Home » Nazionali »Politiche » Il (Gran) Paradiso non può attendere. Intervista a Michele Ottino:

Il (Gran) Paradiso non può attendere. Intervista a Michele Ottino

luglio 23, 2010 Nazionali, Politiche

Uno stambercco, Courtesy of PNGP.it“Nel 1919 il re Vittorio Emanuele III regalò allo Stato italiano la sua riserva di caccia tra Piemonte e Valle d’Aosta, a condizione che vi creasse un parco nazionale. Il 3 dicembre 1922 veniva istituito, primo in Italia, il Parco Nazionale del Gran Paradiso. Nel 2010, dopo ottantotto anni di protezione della natura, il Parco rischia di chiudere a causa del taglio del 50% dei finanziamenti previsto dalla manovra finanziaria in via di approvazione alla Camera”.

Si apre così il preoccupato (e preoccupante) comunicato stampa rilasciato dal Parco alla vigilia del sit-in, che presidenti e direttori dei parchi nazionali italiani hanno in programma oggi a Roma, di fronte alla sede del Ministero dell’Ambiente, per chiedere al Ministro Prestigiacomo di ripristinare un fondo che consenta di integrare le risorse che la finanziaria 2010 rischia, quasi sicuramente, di tagliare.

Ne abbiamo parlato con Michele Ottino, da 12 anni direttore dell’Ente di gestione del Gran Paradiso.

D) Anche i parchi scendono in piazza, non si rischia di cadere in una pratica molto inflazionata in Italia?

R) Vorrei poter riccorrere a pratiche più istituzionali, ma questo sembra oggi l’unico modo per attirare l’attenzione sul problema, anche perchè non c’è stato un confronto consultivo preliminare, nonostante i parchi nazionali siano in Italia solamente 22. Sappiamo che è un momento difficile dal punto di vista economico e ci aspettavamo di dover contribuire anche noi al risparmio, ma è bene ricordare che i parchi negli ultimi anni hanno già dato.

D) Cosa significa, concretamente, un taglio del 50% per il vostro parco?

R) Tenga presente che dal 2000 al 2010 i finanziamenti sono rimasti pressochè inviariati, il che significa che non si è nemmeno tenuto conto di un 2% circa di inflazione annua - che fa il 20% in dieci anni. Quest’anno, per altro, ci era già stato chiesto, preventivamente, di operare un ulteriore taglio del 10%. Se il finanziamento scende, nel nostro caso, sotto i 4,2 milioni di euro significa potersi unicamente permettere operazioni di piccolo cabotaggio e ordinaria amministrazione. Il solo costo del personale è infatti di 3,9 milioni. Fino ad oggi abbiamo sempre cercato di trovare risorse aggiuntive per la progettualità, attraverso finanziamenti europei, regionali e sponsorizzazioni private. Se ora si arriva ad un taglio generalizzato del 50% nei trasferimenti dai ministeri questo può voler dire che alcune aree protette saranno chiuse e i fondi ceduti ad altre, oppure che tutte dovranno operare un taglio del 50%. In questo secondo caso non saremmo nemmeno in grado di pagare il personale - in gran parte a tempo indeterminato - con coseguenti ricorsi, spese legali e pignoramenti.

D) Avete delle speranze che la legge possa ancora essere cambiata?

R) Non credo che la finanziaria sarà cambiata. Si può solo sperare che i finanziamenti ministeriali tagliati (per punire forse altri enti pubblici inutili, ma non i parchi) vengano ripristinati attraverso nuovi decreti. Purtroppo i tagli “orizzontali” puniscono tutti e non premiano nessuno e in genere viene maggiormente danneggiato chi meglio ha operato. Penso ai tagli operati dai vari Governi alle spese di rappresentanza: chi, come noi, spendeva cifre dell’ordine dei 2.000 euro all’anno si è trovato con 400 euro all’anno (non potremmo nemmeno offrire un panino ai presenti, se venisse il ministro in visita!), mentre chi spendeva e spandeva grandi cifre può ancora oggi contare su un budget significativo. E’ il caso anche delle “auto blu“, un termine generico con il quale si fa del facile populismo, ma che sono, nella realtà, altra cosa dalle necessarie auto di servizio, che anni fa i parchi hanno già tagliato, mentre molti altri enti pubblici no. Noi, prima ancora della riforma Brunetta, abbiamo iniziato a redigere dei report, consultabili pubblicamente, con attività, obiettivi e risultati.

D) Prima ha fatto accenno a sponsorizzazioni da parte dei privati. Ultimamente le aziende, soprattutto del settore automobilistico, pubblicizzano molto il rispetto dell’ambiente come valore fondamentale. Mai nessuno vi ha offerto un piccolo parco macchine o altri aiuti sotto forma di sponsorizzazione?

R) Per quanto riguarda le case automobilistiche mai. Abbiamo ricevuto un finanziamento significativo da parte della Bayer, per un progetto di “decoder” elettronico sotto cute da applicare alla fauna selvatica, già testato sugli animali domestici. Siamo assolutamente aperti al dialogo con i privati e le imprese, purché le proposte avanzate rispettino la missione del parco.

D) Il Parco del Gran Paradiso, oltre ad essere un “marchio” forte è anche un’attrazione turistica e un’importante risorsa economica del territorio, che si estende a cavallo di due regioni e ingloba 13 comuni. Come viene sfruttata questa potenzialità?

R) La manifestazione “A Piedi tra le Nuvole” ha richiesto una fase interlocutoria preliminare molto lunga con le comunità locali e gli enti pubblici (e un Protocollo d’Intesa in 13 versioni), per convincerli che una forma di turismo più rispettosa avrebbe portato migliori ricadute del mordi & fuggi domenicale, ma oggi, giunta alla settima edizione è un’iniziativa di buon successo che valorizza e promuove la conoscenza del territorio – non solo in senso naturalistico, ma anche culturale, sportivo ed enogastronomico. Tre anni fa abbiamo invece  istituito il “Marchio di Qualità” del Parco, che ha portato alla definizione di un regolamento condiviso sia per i prodotti alimentari e artigianali che per i servizi turistici. D’intesa con gli operatori locali, abbiamo voluto includere nei disciplinari l’impronta ecologica. Anche in questo caso c’è stata un’ottima risposta del territorio che, inizialmente ha forse un po’ faticato a comprendere  il discorso di qualità totale, ma poi se n’è fatto alfiere. Da parte nostra non c’è stata, d’altra parte, la presunzione di chiedere ai produttori tutto subito, ma è stato ammesso un percorso di tre anni per consentire un continuo miglioramento e l’adeguamento agli standard richiesti.

D) Pensa che i proventi di queste attività possano contribuire a integrare il budget del Parco?

R) Ad oggi l’adesione al Marchio di Qualità è gratuita (anche perché richiede alle imprese degli investimenti iniziali) e ha una valenza principalmente promozionale, ma in futuro potremmo pensare di chiedere un contributo. In ogni caso non si deve pensare che queste iniziative possano risolvere i problemi economici dei parchi. In passato era arrivata una richiesta in tal senso da parte del Ministro Matteoli e mi son sempre chiesto se scherzasse o fosse serio: un chilo di fontina costa circa 12 euro, se noi anche prelevassimo 1 euro dai produttori bisognerebbe produrre 1.000 tonnellate di fontina all’anno per sostenere un taglio di finanziamento di 1 milione di euro!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende