Home » Bollettino Europa »Internazionali »Rubriche » ETS: tutte le compagnie aeree dovranno rispettare lo schema di emissioni:

ETS: tutte le compagnie aeree dovranno rispettare lo schema di emissioni

Una buona notizia di fine anno: la Corte Europea ha deciso che l’inclusione delle compagnie aeree extra-europee nello schema di riduzione delle emissioni europeo EU ETS (European Emission Trading Scheme) è legittima e non viola le regole del commercio internazionale, né del trasporto aereo. Finalmente, dunque, tutto il settore aereo entra, a pieno titolo, nella regolamentazione sul taglio delle emissioni di CO2, un passo importante per un settore responsabile di una larga fetta dei gas serra imputabili ai trasporti. Basti pensare che un passeggero di un viaggio aereo di andata e ritorno a New York è responsabile di oltre 2,5 tonnellate di emissioni di CO2, corrispondente mediamente all’ammontare di carbonio assorbito da tre alberi nel loro intero ciclo di vita.

La notizia giunge a ridosso dell’applicazione dello schema europeo per il settore aviazione, che entrerà in vigore il 1 gennaio 2012: tutti i voli aerei che coinvolgano aeroporti europei dovranno quindi essere inclusi nella direttiva, indipendentemente dalla nazionalità del vettore.

L’EU ETS è lo schema in base al quale le aziende di alcuni settori con forti emissioni di CO2 hanno un limite di quote di emissione annuale da rispettare. Se riescono a stare sotto questo limite, avranno quote da rivendere come crediti di CO2 (chiamati EUA, European Allowances); se superano la quantità di quote assegnate, dovranno acquistarne da aziende più virtuose.

La diatriba era nata su iniziativa di alcune compagnie aeree statunitensi, che avevano deciso di contestare il recepimento della direttiva in Gran Bretagna, la quale si era rivolta alla Corte Europea. Secondo le compagnie aeree le norme sarebbero “in aperta violazione” della sovranità nazionale e dell’accordo Open Skies, violando quindi principi giuridici internazionali. I giudici della Corte rispondono invece che “l’applicazione dell’EU ETS all’aviazione non infrange né i principi del diritto internazionale, né l’accordo Open Skies”. La direttiva, osservano i giudici, non intende essere applicata agli aereomobili che volano sopra il territorio europeo, ma solo a quelli che scelgono di operare una rotta commerciale arrivando o partendo da un aeroporto situato in Europa. Non ci sono quindi prospettive di appello per le aziende, in quanto la Corte è l’organo più alto nel giudizio a livello europeo: alle aziende non resta che adeguarsi.

L’industria del settore ora teme che questa decisione possa aprire il passo a guerre commerciali con Stati Uniti e Cina: una legge del Senato statunitense potrebbe impedire alle compagnie di prendere parte a sistemi di mercato delle quote di CO2, mentre la Cina ha paradossalmente minacciato azioni legali proprio in base al Protocollo di Kyoto, che impone misure di riduzione delle emissioni differenziate tra Paesi industrializzati ed emergenti.

Connie Hedegaard, Commissario Europeo al Clima da poco rientrata dalla Conferenza di Durban, dove è stata una dei protagonisti, commenta comunque con entusiasmo la notizia: “Sono ovviamente molto soddisfatta di vedere che la Corte ha concluso con chiarezza che la direttiva europea è completamente compatibile con la legge internazionale. Alcune compagnie aeree americane hanno deciso di sfidare la nostra legislazione in un tribunale. Così adesso noi ci aspettiamo che rispettino la legge europea.”

Anche Annie Petsonk, dell’International Council at the Environmental Defense Fund, chiede alle aziende del settore aviazione statunitensi di smettere di ostacolare i progressi legislativi e cominciare a lavorare sul rispetto della normativa sulle emissioni: “Gli americani hanno inventato l’aereo, adesso è il tempo di creare dei cieli amici del clima. La leadership europea sfida le compagnie aeree americane a prendersi carico di viaggi aerei puliti e realizzarli.”

Le compagnie aeree lamentano che la realizzazione delle direttiva costerà fino a 10 miliardi di Euro fino al 2020, con un aumento del costo del biglietto fino a 3 euro per i viaggi intercontinentali – il che, francamente, non sembra un costo insostenibile per un passeggero disposto a spendere qualche centinaio di euro. In realtà, per altro, le aziende riceveranno una parte delle quote in modo totalmente gratuito, calmierando così il costo complessivo dell’applicazione dello schema. A questo riguardo la Hedegaard, ribaltando la prospettiva ha sottolineato: “Con dei valori di riferimento le compagnie aree hanno ora la certezza del numero di quote che riceveranno gratuitamente ogni anno fino al 2020, quote che a prezzo di mercato rappresentano un valore di circa 20 miliardi di euro nel decennio. Con i ricavi potenziali le compagnie aree potrebbero procedere alla modernizzazione delle flotte, all’efficientamento dei consumi di carburante e all’utilizzo di combustibili non fossili per l’aviazione.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende