile, Venezuela e Colombia con Lula, Chavez e Uribe, oltre a Nicolas Sarkozy in rappresentanza della Guyana Francese, con l’obiettivo di giungere ad una posizione comune in vista di Copenhagen. Il presidente Brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, non nascondendo l’ambizione di diventare portavoce dei paesi amazzonici,  ha dichiarato: “Credo che tutti i Paesi, specialmente i più ricchi, debbano contribuire a far sì che dal vertice in Danimarca escano risultati chiari ed ambiziosi”. Il Brasile, considerato il quarto inquinatore mondiale, ha dunque  annunciato un taglio del 40% delle emissioni al 2020 e un forte impegno nella lotta alla deforestazione, provvedimento che lo stesso Lula non ha esitato a definire “Bibbia Climatica”.

Dall’altra parte del mondo la Russia segue a ruota con un taglio delle emissioni intorno al 25%. Differente e non allineata, invece, la posizione di Sudafica, Messico e Corea del Sud che, non volendo compromettere il processo di sviluppo in corso, propongono riduzioni di CO2 “pro-capite”, ovvero in rapporto alla popolazione. Quest’ultima ipotesi, però, sembra non piacere ai paesi industrializzati, soprattutto Cina e Stati Uniti, che risulterebbero pesantemente penalizzate.

In Italia, il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha annunciato, nel corso di un’audizione in Commissione Ambiente alla Camera, che il Presidente Silvio Berlusconi prenderà parte al Vertice, nonostante nei giorni scorsi la sua posizione fosse sembrata incerta, in controtendenza rispetto al resto dell’Unione Europea. Il Ministro Prestigiacomo si dice “molto fiduciosa”, ma conferma l’intenzione italiana di non sottoscrivere alcun “Kyoto 2”, ovvero un accordo che veda alcuni paesi vincolati legalmente e altri solo politicamente.

L’Unione Europea, che pochi giorni fa aveva voluto ribadire l’importanza di arrivare ad un accordo “vincolante, comprensivo ed ambizioso”, reagisce con entusiasmo al rinato interesse verso Copenhagen. Il Presidente della Commissione Europea Barroso ha ribadito infatti l’importanza della presenza dei “grandi” (e non solo), commentando l’annuncio della Casa Bianca: “Ho detto più volte che abbiamo bisogno della presenza di più leader possibili. Spero che molti altri annuncino presto la loro presenza a Copenhagen”. E Andreas Carlgren, Ministro per l’Ambiente della Svezia, paese Presidente di turno della UE, ha aggiunto: “Il problema dei cambiamenti climatici attende risposte oramai da troppo tempo. E’ arrivato il momento per un accordo ambizioso. Dobbiamo essere chiari: un accordo può stare in piedi o cadere, dipende dalla volontà di Stati Uniti e Cina che dovranno mettere un’offerta concreta sul tavolo“.

Anche le organizzazioni non governative sembrano soddisfatte e accantonano per il momento le proteste. “Siamo felici che il Presidente degli Stati Uniti Obama abbia deciso di partecipare al Summit sul Clima di Copenaghen. E’ importante che le parole che verranno pronunciate durante le trattative trasmettano la volontà Usa di far sì che il clima sia una priorità per l’America” ha dichiarato in una nota il WWF auspicando un ripensamento del Presidente degli Stati Uniti circa la propria partecipazione alle fasi finali del vertice – qualora si rendesse indispensabile.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende