Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » In nome del popolo sovrano. Il travagliato iter dei referendum di giugno:

In nome del popolo sovrano. Il travagliato iter dei referendum di giugno Top Contributors

Il tempo è ormai scaduto, questa è la settimana decisiva: nei prossimi giorni si saprà se, il 12 e 13 giugno prossimi, tra i quesiti referendari, ci sarà anche quello relativo alla produzione di energia da fonte elettronucleare.

Dire che la situazione è “confusa”, pare un pallido eufemismo. Restiamo, per quanto complessi, ai fatti, cercando di ricostruire la vicenda.

Nella conversione in legge del Decreto 31 marzo 2011, n. 34Disposizioni urgenti in favore della cultura, in materia di incroci tra settori della stampa e della televisione, di razionalizzazione dello spettro radioelettrico, di moratoria nucleare, di partecipazioni della Cassa depositi e prestiti, nonché per gli enti del Servizio sanitario nazionale della regione Abruzzo” - che per omogeneità e organicità (e forse pietà del cittadino) è stato ribattezzato “decreto omnibus” – il passaggio finale in Senato, ha visto la maggioranza approvare un emendamento che sostituisce la moratoria decisa dopo il disastro di Fukushima (contenuta nell’articolo 5), con un’abrogazione di norme che superi, in sostanza, il quesito referendario.

Perché questo “superamento” possa prodursi è necessario però che le nuove norme, rispecchiando il testo del quesito referendario, cancellino l’attuale disciplina sul nucleare – per la quale tanto tempo ed energie (anche propagandistiche) si sono spese fino ad oggi. Il tempo ora stringe e i termini per la conversione del decreto scadono lunedì 30 maggio, data ultima entro la quale dev’essere approvato il testo della legge di conversione.

A questo punto, ai fini del superamento del quesito referendario, sarà necessario che il testo venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale in tempo utile affinché l’Ufficio Centrale per il referendum, presso la Corte di Cassazione, possa deliberare in merito. I giudici, dopo una non facile (e certosina) analisi del testo, dovranno decidere se le nuove norme siano o meno idonee a superare il quesito, in tutto o in parte. In quest’ultima eventualità, potrebbe però non esserci il tempo di stampare nuove schede con un’interrogazione più ristretta!

Ancora più complicata è la questione che riguarda le implicazioni della sentenza della Corte Costituzionale n. 68 del lontano 1978 che, nei giorni, è stata ripetutamente chiamata in causa da costituzionalisti ed esponenti referendari. La sentenza reputa infatti necessaria la modifica sia dei principi ispiratori della complessiva disciplina preesistente sia dei contenuti normativi essenziali dei singoli precetti; e addirittura, in mancanza di (reale) cambiamento, ha sancito che il referendum si effettui sulle nuove disposizioni legislative. Tuttavia, è plausibile attendersi che il controllo di rispondenza dei giudici della Cassazione non potrà che essere di tipo formale e, quindi, incentrato sul confronto letterale tra il contenuto della nuove norme e la formulazione del quesito referendario. A nostro avviso, quindi, la previsione più facile è che il precedente della sentenza 68/1978 possa aprire la strada a un eventuale ricorso dei referendari.

Sul piano del confronto politico, poi, oltre al prevedibile ostruzionismo delle forze di opposizione (alcune delle quali promotrici del referendum), non erano altrettanto previste, dalla maggioranza, le difficoltà conseguite ai risultati di voto nelle elezioni amministrative. Difficoltà che, indubbiamente, distolgono attenzioni e sottraggono uomini alla causa anti-referndaria: in buona sostanza, non è affatto scontato che ci siano i numeri per una prova di forza in aula e, quindi, diventa rischioso lo stesso ricorso alla fiducia, contando i pochissimi giorni utili per attuarlo: forse solo mercoledì e giovedì.

Non va infine dimenticato che ogni legge dello stato, per essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale, deve essere firmata dal Presidente della Repubblica. Il Capo dello Stato, è bene ricordarlo, può legittimamente avvalersi di tutto il tempo necessario per esaminare un provvedimento così complesso. Solo il 21 febbraio scorso, per altro, il Presidente ha scritto ai presidenti di Senato, Camera e al Governo per condannare formalmente la degenerazione subita dall’ultimo decreto legge “mille proroghe”, che in sede di conversione è stato gonfiato e trasformato neanche fosse una legge finanziaria.

In questo caso siamo già di fronte ad un testo eterogeneo ab origine che, tra l’altro, nasce come iniziativa a favore della cultura, tanto da essere stato esaminato dalle commissioni Bilancio e Istruzione – sulle quali è lecito nutrire dei dubbi circa la competenza in in materia energetica.

Perché, in sostanza, la maggioranza si sia cacciata in un tal ginepraio, non è del tutto chiaro. Si è ritenuto forse prioritario che il popolo sovrano non si esprimesse su «scelte così importanti per il nostro futuro» che, per l’appunto, «non possono essere fatte sulla base di ondate emotive o di strumentalizzazioni politiche», per usare le parole del ministro Paolo Romani nella presentazione dell’emendamento di trasformazione della moratoria.

Questa volta però pare che non si sono valutati appieno tempi e modi. Dal 12 maggio, intanto, su sollecitazione del Presidente Napolitano e dell’Autorità Garante per le Comunicazioni, viene trasmessa la pubblicità istituzionale sui quattro quesiti referendari (e sono stati pure affissi i manifesti con i testi completi). Non sembra dunque particolarmente rispettoso nei confronti dell’intero corpo elettorale (anche di chi, legittimamente, si asterrà) sottrarre “in zona Cesarini” un quesito.

Sul piano strettamente politico, per altro, le ricadute di un’abrogazione del nucleare ben difficilmente avrebbero impatti particolarmente significativi. Dopo l’incidente giapponese, infatti, sono già numerosi i ministri che hanno fatto “un passo indietro” e, considerato il contesto mutato e la moratoria stessa, attaccare una scelta ormai vecchia – l’ormai semi-disconosciuta strategia nucleare – è un’arma spuntata.

Se, infine, ci si ricorda che il quorum non si raggiunge in un referendum dal lontano 11 giugno 1995, gli interrogativi sulla scelta del governo non fanno che aumentare. Chissà però che il popolo, oltre a sospettare, vada, questa volta, anche a votare…

Antonio Sileo e Antonio Di Martino*

* Ricercatori IEFE Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende