Home » Nazionali »Politiche » Il “giovane turco” Orlando all’Ambiente. Chi è e cosa potrebbe fare il nuovo ministro:

Il “giovane turco” Orlando all’Ambiente. Chi è e cosa potrebbe fare il nuovo ministro

aprile 29, 2013 Nazionali, Politiche

Quarantaquattro anni, spezzino, diploma di liceo scientifico, Andrea Orlando – neo-ministro all’Ambiente del governo Letta che stasera dovrebbe incassare la fiducia della Camera – ha due legislature alle spalle (la XV: 2006-2008 e la XVI: 2008-2013), ed è stato candidato alla Camera come capolista della lista Pd nella circoscrizione Liguria, alle elezioni politiche del 2013.

Membro della Commissione Bilancio, della Commissione Giustizia e della Commissione d’inchiesta sulla mafia, Orlando ha una storia politica tutta interna al partito: prima Pci, poi Pds, dunque Ds e, infine, Pd. Una storia che parte dal Consiglio comunale di La Spezia e, nel 2003, lo fa entrare nella direzione nazionale del Pd, chiamato da Piero Fassino, fino a diventare portavoce nazionale dei democratici nel 2008, incaricato da Veltroni, e per volontà di Bersani presidente del Forum Giustizia del partito, nel 2009 e commissario del Pd di Napoli, nel 2011.

Orlando fa parte di quella nutrita schiera di giovani amministratori e dirigenti del Pd, uniti nell’associazione “Rifare l’Italia“, con posizioni socialdemocratiche e di (ex?) fede bersaniana: giornalisticamente conosciuti come “giovani turchi”. Insieme a Stefano Fassina, responsabile Economia del partito e Matteo Orfini alla Cultura, Orlando condivide l’età anagrafica ma – come dichiarava lui stesso in un’intervista a La Repubblica – soprattutto l’idea della “politica come azione collettiva”: “Ci lega un punto di vista, molto più che un perimetro anagrafico. L’idea che oggi tocchi alla generazione politica che qui è raccolta avere il coraggio della concretezza, il coraggio di assumersi la responsabilità di una proposta di cambiamento […] E questo significa pensare nuove categorie, per dare significato a parole come rappresentanza, cittadinanza, mobilità sociale” (La Repubblica, 2 gennaio 2013).

Parole che rappresentano anche i temi prioritari, se non esclusivi – insieme a quelli relativi alla riforma della giustizia – dell’impegno politico del neo-ministro, e attorno a cui ruotano tutti i suoi interventi pubblici, consultabili in Rete (interessante l’intervento a La Spezia del 14 aprile 2013, riproposto oggi da Greenews.info come Video del Giorno).

La stessa attività legislativa di Orlando, quasi completamente spesa in materia giudiziaria, vede tra le proposte di legge presentate come primo firmatario, una sola avente per oggetto temi ambientali: si tratta dell’atto n.3417,Disposizioni concernenti la sistemazione e la manutenzione dei corsi d’acqua nelle province colpite da eventi meteorologici calamitosi nei mesi di dicembre 2009 e gennaio 2010″ (presentata il 21 aprile 2010, in seguito alle piogge torrenziali che provocarono frane ed esondazioni in Liguria). E proprio la lotta al consumo di suolo e al dissesto idrogeologico è stato il tema di ripetute sollecitazioni rivolte da Orlando al governo Berlusconi per l’erogazione di fondi da destinare agli enti locali volti alla messa in sicurezza del territorio ligure flagellato, annualmente, da alluvioni e inondazioni.

Orlando è innanzi tutto, dunque, un dirigente del Partito Democratico: in quanto tale, ad esempio, condivide l’impostazione del partito rispetto al grande nodo dell’Alta Velocità – “una infrastruttura fondamentale per la modernizzazione del Paese e per la realizzazione di una rete di trasporti” – certo, tale constatazione non fa di lui, necessariamente, un politico disattento alle cruciali questioni della protezione dell’ambiente o poco sensibile a quelle dello sviluppo sostenibile. È vero però che la partita fondamentale che questo governo, di cui Orlando fa parte, sembra inclinato a giocare, è, soprattutto, in campo sociale ed economico. E il rischio è che la scommessa ambientale, cruciale al pari delle prime due, in assenza di una sensibilità attenta alla spinta della green economy e al contrasto dei cambiamenti climatici, possa risultare indebolita. Le competenze maturate da Orlando nella Commissione parlamentare sulla mafia potrebbero, invece, tornare utili nella lotta alle mafie ambientali mentre l’origine spezzina del nuovo ministro e l’attenzione da lui rivolta, negli anni, ai temi del dissesto idrogeologico, potrebbero rafforzare l’attenzione della politica in quella direzione.

Al netto di tutte queste considerazioni, già il suo stesso incarico è figlio di una buona notizia: è stato infatti sventato il progetto (suggerito a suo tempo anche da Bersani) di accorpare il Ministero dell’Ambiente a quello dello Sviluppo Economico o delle Infrastrutture – idea che aveva fatto tremare gli ambientalisti italiani.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende