Home » Nazionali »Politiche » La nuova Strategia energetica nazionale: passi avanti e perplessità:

La nuova Strategia energetica nazionale: passi avanti e perplessità

ottobre 19, 2012 Nazionali, Politiche

Il giudizio sulla nuova strategia elettrica nazionale, presentata dal governo martedì, non può che essere positivo: se però da un lato resta qualche dubbio sulla sua effettiva applicabilità, dall’altra lascia immaginare importanti sviluppi per la green economy in settori diversi da quello strettamente energetico.

Il dato di fondo di questo piano, che arriva a venti anni dall’ultimo, è che assume come linea guida, come principi ispiratori, il “green thinking” e mette nero su bianco che gli obiettivi cardine per il nostro paese fino al 2020 sono «riduzione dei costi energetici, pieno raggiungimento e superamento di tutti gli obiettivi europei in materia ambientale, maggiore sicurezza di approvvigionamento e sviluppo industriale del settore energia». E potrà sembrare scontato, ma questa strategia dice anche chiaramente che il raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico e di tutela ambientale sono anche un volano per lo sviluppo e saranno «accompagnati da benefici in termini di crescita economica ed occupazione».

Alcune delle proposte concrete contenute nel documento ci paiono particolarmente convincenti, come il rafforzamento delle norme e degli standard sull’efficenza energetica per edilizia e trasporti (provvedimento a costo zero per il governo), come l’estensione delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edili votate al risparmio energetico, o la possibilità per le pubbliche amministrazioni di accedere a forme di credito agevolato per interventi su questi temi. Sono altrettanto utili gli incentivi a scalare per lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili con l’obiettivo arrivare al 36-38% dei consumi finali nel settore elettrico nel 2020, ben sopra gli standard minimi posti dall’Europa con il piano 20-20-20. Così come sono apprezzabili gli investimenti proposti per ammodernare la rete elettrica, per agganciare l’Italia ai mercati internazionali del gas e per di cancellare quel gap di costi in termini di approvvigionamento che pesa sulla competitività delle imprese.

Detto questo, le perplessità principali riguardano l’attuazione di questa strategia. Il documento presentato infatti sarà sottoposto, fino al 30 novembre, a un ampio giro di consultazioni, sia via internet (sul sito web del Ministero dello Sviluppo Economico) con la possibilità di inviare osservazioni e commenti, sia con le principali Istituzioni interessate (in particolare le Commissioni Parlamentari competenti), con le parti sociali e le associazioni di categoria. Siamo curiosi di vedere quanto il piano uscirà modificato, migliorato o snaturato, da questo doverso percorso di consultazione. Un certo scetticismo riguarda anche l’effettiva capacità, da parte di un governo che resterà in carica ancora pochi mesi, di procedere all’implementazione delle linee guida proposte: che cosa succederà se l’esecutivo che uscirà a aprile dalle urne dovesse optare per soluzioni differenti? Come si garantisce che gli impegni di spesa e l’allocazione di risorse previste siano mantenute?

Infine, ci auguriamo che questo green thinking non rimanga applicato unicamente alle politiche settoriali dell’energia ma diventi una prassi consolidata e un set di valori guida dell’agire di governo. Faccio in proposito due esempi e due proposte. Pochi giorni fa, il governo ha varato la legge di stabilità nella quale, accanto a numerosi tagli e tasse, vengono stanziati 1,6 miliardi di euro per migliorare la produttività: perché accanto alla detassazione del salario di secondo livello non vengono concessi sgravi fiscali maggiori a chi investe nella green economy? Oltre a questo, sono dei sempre più numerosi i tavoli di crisi aperti al ministero dello Sviluppo economico: perché non immaginare una riconversione green per le aziende che rischiano la chiusura?

Come il piano energetico dimostra, il rispetto e la tutela dell’ambiente possono e devono essere un volano per la crescita.

Marco Bobbio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende