Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » In nome del popolo sovrano. Il travagliato iter dei referendum di giugno:

In nome del popolo sovrano. Il travagliato iter dei referendum di giugno Top Contributors

Il tempo è ormai scaduto, questa è la settimana decisiva: nei prossimi giorni si saprà se, il 12 e 13 giugno prossimi, tra i quesiti referendari, ci sarà anche quello relativo alla produzione di energia da fonte elettronucleare.

Dire che la situazione è “confusa”, pare un pallido eufemismo. Restiamo, per quanto complessi, ai fatti, cercando di ricostruire la vicenda.

Nella conversione in legge del Decreto 31 marzo 2011, n. 34Disposizioni urgenti in favore della cultura, in materia di incroci tra settori della stampa e della televisione, di razionalizzazione dello spettro radioelettrico, di moratoria nucleare, di partecipazioni della Cassa depositi e prestiti, nonché per gli enti del Servizio sanitario nazionale della regione Abruzzo” - che per omogeneità e organicità (e forse pietà del cittadino) è stato ribattezzato “decreto omnibus” – il passaggio finale in Senato, ha visto la maggioranza approvare un emendamento che sostituisce la moratoria decisa dopo il disastro di Fukushima (contenuta nell’articolo 5), con un’abrogazione di norme che superi, in sostanza, il quesito referendario.

Perché questo “superamento” possa prodursi è necessario però che le nuove norme, rispecchiando il testo del quesito referendario, cancellino l’attuale disciplina sul nucleare – per la quale tanto tempo ed energie (anche propagandistiche) si sono spese fino ad oggi. Il tempo ora stringe e i termini per la conversione del decreto scadono lunedì 30 maggio, data ultima entro la quale dev’essere approvato il testo della legge di conversione.

A questo punto, ai fini del superamento del quesito referendario, sarà necessario che il testo venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale in tempo utile affinché l’Ufficio Centrale per il referendum, presso la Corte di Cassazione, possa deliberare in merito. I giudici, dopo una non facile (e certosina) analisi del testo, dovranno decidere se le nuove norme siano o meno idonee a superare il quesito, in tutto o in parte. In quest’ultima eventualità, potrebbe però non esserci il tempo di stampare nuove schede con un’interrogazione più ristretta!

Ancora più complicata è la questione che riguarda le implicazioni della sentenza della Corte Costituzionale n. 68 del lontano 1978 che, nei giorni, è stata ripetutamente chiamata in causa da costituzionalisti ed esponenti referendari. La sentenza reputa infatti necessaria la modifica sia dei principi ispiratori della complessiva disciplina preesistente sia dei contenuti normativi essenziali dei singoli precetti; e addirittura, in mancanza di (reale) cambiamento, ha sancito che il referendum si effettui sulle nuove disposizioni legislative. Tuttavia, è plausibile attendersi che il controllo di rispondenza dei giudici della Cassazione non potrà che essere di tipo formale e, quindi, incentrato sul confronto letterale tra il contenuto della nuove norme e la formulazione del quesito referendario. A nostro avviso, quindi, la previsione più facile è che il precedente della sentenza 68/1978 possa aprire la strada a un eventuale ricorso dei referendari.

Sul piano del confronto politico, poi, oltre al prevedibile ostruzionismo delle forze di opposizione (alcune delle quali promotrici del referendum), non erano altrettanto previste, dalla maggioranza, le difficoltà conseguite ai risultati di voto nelle elezioni amministrative. Difficoltà che, indubbiamente, distolgono attenzioni e sottraggono uomini alla causa anti-referndaria: in buona sostanza, non è affatto scontato che ci siano i numeri per una prova di forza in aula e, quindi, diventa rischioso lo stesso ricorso alla fiducia, contando i pochissimi giorni utili per attuarlo: forse solo mercoledì e giovedì.

Non va infine dimenticato che ogni legge dello stato, per essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale, deve essere firmata dal Presidente della Repubblica. Il Capo dello Stato, è bene ricordarlo, può legittimamente avvalersi di tutto il tempo necessario per esaminare un provvedimento così complesso. Solo il 21 febbraio scorso, per altro, il Presidente ha scritto ai presidenti di Senato, Camera e al Governo per condannare formalmente la degenerazione subita dall’ultimo decreto legge “mille proroghe”, che in sede di conversione è stato gonfiato e trasformato neanche fosse una legge finanziaria.

In questo caso siamo già di fronte ad un testo eterogeneo ab origine che, tra l’altro, nasce come iniziativa a favore della cultura, tanto da essere stato esaminato dalle commissioni Bilancio e Istruzione – sulle quali è lecito nutrire dei dubbi circa la competenza in in materia energetica.

Perché, in sostanza, la maggioranza si sia cacciata in un tal ginepraio, non è del tutto chiaro. Si è ritenuto forse prioritario che il popolo sovrano non si esprimesse su «scelte così importanti per il nostro futuro» che, per l’appunto, «non possono essere fatte sulla base di ondate emotive o di strumentalizzazioni politiche», per usare le parole del ministro Paolo Romani nella presentazione dell’emendamento di trasformazione della moratoria.

Questa volta però pare che non si sono valutati appieno tempi e modi. Dal 12 maggio, intanto, su sollecitazione del Presidente Napolitano e dell’Autorità Garante per le Comunicazioni, viene trasmessa la pubblicità istituzionale sui quattro quesiti referendari (e sono stati pure affissi i manifesti con i testi completi). Non sembra dunque particolarmente rispettoso nei confronti dell’intero corpo elettorale (anche di chi, legittimamente, si asterrà) sottrarre “in zona Cesarini” un quesito.

Sul piano strettamente politico, per altro, le ricadute di un’abrogazione del nucleare ben difficilmente avrebbero impatti particolarmente significativi. Dopo l’incidente giapponese, infatti, sono già numerosi i ministri che hanno fatto “un passo indietro” e, considerato il contesto mutato e la moratoria stessa, attaccare una scelta ormai vecchia – l’ormai semi-disconosciuta strategia nucleare – è un’arma spuntata.

Se, infine, ci si ricorda che il quorum non si raggiunge in un referendum dal lontano 11 giugno 1995, gli interrogativi sulla scelta del governo non fanno che aumentare. Chissà però che il popolo, oltre a sospettare, vada, questa volta, anche a votare…

Antonio Sileo e Antonio Di Martino*

* Ricercatori IEFE Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende