Home » Nazionali »Politiche » “Italiasicura”: formazione e ricerca contro il dissesto idrogeologico:

“Italiasicura”: formazione e ricerca contro il dissesto idrogeologico

febbraio 12, 2015 Nazionali, Politiche

Se l’Italia si cura, l’Italia è più sicura“, era lo slogan della Struttura di missione di Palazzo Chigi “Italia Sicura” concepita, lo scorso giugno 2014, per combattere il dissesto idrogeologico, sviluppare infrastrutture idriche e risanare l’edilizia scolastica. Una “grande opera pubblica” – che viaggia in Rete con l’hashtag #italiasicura e ha un suo sito web che si articola nelle tre sezioni dedicate a #dissesto#acquepulite#scuole - nata per accelerare l’attuazione degli interventi di messa in sicurezza del territorio, coordinando le azioni di tutte le strutture dello Stato e degli enti operanti nel settore.

È di pochi giorni fa, la notizia che la task force ha elaborato il nuovo testo del disegno di legge (C. 1533 Mariani) Interventi per il sostegno della formazione e della ricerca nelle scienze geologiche“. Il testo prevede tre tipi di incentivi: l’istituzione di “premi e borse di studio” per il quinquennio accademico 2015/2016-2019/2020 a favore degli studenti iscritti a Scienze Geologiche, Scienze e Tecnologie Geologiche e Scienze Geofisiche; per una quota pari all’1% del Fondo per la prevenzione del rischio sismico, il finanziamento dell’acquisto da parte delle Università di strumentazioni tecniche necessarie per la ricerca su prevenzione e previsione dei rischi idrogeologici; per il finanziamento dei progetti di ricerca presentati dalle università e finalizzati alla previsione e prevenzione dei rischi geologici, è autorizzata la spesa di due milioni di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017 (sei milioni in tutto).

“Una sfida come quella della sicurezza del territorio è una battaglia di lungo periodo in cui saranno necessari, a fianco delle istituzioni, i più alti e attrezzati contributi della comunità scientifica e dei geologi in primo luogo” – ha commentato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – “si punta così ad accrescere le competenze professionali del sistema accademico e scientifico italiano”.

“Per la prima volta sul tema del contrasto al rischio idrogeologico“, ha dichiarato l’A.N.B.I. –  l’Associazione nazionale che rappresenta e tutela gli interessi dei Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario operanti nel nostro Paese – “l’Italia fa un salto di qualità ed investe sulla salvaguardia del territorio e sulla prevenzione, anziché concentrarsi sull’intervento in fase di emergenza”.

Secondo dati del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio, il 9,8% del territorio nazionale è costituito da aree ad elevata criticità idrogeologica: si tratta dell’82% dei Comuni, dove  si stimano a rischio 6.250 scuole, 550 ospedali, circa 500 mila aziende (agricole comprese), 1,2 milioni di edifici, residenziali e non. Ancora: secondo dati ISPRA – l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - si calcolano 6.154.011 abitanti residenti in aree ad elevata criticità idraulica e circa 22 milioni di abitanti in territori a rischio medio. E l’Italia è anche il Paese europeo più interessato da fenomeni franosi: sono state censite 499.511 frane (pari a circa il 70% delle frane mappate in Europa) e l’ISPRA stima che la popolazione esposta a fenomeni franosi in Italia ammonti a 1.001.174 abitanti.

Si legge nel piano messo a punto da A.N.B.I. “Azioni per #ItaliaSicura” e presentato nella Capitale la scorsa settimana: “In Italia siamo in presenza di un territorio caratterizzato da una fragile struttura geologica e idraulica che, da un lato, è stata scarsamente tutelata e, dall’altro, profondamente vulnerata da una pervicace scelleratezza urbanistica che ha consentito e tollerato il costruire ovunque anche ai margini, se non persino nell’alveo dei fiumi con cementificazioni irresponsabili”.

L’ISPRA in un recente rapporto sull’uso del territorio (fine febbraio 2014), ha di nuovo sottolineato gli effetti nefasti della cementificazione e quindi dell’impermeabilizzazione del suolo che, negli ultimi anni, ha più che raddoppiato la propria incidenza per abitante rispetto agli anni ’50: da 178 a 369 metri quadrati. Risultato: il suolo urbanizzato occupa oggi il 7,3% della superficie nazionale – a confronto del 2,9% di sessant’anni fa – ben oltre la media europea che è del 4,6%.

“Manutenzione ed usi del territorio sono un binomio inscindibile cui è subordinata in gran parte la sicurezza territoriale del Paese” – si legge nel dossier preparato dall’A.N.B.I – “per questo, i lavori in atto in Parlamento per l’approvazione delle norme relative al contenimento del consumo del suolo  - Disegno di legge sul ”Contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato” (A.C. 2039) – lasciano ben sperare in un nuovo modo di operare sul territorio”.

Fra il 2010 e il 2012 il costo del dissesto idrogeologico, in Italia, è stato stimato in 7,5 miliardi di euro (in media 2,5 miliardi l’anno), mentre nei 65 anni precedenti era stato, in valore attuale, di 54 miliardi di euro: considerando che il Ministero dell’Ambiente calcolava, nel  2008, che per mettere in sicurezza le zone a maggior rischio del territorio italiano sarebbero stati necessari almeno 40 miliardi di euro, si può concludere che con le somme spese in risarcimenti e riparazioni dei danni nelle sole località colpite, si sarebbe potuta realizzare la difesa dell’intero territorio, abbattendo i costi futuri ed evitando tante vittime.

Secondo l’A.N.B.I. sono necessarie “fondamentali azioni di prevenzione e protezione, volte a ridurre l’impatto degli eventi eccezionali attraverso azioni volte a rinforzare i  territori franati, a contenere i versamenti franosi, sistemare le pendici, regolare  i torrenti ed i piccoli corsi d’acqua, provvedere finalmente a realizzare gli adeguamenti di quelle opere di bonifica idraulica destinate alla difesa del suolo”. Non solo. L’associazione che rappresenta i consorzi di bonifica, ha chiesto al Legislatore “un’importante svolta nella progettazione dell’evoluzione dei territori che  garantisca, con precise e puntuali norme, l’invarianza idraulica degli interventi che incidono sulle trasformazioni del territorio”. In caso contrario, spiega, “l’impermeabilizzazione continuerà a ridurre le notevoli capacità di ritenzione idrica del terreno  originario con inevitabili gravi danni in occasione delle piogge”.

Secondo Erasmo D’Angelis, a capo della task force Italia Sicura di Palazzo Chigi, le Regioni, con le Autorità di bacino e la protezione civile, avrebbero indicato circa 5.200 opere contro il dissesto idrogeologico per un ammontare di 19 miliardi di euro: di queste però “il 90% non è cantierabile perché manca di studi e progettazione mentre il 10% può andare a gara e si può tradurre in interventi per 1-1,2 miliardi“, cifra che – prosegue D’Angelis – sarà finanziata nel 2015 e che diventa una norma nel collegato ambientale“.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende