Home » Nazionali »Politiche » Il “giovane turco” Orlando all’Ambiente. Chi è e cosa potrebbe fare il nuovo ministro:

Il “giovane turco” Orlando all’Ambiente. Chi è e cosa potrebbe fare il nuovo ministro

aprile 29, 2013 Nazionali, Politiche

Quarantaquattro anni, spezzino, diploma di liceo scientifico, Andrea Orlando – neo-ministro all’Ambiente del governo Letta che stasera dovrebbe incassare la fiducia della Camera – ha due legislature alle spalle (la XV: 2006-2008 e la XVI: 2008-2013), ed è stato candidato alla Camera come capolista della lista Pd nella circoscrizione Liguria, alle elezioni politiche del 2013.

Membro della Commissione Bilancio, della Commissione Giustizia e della Commissione d’inchiesta sulla mafia, Orlando ha una storia politica tutta interna al partito: prima Pci, poi Pds, dunque Ds e, infine, Pd. Una storia che parte dal Consiglio comunale di La Spezia e, nel 2003, lo fa entrare nella direzione nazionale del Pd, chiamato da Piero Fassino, fino a diventare portavoce nazionale dei democratici nel 2008, incaricato da Veltroni, e per volontà di Bersani presidente del Forum Giustizia del partito, nel 2009 e commissario del Pd di Napoli, nel 2011.

Orlando fa parte di quella nutrita schiera di giovani amministratori e dirigenti del Pd, uniti nell’associazione “Rifare l’Italia“, con posizioni socialdemocratiche e di (ex?) fede bersaniana: giornalisticamente conosciuti come “giovani turchi”. Insieme a Stefano Fassina, responsabile Economia del partito e Matteo Orfini alla Cultura, Orlando condivide l’età anagrafica ma – come dichiarava lui stesso in un’intervista a La Repubblica – soprattutto l’idea della “politica come azione collettiva”: “Ci lega un punto di vista, molto più che un perimetro anagrafico. L’idea che oggi tocchi alla generazione politica che qui è raccolta avere il coraggio della concretezza, il coraggio di assumersi la responsabilità di una proposta di cambiamento […] E questo significa pensare nuove categorie, per dare significato a parole come rappresentanza, cittadinanza, mobilità sociale” (La Repubblica, 2 gennaio 2013).

Parole che rappresentano anche i temi prioritari, se non esclusivi – insieme a quelli relativi alla riforma della giustizia – dell’impegno politico del neo-ministro, e attorno a cui ruotano tutti i suoi interventi pubblici, consultabili in Rete (interessante l’intervento a La Spezia del 14 aprile 2013, riproposto oggi da Greenews.info come Video del Giorno).

La stessa attività legislativa di Orlando, quasi completamente spesa in materia giudiziaria, vede tra le proposte di legge presentate come primo firmatario, una sola avente per oggetto temi ambientali: si tratta dell’atto n.3417,Disposizioni concernenti la sistemazione e la manutenzione dei corsi d’acqua nelle province colpite da eventi meteorologici calamitosi nei mesi di dicembre 2009 e gennaio 2010″ (presentata il 21 aprile 2010, in seguito alle piogge torrenziali che provocarono frane ed esondazioni in Liguria). E proprio la lotta al consumo di suolo e al dissesto idrogeologico è stato il tema di ripetute sollecitazioni rivolte da Orlando al governo Berlusconi per l’erogazione di fondi da destinare agli enti locali volti alla messa in sicurezza del territorio ligure flagellato, annualmente, da alluvioni e inondazioni.

Orlando è innanzi tutto, dunque, un dirigente del Partito Democratico: in quanto tale, ad esempio, condivide l’impostazione del partito rispetto al grande nodo dell’Alta Velocità – “una infrastruttura fondamentale per la modernizzazione del Paese e per la realizzazione di una rete di trasporti” – certo, tale constatazione non fa di lui, necessariamente, un politico disattento alle cruciali questioni della protezione dell’ambiente o poco sensibile a quelle dello sviluppo sostenibile. È vero però che la partita fondamentale che questo governo, di cui Orlando fa parte, sembra inclinato a giocare, è, soprattutto, in campo sociale ed economico. E il rischio è che la scommessa ambientale, cruciale al pari delle prime due, in assenza di una sensibilità attenta alla spinta della green economy e al contrasto dei cambiamenti climatici, possa risultare indebolita. Le competenze maturate da Orlando nella Commissione parlamentare sulla mafia potrebbero, invece, tornare utili nella lotta alle mafie ambientali mentre l’origine spezzina del nuovo ministro e l’attenzione da lui rivolta, negli anni, ai temi del dissesto idrogeologico, potrebbero rafforzare l’attenzione della politica in quella direzione.

Al netto di tutte queste considerazioni, già il suo stesso incarico è figlio di una buona notizia: è stato infatti sventato il progetto (suggerito a suo tempo anche da Bersani) di accorpare il Ministero dell’Ambiente a quello dello Sviluppo Economico o delle Infrastrutture – idea che aveva fatto tremare gli ambientalisti italiani.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende