Home » Nazionali »Politiche » Il ministro Orlando al WWF: “Reati ambientali, acqua e consumo di suolo le mie priorità”:

Il ministro Orlando al WWF: “Reati ambientali, acqua e consumo di suolo le mie priorità”

maggio 17, 2013 Nazionali, Politiche

 

Definizione dei reati ambientali, progetto di legge sul consumo del suolo, tutela del bene comune acqua. Il neoministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, ha annunciato i “tre punti su cui intende incardinare la propria attività legislativa” nella sede romana del WWF, in occasione della conferenza stampa di ieri  per la presentazione della Campagna Oasi WWF 2013.

Al titolare dell’Ambiente, la maggiore organizzazione mondiale per la conservazione della natura – l’acronimo sta per World Wide Fund For Nature – nata nel 1961 e presente nel mondo con 24 organizzazioni nazionali, in 96 paesi, ha offerto il proprio “sostegno per l’azione di governo sui temi ambientali”. E ha rivolto anche un appello: inserire l’ambiente tra i principi fondamentali della Carta costituzionale. Proprio all’articolo 9 – “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione” -  dove, in effetti, manca la previsione esplicita della tutela dell’ambiente, accanto a quella del “paesaggio” e dei “’beni culturali” e, se inserita, rilancerebbe – secondo l’associazione ambientalista – la “sfida della sostenibilità al centro dell’agenda politica ed economica di questo e dei futuri governi”.

Circondato da decine di panda in miniatura, emblema del WWF e animale simbolo della conservazione della Natura, dal canto suo, Orlando ha risposto, sottolineando l’urgenza di “rendere più efficace il sistema delle sanzioni per i reati ambientali”: “In quest’ambito, abbiamo una serie di contraddizioni enorme e una difficoltà investigare e poi a sanzionare i comportamenti scorretti”. E con un chiaro riferimento alla recente proposta avanzata dal neo presidente della commissione Giustizia del Senato, Nitto Palma – a Palazzo Madama si è già materializzato un nuovo ddl, primo firmatario proprio Palma – Andrea Orlando ha detto: “Dobbiamo riprendere il progetto di legge sul consumo del suolo, e su questo punto devo dire che ritengo irricevibile qualunque ipotesi di condono edilizio”. Il terzo punto riguarda invece il “grande tema che il referendum ha lasciato sul tavolo dei decisori politici”, ha sottolineato, “e che riguarda il modo in cui tuteliamo il bene comune acqua”. “Attorno a questi tre passaggi”, ha concluso il ministro, “vorrei caratterizzare l’attività sul fronte legislativo: naturalmente”, ha rimarcato, “le leggi non risolvono i problemi, occorre anche l’azione amministrativa quotidiana che inveri il dettato normativo”.

Secondo Gaetano Benedetto, direttore delle Politiche ambientali del WWF Italia, sul consumo del suolo il ministero dell’Ambiente potrebbe assumere come “proposta di riferimento, quella della leva fiscale – una cosa che il Wwf ha sempre detto – perché l’accento fiscale ha la forza di condizionare un risultato prima che si riesca a costruire una legge ad hoc: noi parliamo di un modello tedesco”, ha chiosato Benedetto, “perché è quello che impone costi altissimi che rendono, di fatto, non conveniente costruire all’interno dei contesti agricoli ed extra urbani, mentre abbatte i costi se si costruisce all’interno dei consolidati urbani o, ancora di più, crea vantaggi fiscali enormi, se si abbatte e si ricostruisce”.

Rispetto ai reati ambientali, per Benedetto, “occorre dare omogeneità a tutti gli interventi settoriali per la tutela del valore dell’ambiente”. “Fiducia e beneficio di inventario”, con queste parole, infine, offre un riconoscimento al neoministro da parte di tutto il WWF rispetto all’“atteggiamento di ascolto” in cui il titolare dell’Ambiente si è posto, al principio del suo mandato: “Temo, però”, chiude Benedetto, “che non sia tanto questione del ministro ma dell’intero governo: l’ambiente non è una materia ma un approccio trasversale e se quest’ultimo mancasse, un ministro non può fare i miracoli”.

Fino al 26 maggio, il Wwf chiede direttamente l’aiuto di tutti i cittadini per sostenere il grande progetto di tutela che in quasi cinquant’anni ha permesso di salvare 37mila ettari di natura, creando oltre 100 oasi, da cemento, bracconaggio, degrado e illegalità, e che quest’anno vuole promuoverne altri due: un’area per l’orso in Trentino e una spiaggia sostenibile in Sardegna. Si dona via sms o chiamando al numero 45506, oppure presso gli sportelli bancomat UniCredit di tutta Italia. Intanto domenica prossima, per la “Giornata Oasi Wwf”, sono previste aperture gratuite e iniziative speciali in tutta Italia.

La valutazione di questo “parco diffuso”, quello delle Oasi Wwf (come raggiungerle su www.wwf.it/oasi), che si estende lungo tutto lo Stivale intrecciandosi con il patrimonio di biodiversità riconosciuto dall’Unione Europea, è stata rilevata nel dossier Wwf, “Il monitoraggio della biodiversità nella Rete Natura 2000”, realizzato attraverso 6 mesi di monitoraggio e 200 esperti volontari con il contributo del ministero dell’Ambiente.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende