Home » Nazionali »Politiche » “Italiasicura”: formazione e ricerca contro il dissesto idrogeologico:

“Italiasicura”: formazione e ricerca contro il dissesto idrogeologico

febbraio 12, 2015 Nazionali, Politiche

Se l’Italia si cura, l’Italia è più sicura“, era lo slogan della Struttura di missione di Palazzo Chigi “Italia Sicura” concepita, lo scorso giugno 2014, per combattere il dissesto idrogeologico, sviluppare infrastrutture idriche e risanare l’edilizia scolastica. Una “grande opera pubblica” – che viaggia in Rete con l’hashtag #italiasicura e ha un suo sito web che si articola nelle tre sezioni dedicate a #dissesto#acquepulite#scuole - nata per accelerare l’attuazione degli interventi di messa in sicurezza del territorio, coordinando le azioni di tutte le strutture dello Stato e degli enti operanti nel settore.

È di pochi giorni fa, la notizia che la task force ha elaborato il nuovo testo del disegno di legge (C. 1533 Mariani) Interventi per il sostegno della formazione e della ricerca nelle scienze geologiche“. Il testo prevede tre tipi di incentivi: l’istituzione di “premi e borse di studio” per il quinquennio accademico 2015/2016-2019/2020 a favore degli studenti iscritti a Scienze Geologiche, Scienze e Tecnologie Geologiche e Scienze Geofisiche; per una quota pari all’1% del Fondo per la prevenzione del rischio sismico, il finanziamento dell’acquisto da parte delle Università di strumentazioni tecniche necessarie per la ricerca su prevenzione e previsione dei rischi idrogeologici; per il finanziamento dei progetti di ricerca presentati dalle università e finalizzati alla previsione e prevenzione dei rischi geologici, è autorizzata la spesa di due milioni di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017 (sei milioni in tutto).

“Una sfida come quella della sicurezza del territorio è una battaglia di lungo periodo in cui saranno necessari, a fianco delle istituzioni, i più alti e attrezzati contributi della comunità scientifica e dei geologi in primo luogo” – ha commentato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – “si punta così ad accrescere le competenze professionali del sistema accademico e scientifico italiano”.

“Per la prima volta sul tema del contrasto al rischio idrogeologico“, ha dichiarato l’A.N.B.I. –  l’Associazione nazionale che rappresenta e tutela gli interessi dei Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario operanti nel nostro Paese – “l’Italia fa un salto di qualità ed investe sulla salvaguardia del territorio e sulla prevenzione, anziché concentrarsi sull’intervento in fase di emergenza”.

Secondo dati del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio, il 9,8% del territorio nazionale è costituito da aree ad elevata criticità idrogeologica: si tratta dell’82% dei Comuni, dove  si stimano a rischio 6.250 scuole, 550 ospedali, circa 500 mila aziende (agricole comprese), 1,2 milioni di edifici, residenziali e non. Ancora: secondo dati ISPRA – l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - si calcolano 6.154.011 abitanti residenti in aree ad elevata criticità idraulica e circa 22 milioni di abitanti in territori a rischio medio. E l’Italia è anche il Paese europeo più interessato da fenomeni franosi: sono state censite 499.511 frane (pari a circa il 70% delle frane mappate in Europa) e l’ISPRA stima che la popolazione esposta a fenomeni franosi in Italia ammonti a 1.001.174 abitanti.

Si legge nel piano messo a punto da A.N.B.I. “Azioni per #ItaliaSicura” e presentato nella Capitale la scorsa settimana: “In Italia siamo in presenza di un territorio caratterizzato da una fragile struttura geologica e idraulica che, da un lato, è stata scarsamente tutelata e, dall’altro, profondamente vulnerata da una pervicace scelleratezza urbanistica che ha consentito e tollerato il costruire ovunque anche ai margini, se non persino nell’alveo dei fiumi con cementificazioni irresponsabili”.

L’ISPRA in un recente rapporto sull’uso del territorio (fine febbraio 2014), ha di nuovo sottolineato gli effetti nefasti della cementificazione e quindi dell’impermeabilizzazione del suolo che, negli ultimi anni, ha più che raddoppiato la propria incidenza per abitante rispetto agli anni ’50: da 178 a 369 metri quadrati. Risultato: il suolo urbanizzato occupa oggi il 7,3% della superficie nazionale – a confronto del 2,9% di sessant’anni fa – ben oltre la media europea che è del 4,6%.

“Manutenzione ed usi del territorio sono un binomio inscindibile cui è subordinata in gran parte la sicurezza territoriale del Paese” – si legge nel dossier preparato dall’A.N.B.I – “per questo, i lavori in atto in Parlamento per l’approvazione delle norme relative al contenimento del consumo del suolo  - Disegno di legge sul ”Contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato” (A.C. 2039) – lasciano ben sperare in un nuovo modo di operare sul territorio”.

Fra il 2010 e il 2012 il costo del dissesto idrogeologico, in Italia, è stato stimato in 7,5 miliardi di euro (in media 2,5 miliardi l’anno), mentre nei 65 anni precedenti era stato, in valore attuale, di 54 miliardi di euro: considerando che il Ministero dell’Ambiente calcolava, nel  2008, che per mettere in sicurezza le zone a maggior rischio del territorio italiano sarebbero stati necessari almeno 40 miliardi di euro, si può concludere che con le somme spese in risarcimenti e riparazioni dei danni nelle sole località colpite, si sarebbe potuta realizzare la difesa dell’intero territorio, abbattendo i costi futuri ed evitando tante vittime.

Secondo l’A.N.B.I. sono necessarie “fondamentali azioni di prevenzione e protezione, volte a ridurre l’impatto degli eventi eccezionali attraverso azioni volte a rinforzare i  territori franati, a contenere i versamenti franosi, sistemare le pendici, regolare  i torrenti ed i piccoli corsi d’acqua, provvedere finalmente a realizzare gli adeguamenti di quelle opere di bonifica idraulica destinate alla difesa del suolo”. Non solo. L’associazione che rappresenta i consorzi di bonifica, ha chiesto al Legislatore “un’importante svolta nella progettazione dell’evoluzione dei territori che  garantisca, con precise e puntuali norme, l’invarianza idraulica degli interventi che incidono sulle trasformazioni del territorio”. In caso contrario, spiega, “l’impermeabilizzazione continuerà a ridurre le notevoli capacità di ritenzione idrica del terreno  originario con inevitabili gravi danni in occasione delle piogge”.

Secondo Erasmo D’Angelis, a capo della task force Italia Sicura di Palazzo Chigi, le Regioni, con le Autorità di bacino e la protezione civile, avrebbero indicato circa 5.200 opere contro il dissesto idrogeologico per un ammontare di 19 miliardi di euro: di queste però “il 90% non è cantierabile perché manca di studi e progettazione mentre il 10% può andare a gara e si può tradurre in interventi per 1-1,2 miliardi“, cifra che – prosegue D’Angelis – sarà finanziata nel 2015 e che diventa una norma nel collegato ambientale“.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende