Home » Idee »Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Incubo nucleare: le reazioni in Italia:

Incubo nucleare: le reazioni in Italia

Courtesy of guerrecontro.altervista.orgIncubo nucleare”. Da giorni, dopo il terremoto e lo tsunami in Giappone, non si fa che ripeterlo. E ogni giorno, forse sempre un po’ più a ragione. Perché continuamente dalle agenzie di stampa arrivano notizie sempre più gravi sulle condizioni dei reattori danneggiati dal sisma.

Il rischio, se non si riuscirà a raffreddare il nocciolo, è la fusione e la conseguente fuoriuscita di materiale altamente radioattivo dal recipiente che contiene il combustibile. Le informazioni sono incerte e diffuse con il contagocce. Il mondo scientifico, come sempre accade in caso di incidenti come questo, è diviso. Da una parte, coloro che cercano di minimizzare, dall’altra quelli che invece vedono il nucleare come una bomba ad orologeria e sottolineano l’opportunità di una riflessione collettiva sull’atomo.

In un momento in cui le informazioni si rincorrono veloci e disordinate, per gli scienziati non è facile fare una ricostruzione dei fatti. «Quando succedono fatti simili, l’informazione viene secretata. E nessuno saprà mai la verità. Le autorità faranno un’inchiesta sull’accaduto e diranno quello che riterranno opportuno, come è avvenuto per l’incidente alla centrale di Three Miles Island negli Usa nel 1979», spiega Luigi Sertorio, fisico torinese e autore, insieme a Giulietto Chiesa e Guido Cosenza, del libro “La menzogna nucleare”.

Più ottimista è Matteo Passoni, ingegnere nucleare e ricercatore al Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano: «L’incidente è avvenuto da pochi giorni e ci sono dei tempi tecnici per valutare la gravità dell’accaduto e mettere in atto una soluzione», spiega lo scienziato,  membro del Gruppo Scientifico Galileo 2001, a favore dell’energia nucleare. Ma, in base alle informazioni disponibili, c’è la possibilità di una fusione del nocciolo? Per Passoni, «potrebbe esserci il rischio di una fuoriuscita di materiale radioattivo dal vessel, ma sulla base delle informazioni ufficiali della IAEA disponibili al momento, i vessel di tutti i reattori coinvolti nell’incidente hanno mantenuto la loro integrità». Per Sertorio, la possibilità è invece reale: «Stabilire ora dove finirà il materiale radioattivo è impossibile, dipenderà dai venti. Sono a rischio i Paesi vicini al Giappone, mentre non c’è nessun pericolo per l’Italia».

Diversa anche la valutazione dei due esperti sulla sicurezza delle centrali nucleari. Per il fisico torinese, «le centrali nucleari non sono mai del tutto sicure, perché possono verificarsi incidenti molto gravi per cause naturali o per un errore umano. Non è stato saggio costruire centrali in un’area sismica come quella giapponese, anche se probabilmente sono state realizzate con la massima attenzione». Per Passoni, invece, il fatto che le centrali non siano state distrutte «è la prova che possono resistere anche a eventi catastrofici come uno tsunami».

A pochi mesi dal referendum italiano, l’incidente ha riacceso inevitabilmente il dibattito sul nucleare in Italia. Mentre in molti Paesi del mondo ci si interroga sulla sicurezza dell’energia atomica, ieri il governo italiano ha apportato alcune modifiche al decreto legislativo sulla localizzazioni delle centrali nel nostro Paese e ha chiesto al Parlamento la procedura “d’urgenza” per l’esame del provvedimento da parte delle commissioni competenti.

Ma anche da noi la classe politica non è tutta allineata sul sostegno al nucleare. Agostino Ghiglia, capogruppo Pdl in Commissione Ambiente alla Camera, difende la linea del governo, dichiarando che «non è sull’onda dell’ emotività che l’Italia e il governo possono indirizzare le proprie scelte di politica energetica. L’Italia deve ancora iniziare il percorso di ritorno al nucleare impiegando la tecnologia più avanzata e centrali nucleari di ultima generazione». Su una posizione diversa è il collega Pdl ed ex An Fabio Rampelli, che invoca investimenti italiani nel “nucleare pulito“, la tecnologia studiata da Carlo Rubbia che prevede di utilizzare il  torio al posto dell’uranio. «Per quale motivo Paesi che hanno decine di centrali nucleari attive annunciano moratorie, congelano programmi di realizzazione di nuove centrali già approvati, spengono i reattori giudicati più a rischio e l’Italia, che non ha nulla da perdere, si ostina a esibire una posizione isolata nel mondo occidentale, imprudente quanto ingiustificata?», si chiede Rampelli.

«In Italia si parla perché non ci sono centrali funzionanti. Se ci fossero state, il governo sarebbe stato costretto a fare una riflessione. Il problema del nucleare andrebbe affrontato in modo pragmatico e non ideologico, tenendo conto che si tratta di una tecnologia pericolosa», sottolinea l’ex ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, oggi presidente della Fondazione Univerde. Per il radicale Marco Cappato, segretario dell’associazione Luca Coscioni, in Italia servirebbe «un Piano energetico nazionale, in grado di esprimere una vera e propria politica energetica, che da noi è sempre mancata». L’Italia, continua Cappato, dovrebbe «convertire le risorse che erano state previste per il nucleare per realizzare invece un grande piano di messa in sicurezza antisismica degli edifici e di sostegno alla ricerca sulle energie rinnovabili».

Il dibattito dunque continua, infiammato (letteralmente) dall’evolversi della situazione giapponese, che secondo il commissario europeo Oettinger ha cambiato il nostro modo di guardare il mondo e la tecnologia. E in Italia, sembra destinato a surriscaldarsi nei mesi a venire, secondo la migliore tradizione politica del derby di ispirazione calcistica, più forte anche dei festeggiamenti nazionali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende