Home » Internazionali »Politiche » Ipcc: per salvarsi dalla catastrofe climatica serve una decarbonizzazione dell’economia:

Ipcc: per salvarsi dalla catastrofe climatica serve una decarbonizzazione dell’economia

aprile 14, 2014 Internazionali, Politiche

1 miliardo di tonnellate di CO2 equivalente all’anno in più: questa è la quantità di gas serra che immettiamo ogni anno in atmosfera. La terza parte del Rapporto IPCC inizia raccontandoci lo status del nostro Pianeta: il trend delle emissioni annuali è ancora in crescita e le politiche di riduzione delle emissioni adottate finora, seppur assolutamente necessarie, non sono state sufficienti a contrastare l’aumento dei consumi energetici prodotti tramite combustibili fossili. Il tasso di incremento annuale della CO2 è passato da +0,4 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente all’anno dal 1970 al 2000, a +1 miliardo all’anno tra il 2000 e il 2010. Le emissioni antropogeniche (ovvero prodotte dall’uomo) mondiali hanno quindi raggiunto il loro massimo storico nel 2010, risultando pari a 49 miliardi di tonnellate di CO2.

A livello globale, i più importanti driver dell’aumento nelle emissioni di CO2 continuano ad essere lo sviluppo economico e l’aumento della popolazione. In particolare, il disaccoppiamento tra PIL ed emissioni di CO2, verificato in alcuni casi su scala locale, non è ancora osservato a livello globale. Anzi, addirittura nell’ultima decade si è osservato un peggioramento, per colpa del carbone: l’aumento dell’utilizzo del carbone per produrre energia ha vanificato il trend di decarbonizzazione della produzione energetica globale.

Da queste basi, il lavoro del Working Group III dell’IPCC traccia alcuni scenari per il futuro, andando ad analizzare gli studi sulla mitigazione dei cambiamenti climatici, in termini scientifici, tecnologici, ambientali, economici e sociali. Non si parla, quindi, solo di scienza del clima (argomento della prima parte del report IPCC) o degli impatti dei cambiamenti climatici (esaminati nella seconda parte del report, uscita a marzo), ma di come affrontare questa sfida planetaria. Mitigare i cambiamenti climatici significa infatti ridurre le emissioni di anidride carbonica e di altri gas serra immesse in atmosfera, tramite efficienza energetica, energia rinnovabile, trasporti sostenibili e tutte le altre misura che contribuiscono all’obiettivo: tenere le fonti energetiche fossili (carbone, petrolio e gas) sottoterra.

A questo report hanno contribuito 235 autori e 38 editori di 57 Paesi, coadiuvati dal contributo di 180 esperti, con le revisioni provenienti da altri 800 esperti di tutto il mondo. Un lavoro di sette anni (lo scorso report, l’AR4, è uscito nel 2007), che ha permesso la revisione di quello che è stato pubblicato sulle riviste scientifiche sul tema dei cambiamenti climatici.

Senza sforzi addizionali di riduzione delle emissioni di gas serra oltre a quelli già in atto oggi, si prevede che la crescita nelle emissioni persista, portando a un incremento delle temperature medie globali tra 3.7 e 4.8° C rispetto ai livelli preindustriali entro il 2100. Questo in realtà è un valore medio di previsione, perché l’aumento di temperatura potrebbe essere compreso nell’intervallo tra 2.5°C e 7.8°C. Sono livelli di cambiamenti del clima che metterebbero a repentaglio in maniera profonda la società umana: si considerino ad esempio l’aumento del livello dei mari, la desertificazione, la perdita di larga parte delle specie viventi, il rischio dell’interruzione della Corrente del Golfo.

Se invece inizieremo immediatamente a ridurre le emissioni di gas serra a livello globale abbiamo ancora un’ultima speranza di riuscire a contenere l’incremento di temperatura entro i 2° gradi (livello che viene considerato politicamente accettabile): per seguire questa strada, il trend deve prevedere un taglio delle emissioni del 40-70% entro il 2050, per poi arrivare ad emissioni zero entro il 2100. Gran parte di questo abbattimento dovrà venire dalla completa decarbonizzazione della produzione di energia, con un -90% delle emissioni entro il periodo 2040-2070. Il gas potrà essere per alcuni decenni una fonte di energia ponte, perché meno inquinante di carbone e petrolio, ma comunque dovrà essere eliminato e il mondo dovrà essere alimentato con energia interamente rinnovabile.

Se aspettiamo ancora a procedere ad affrontare questa rivoluzione energetica, sarà troppo tardi: agendo dopo il 2030, raggiungere la stabilizzazione dell’incremento di temperatura entro i 2°, sarà, oltre che molto più costoso, molto improbabile e l’uomo dovrà affrontare una catastrofe naturale senza precedenti.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende