Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » “Il ritardo Costa”. Occhi puntati su emissioni e rotte delle grandi navi:

“Il ritardo Costa”. Occhi puntati su emissioni e rotte delle grandi navi

Quando si parla di inquinamento marino e impatto ambientale sulle coste e i fondali, la prima cosa che viene in mente sono i rifiuti vaganti e quelli sommersi, non certo una nave da crociera, e nemmeno un’imbarcazione cargo. Eppure, una sola nave di questo tipo, in un anno, è  in grado di produrre più emissioni rispetto a molti piccoli stati, e una rotta sbagliata e azzardata – vedi l’incidente della Costa Concordia – può mettere in pericolo l’ecosistema marino di una zona costiera piuttosto ampia. Figuriamoci quando questi incidenti si ripetono a raffica, come in una “maledizione“.

Anche l’Ecofin, il consiglio europeo dei Ministri dell’Economia, ha finalmente compreso la delicatezza, per l’ambiente, dei trasporti internazionali – marittimi, ma anche aerei – e ha chiesto alla Commissione Europea di produrre, entro giugno, un “reflection paper” sul carbon princing, cioè il meccanismo di pagamento delle emissioni di CO2. Dal 1° gennaio 2012, infatti, tutte le compagnie del settore aereo sono coinvolte nel sistema comunitario di scambio delle quote di emissioni dei gas serra, con il conseguente obbligo di verificare le proprie emissioni e doverle bilanciare. Il trasporto marittimo internazionale di persone e merci, al contrario, continua a rimanere fuori dai meccanismi di riduzione delle emissioni, nonostante il suo peso ambientale. Le emissioni globali di gas serra (soprattutto CO2) delle navi, spiega la Commissione Europea, «sono approssimativamente 900 milioni di tonnellate l’anno», pari a circa il 3% di quelle totali. E sono in continuo aumento: «Si stima che saranno più del doppio nel 2050, in assenza di interventi», mentre «per limitare il cambiamento climatico a 2 gradi centigradi, dovrebbero ridursi almeno del 50% al 2050 rispetto ai livelli del 1990».

Bruxelles ha lanciato dunque una consultazione pubblica on line, aperta fino ad aprile 2012, sul coinvolgimento del trasporto marittimo nelle misure di contrasto al cambiamento climatico. Che dovrebbero inserirsi, sostengono Wwf e Oxfam, autori di un recente studio sul tema, in un accordo internazionale. La proposta delle due organizzazioni è di applicare «un prezzo del carbonio di 25 dollari per tonnellata di carburante per le navi», cosa che «aiuterebbe a ridurre le emissioni e a generare  25 miliardi di dollari all’anno entro il 2020». «Il primo obiettivo, secondo noi, deve essere quello di ridurre i gas serra rilasciati nell’atmosfera. Per le emissioni inevitabili, poi, bisogna fare in modo che ci sia un pagamento, per poi sviluppare politiche di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici», spiega Mariagrazia Midulla, responsabile Clima del Wwf Italia.

Altro grande problema, quando si parla di questi bestioni del mare, sono le rotte a rischio. Presto dovrebbe arrivare  il decreto interministeriale Ambiente-Trasporti che pone regole precise sull’argomento. Secondo un’ipotesi di lavoro del Ministero dell’Ambiente, potrebbe essere introdotto il limite di navigazione a tre miglia dalla costa per i cargo con trasporti pericolosi in transito nelle aree protette. Due le aree su cui c’è maggiore attenzione: il Canale di Piombino, che separa la terraferma dall’isola d’Elba, e Venezia. Per quest’ultima, si ipotizzano limiti di tonnellaggio nel Bacino di San Marco, mentre in Laguna potrebbe scattare la distanza di sicurezza di due miglia tra le navi in transito. Per le aree protette ci saranno linee guida specifiche, mentre per entrare in alcuni porti, ancora da individuare, potrebbe esserci l’obbligodi usare il pilota, una figura professionale ad hoc che sale a bordo e prende i comandi, gia’ in uso in alcune realtà.

Proprio per chiedere al titolare dei Trasporti Corrado Passera di accelerare sul decreto, Greenpeace ha lanciato la campagna Sbrigati Ministro. Il ritardo “Costa, già sottoscritta da più di 34.500 persone.

L’associazione si è anche presa la briga di  fare un inventario (con il Rapporto Toxic Costa) di tutte le sostanze pericolose presenti all’interno della Concordia, un vero e proprio vaso di Pandora che minaccia le coste dell’Arcipelago toscano. Dall’armatore «sono state veicolate delle informazioni in alcuni casi superficiali. Greenpeace apprezza la trasparenza che ha portato alla pubblicazione dell’inventario, ma l’uso di termini generici come “pitture e smalti” o “insetticida” non permette di effettuare stime apprezzabili dei rischi per l’ambiente», premette  Vittoria Polidori, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace. Molte sostanze di cui sono costituiti questi prodotti, spiega l’associazione, «sono composti organici a base di cloro, noti per la loro persistenza nell’ambiente e la capacità di accumularsi negli organismi viventi. La loro esposizione nel lungo periodo può comportare serie ripercussioni sulla salute, talora in maniera irreversibile». Bisogna poi contare tutti gli arredi, solo apparentemente innocui: «Se la nave si dovesse spezzare o rimanere a lungo adagiata sul fondo, sostanze come ftalati, alchilfenoli (tensioattivi non ionici), composti a base di bromo e paraffine clorurate potrebbero, nel corso degli anni, essere gradualmente rilasciate in mare e contaminare l’ambiente circostante».

Intanto, le operazioni di estrazioni del carburante vanno avanti, e la speranza è che il peggio sia passato. Ma finché anche l’ultimo litro di IFO380 non sarà rimosso, non si potranno dormire sonni tranquilli: « La sua fuoriuscita – avverte Greenpeace – determinerebbe il maggior impatto sull’ambiente nella storia dell’Isola del Giglio, che è parte del Santuario dei Cetacei».

Veronica Ulivieri

Mentre questo articolo veniva pubblicato, i ministri dell’Ambiente e dei Trasporti hanno firmato il decreto rotte. Il provvedimento introduce, tra le altre cose, un limite di 2 miglia di distanza che le navi superiori alle 500 tonnellate dovranno rispettare in prossimità delle aree protette.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende