Home » Internazionali »Politiche » Ipcc: per salvarsi dalla catastrofe climatica serve una decarbonizzazione dell’economia:

Ipcc: per salvarsi dalla catastrofe climatica serve una decarbonizzazione dell’economia

aprile 14, 2014 Internazionali, Politiche

1 miliardo di tonnellate di CO2 equivalente all’anno in più: questa è la quantità di gas serra che immettiamo ogni anno in atmosfera. La terza parte del Rapporto IPCC inizia raccontandoci lo status del nostro Pianeta: il trend delle emissioni annuali è ancora in crescita e le politiche di riduzione delle emissioni adottate finora, seppur assolutamente necessarie, non sono state sufficienti a contrastare l’aumento dei consumi energetici prodotti tramite combustibili fossili. Il tasso di incremento annuale della CO2 è passato da +0,4 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente all’anno dal 1970 al 2000, a +1 miliardo all’anno tra il 2000 e il 2010. Le emissioni antropogeniche (ovvero prodotte dall’uomo) mondiali hanno quindi raggiunto il loro massimo storico nel 2010, risultando pari a 49 miliardi di tonnellate di CO2.

A livello globale, i più importanti driver dell’aumento nelle emissioni di CO2 continuano ad essere lo sviluppo economico e l’aumento della popolazione. In particolare, il disaccoppiamento tra PIL ed emissioni di CO2, verificato in alcuni casi su scala locale, non è ancora osservato a livello globale. Anzi, addirittura nell’ultima decade si è osservato un peggioramento, per colpa del carbone: l’aumento dell’utilizzo del carbone per produrre energia ha vanificato il trend di decarbonizzazione della produzione energetica globale.

Da queste basi, il lavoro del Working Group III dell’IPCC traccia alcuni scenari per il futuro, andando ad analizzare gli studi sulla mitigazione dei cambiamenti climatici, in termini scientifici, tecnologici, ambientali, economici e sociali. Non si parla, quindi, solo di scienza del clima (argomento della prima parte del report IPCC) o degli impatti dei cambiamenti climatici (esaminati nella seconda parte del report, uscita a marzo), ma di come affrontare questa sfida planetaria. Mitigare i cambiamenti climatici significa infatti ridurre le emissioni di anidride carbonica e di altri gas serra immesse in atmosfera, tramite efficienza energetica, energia rinnovabile, trasporti sostenibili e tutte le altre misura che contribuiscono all’obiettivo: tenere le fonti energetiche fossili (carbone, petrolio e gas) sottoterra.

A questo report hanno contribuito 235 autori e 38 editori di 57 Paesi, coadiuvati dal contributo di 180 esperti, con le revisioni provenienti da altri 800 esperti di tutto il mondo. Un lavoro di sette anni (lo scorso report, l’AR4, è uscito nel 2007), che ha permesso la revisione di quello che è stato pubblicato sulle riviste scientifiche sul tema dei cambiamenti climatici.

Senza sforzi addizionali di riduzione delle emissioni di gas serra oltre a quelli già in atto oggi, si prevede che la crescita nelle emissioni persista, portando a un incremento delle temperature medie globali tra 3.7 e 4.8° C rispetto ai livelli preindustriali entro il 2100. Questo in realtà è un valore medio di previsione, perché l’aumento di temperatura potrebbe essere compreso nell’intervallo tra 2.5°C e 7.8°C. Sono livelli di cambiamenti del clima che metterebbero a repentaglio in maniera profonda la società umana: si considerino ad esempio l’aumento del livello dei mari, la desertificazione, la perdita di larga parte delle specie viventi, il rischio dell’interruzione della Corrente del Golfo.

Se invece inizieremo immediatamente a ridurre le emissioni di gas serra a livello globale abbiamo ancora un’ultima speranza di riuscire a contenere l’incremento di temperatura entro i 2° gradi (livello che viene considerato politicamente accettabile): per seguire questa strada, il trend deve prevedere un taglio delle emissioni del 40-70% entro il 2050, per poi arrivare ad emissioni zero entro il 2100. Gran parte di questo abbattimento dovrà venire dalla completa decarbonizzazione della produzione di energia, con un -90% delle emissioni entro il periodo 2040-2070. Il gas potrà essere per alcuni decenni una fonte di energia ponte, perché meno inquinante di carbone e petrolio, ma comunque dovrà essere eliminato e il mondo dovrà essere alimentato con energia interamente rinnovabile.

Se aspettiamo ancora a procedere ad affrontare questa rivoluzione energetica, sarà troppo tardi: agendo dopo il 2030, raggiungere la stabilizzazione dell’incremento di temperatura entro i 2°, sarà, oltre che molto più costoso, molto improbabile e l’uomo dovrà affrontare una catastrofe naturale senza precedenti.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende