Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » In nome del popolo sovrano. Il travagliato iter dei referendum di giugno:

In nome del popolo sovrano. Il travagliato iter dei referendum di giugno Top Contributors

Il tempo è ormai scaduto, questa è la settimana decisiva: nei prossimi giorni si saprà se, il 12 e 13 giugno prossimi, tra i quesiti referendari, ci sarà anche quello relativo alla produzione di energia da fonte elettronucleare.

Dire che la situazione è “confusa”, pare un pallido eufemismo. Restiamo, per quanto complessi, ai fatti, cercando di ricostruire la vicenda.

Nella conversione in legge del Decreto 31 marzo 2011, n. 34Disposizioni urgenti in favore della cultura, in materia di incroci tra settori della stampa e della televisione, di razionalizzazione dello spettro radioelettrico, di moratoria nucleare, di partecipazioni della Cassa depositi e prestiti, nonché per gli enti del Servizio sanitario nazionale della regione Abruzzo” - che per omogeneità e organicità (e forse pietà del cittadino) è stato ribattezzato “decreto omnibus” – il passaggio finale in Senato, ha visto la maggioranza approvare un emendamento che sostituisce la moratoria decisa dopo il disastro di Fukushima (contenuta nell’articolo 5), con un’abrogazione di norme che superi, in sostanza, il quesito referendario.

Perché questo “superamento” possa prodursi è necessario però che le nuove norme, rispecchiando il testo del quesito referendario, cancellino l’attuale disciplina sul nucleare – per la quale tanto tempo ed energie (anche propagandistiche) si sono spese fino ad oggi. Il tempo ora stringe e i termini per la conversione del decreto scadono lunedì 30 maggio, data ultima entro la quale dev’essere approvato il testo della legge di conversione.

A questo punto, ai fini del superamento del quesito referendario, sarà necessario che il testo venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale in tempo utile affinché l’Ufficio Centrale per il referendum, presso la Corte di Cassazione, possa deliberare in merito. I giudici, dopo una non facile (e certosina) analisi del testo, dovranno decidere se le nuove norme siano o meno idonee a superare il quesito, in tutto o in parte. In quest’ultima eventualità, potrebbe però non esserci il tempo di stampare nuove schede con un’interrogazione più ristretta!

Ancora più complicata è la questione che riguarda le implicazioni della sentenza della Corte Costituzionale n. 68 del lontano 1978 che, nei giorni, è stata ripetutamente chiamata in causa da costituzionalisti ed esponenti referendari. La sentenza reputa infatti necessaria la modifica sia dei principi ispiratori della complessiva disciplina preesistente sia dei contenuti normativi essenziali dei singoli precetti; e addirittura, in mancanza di (reale) cambiamento, ha sancito che il referendum si effettui sulle nuove disposizioni legislative. Tuttavia, è plausibile attendersi che il controllo di rispondenza dei giudici della Cassazione non potrà che essere di tipo formale e, quindi, incentrato sul confronto letterale tra il contenuto della nuove norme e la formulazione del quesito referendario. A nostro avviso, quindi, la previsione più facile è che il precedente della sentenza 68/1978 possa aprire la strada a un eventuale ricorso dei referendari.

Sul piano del confronto politico, poi, oltre al prevedibile ostruzionismo delle forze di opposizione (alcune delle quali promotrici del referendum), non erano altrettanto previste, dalla maggioranza, le difficoltà conseguite ai risultati di voto nelle elezioni amministrative. Difficoltà che, indubbiamente, distolgono attenzioni e sottraggono uomini alla causa anti-referndaria: in buona sostanza, non è affatto scontato che ci siano i numeri per una prova di forza in aula e, quindi, diventa rischioso lo stesso ricorso alla fiducia, contando i pochissimi giorni utili per attuarlo: forse solo mercoledì e giovedì.

Non va infine dimenticato che ogni legge dello stato, per essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale, deve essere firmata dal Presidente della Repubblica. Il Capo dello Stato, è bene ricordarlo, può legittimamente avvalersi di tutto il tempo necessario per esaminare un provvedimento così complesso. Solo il 21 febbraio scorso, per altro, il Presidente ha scritto ai presidenti di Senato, Camera e al Governo per condannare formalmente la degenerazione subita dall’ultimo decreto legge “mille proroghe”, che in sede di conversione è stato gonfiato e trasformato neanche fosse una legge finanziaria.

In questo caso siamo già di fronte ad un testo eterogeneo ab origine che, tra l’altro, nasce come iniziativa a favore della cultura, tanto da essere stato esaminato dalle commissioni Bilancio e Istruzione – sulle quali è lecito nutrire dei dubbi circa la competenza in in materia energetica.

Perché, in sostanza, la maggioranza si sia cacciata in un tal ginepraio, non è del tutto chiaro. Si è ritenuto forse prioritario che il popolo sovrano non si esprimesse su «scelte così importanti per il nostro futuro» che, per l’appunto, «non possono essere fatte sulla base di ondate emotive o di strumentalizzazioni politiche», per usare le parole del ministro Paolo Romani nella presentazione dell’emendamento di trasformazione della moratoria.

Questa volta però pare che non si sono valutati appieno tempi e modi. Dal 12 maggio, intanto, su sollecitazione del Presidente Napolitano e dell’Autorità Garante per le Comunicazioni, viene trasmessa la pubblicità istituzionale sui quattro quesiti referendari (e sono stati pure affissi i manifesti con i testi completi). Non sembra dunque particolarmente rispettoso nei confronti dell’intero corpo elettorale (anche di chi, legittimamente, si asterrà) sottrarre “in zona Cesarini” un quesito.

Sul piano strettamente politico, per altro, le ricadute di un’abrogazione del nucleare ben difficilmente avrebbero impatti particolarmente significativi. Dopo l’incidente giapponese, infatti, sono già numerosi i ministri che hanno fatto “un passo indietro” e, considerato il contesto mutato e la moratoria stessa, attaccare una scelta ormai vecchia – l’ormai semi-disconosciuta strategia nucleare – è un’arma spuntata.

Se, infine, ci si ricorda che il quorum non si raggiunge in un referendum dal lontano 11 giugno 1995, gli interrogativi sulla scelta del governo non fanno che aumentare. Chissà però che il popolo, oltre a sospettare, vada, questa volta, anche a votare…

Antonio Sileo e Antonio Di Martino*

* Ricercatori IEFE Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende